Un weekend decisamente movimentato a Ferrara, con i concerti del Ferrara Summer Festival in Piazza Trento Trieste, il Festival Riaperture che riapre edifici ferraresi e l’associazione culturale Oltre le Mura che apre due Teatri del centro Storico.

Tra questi si annovera l’evento “Mi chiamavo Eva”, proiettato sabato 26 settembre alla Sala Estense, mutilata causa distanziamento e una riduzione di capienza a 50 posti. Il cortometraggio che ha visto il sold out della sala, ha coinvolto studenti, professori, genitori e figli in un argomento delicato come il revenge porn e il cyberbullismo della rete. La serata ha avuto una serie di discussioni e dibattiti tra il pubblico con le speaker invitate, esperte in crimomologia, Roberta Brega e Giulia Perrone, speaker anche del TEDxFerrara.

Infatti, l’associazione culturale che detiene la licenza del TEDxFerrara ha aperto le porte del bellissimo Teatro Nuovo. Lo spostamento improvviso è stato dettato dalle previsioni meteo incerte, temperature non più estive, quindi una modifica necessaria per salvaguardare la salute dei 300 partecipanti.

Sul palco del TEDxFerrara, sono intervenuti 10 speaker accompagnatati dalla presentatrice Miriam Previati, che per il secondo anno consecutivo regala alla città un format fondamentale per la condivisione di idee.

Ogni speaker, diverso per ruolo, professione e storia, ha raccontato il cambiamento, mettendo i paletti sulla direzione da seguire. Tra i fuori programma si annoverano i Meltin Pot, gruppo ferrarese giovanissimo, e Ferrara Says, un progetto che vuole rispolverare il dialetto ferrarese in chiave ironica.

Anche questo weekend, l’associazione Oltre le Mura ha portato nuovo Know-how, fresco e innovativo, all’interno della città di Ferrara.