L'ammissione da parte della Russia di essere in stato di guerra apre la regione all'ignoto Politica

MoscaDopo che in Russia è stato proibito l’uso della parola “guerra” per descrivere le ostilità con l’Ucraina, la dichiarazione del portavoce del Cremlino Dmitry Peskov secondo cui l’operazione militare speciale in Ucraina si era trasformata in una guerra a causa dell’intervento occidentale ha sollevato dubbi sui segnali che questo improvviso il cambiamento comporta e le ripercussioni che potrebbero derivarne.

Peskov ha affermato in dichiarazioni straordinarie: “La Russia è in uno stato di guerra. All'inizio si chiamava un'operazione militare speciale”, ha continuato dicendo che lo status giuridico dell'operazione speciale in Ucraina non è cambiato, ma in realtà si è trasformata in una guerra. dopo che l’Occidente ha aumentato direttamente il suo livello di partecipazione collettiva.

Il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato l’inizio di quella che è stata chiamata l’operazione speciale in Ucraina il 24 febbraio 2022. Ha descritto il suo obiettivo come proteggere le persone “soggetti a bullismo e genocidio da parte del regime di Kiev”.

Durante le ostilità, le forze russe presero il controllo completo della Repubblica di Luhansk, oltre alla maggior parte delle regioni della Repubblica di Donetsk e delle regioni di Kherson e Zaporozhye, alle quali, sulla base dei risultati dei referendum tenutisi successivamente, le potenze al potere annunciarono la loro adesione. a Mosca e, dal 19 ottobre 2022, attuare la legge marziale nelle aree lì.

L'Ucraina ha avvertito che la Russia sta preparando 100.000 soldati per lanciare un'operazione su larga scala quest'estate contro il suo territorio (francese)

nuovo inizio

Nell'ultimo periodo, fino alla recente dichiarazione di Peskov, la legislazione russa proibiva l'uso del termine “guerra” nei media, e i responsabili di ciò subivano conseguenze legali in conformità con la legge “Informazione, tecnologia dell'informazione e protezione dell'informazione”.

READ  Tesla guida e guida: il tedesco raggiunge la soglia di 1,9 milioni di chilometri con la sua Model S

Il cambiamento temporale della posizione russa è avvenuto circa una settimana dopo la fine delle elezioni presidenziali, che secondo alcuni osservatori costituirebbero un nuovo inizio nell'approccio alla guerra con l'Ucraina e alle forme di conflitto con i suoi alleati occidentali.

Il direttore del Centro per le previsioni politiche, Denis Krkudinov, ritiene che l'addetto stampa del presidente russo non sia la persona in grado di esprimere opinioni divergenti dalla posizione ufficiale. Per questo motivo, la sua affermazione secondo cui di fatto sarebbe diventata una guerra ha attirato grande attenzione.

Karkudinov spiega ad Al Jazeera Net che l'attenzione di Peskov, in particolare sul fatto che l'intera alleanza NATO ora si oppone al suo paese, porta un segnale speciale che la Russia inizierà a rispondere ai paesi occidentali.

I paesi della NATO, come afferma il ricercatore russo, non solo impediscono il raggiungimento di qualsiasi accordo che possa porre fine alla “fase calda” del confronto, ma ostacolano anche negoziati costruttivi. Inoltre, sullo sfondo delle dichiarazioni “aggressive” del presidente francese Emmanuel Macron, tutte le affermazioni secondo cui la NATO non è parte in conflitto sembrano una “scusa” ingenua.

Secondo lo stesso portavoce, sono state le autorità di Kiev a contribuire a trasformare la zona militare del nord in una zona di guerra. In un momento in cui gli obiettivi della Russia si limitavano alla smilitarizzazione dell’Ucraina e all’eliminazione del nazismo, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha rifiutato di fare qualsiasi concessione a Mosca e ha avviato un processo di confronto globale.

Più pericoloso

Il direttore del Centro previsioni spiega che la Russia si trova ora di fronte a un nuovo e diverso ambito di azione militare, che potrebbe iniziare con l'informazione e la preparazione diplomatica per colpire obiettivi della NATO.

READ  Morti e feriti a seguito di una grande esplosione in un deposito di carburante nel Nagorno-Karabakh | al di fuori

Ha aggiunto, chiedendo: “Ad esempio, cosa dovremmo fare se gli aerei americani F-16 cominciassero a volare verso di noi dagli aeroporti della NATO in Polonia e Romania? Dovremmo rispondere bombardandoli?” Avvertendo che ciò potrebbe sostanzialmente significare l’inizio della Terza Guerra Mondiale.

Da parte sua, l'accademico Alexei Arbatov non esclude che dopo le dichiarazioni di Peskov il conflitto militare possa raggiungere uno stadio più pericoloso.

Spiega che se un accordo di cessate il fuoco non verrà raggiunto presto, tutto porterà a una guerra su larga scala, ad esempio i missili russi a lungo raggio inizieranno a colpire le infrastrutture dell'Ucraina. D’altra parte, l’Ucraina potrebbe lanciare lo stesso tipo di attacchi contro la Russia che, se non preceduti da un accordo di pace, rischierebbero gravi conseguenze per tutte le parti.

Secondo Arbatov, se le ostilità si trasformassero in combattimenti su larga scala, bisognerebbe “stringere la cinghia” perché l'economia sarà sull'orlo della guerra. Poiché i droni volano non solo verso le zone di confine ma anche verso entrambe le capitali, ciò non esclude l’imposizione della legge marziale, in primo luogo, Nelle aree adiacenti al conflitto (confine).

L'accademico russo conclude che l'Occidente ha già trasformato l'economia in una formula militare, e ora tocca alla Russia, sottolineando che durante la prima guerra mondiale furono istituiti speciali comitati industriali militari, e durante la seconda guerra mondiale quelli che furono chiamati “difesa” comitati” funzionavano in quel momento.

È probabile che lo Stato assumerà il pieno controllo dell’economia, compresa la possibile nazionalizzazione temporanea delle imprese più importanti nei settori chiave, poiché i costi degli scopi militari verranno in primo piano, e tutto il resto dovrà essere dimenticato per un po’. Mentre.

READ  30 Le migliori recensioni di Palo Santo Legnetti testate e qualificate con guida all'acquisto

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply