La straordinaria immensità dello spazio è ben spiegata

Per molte persone la Terra rappresenta tutto il loro mondo personale: una pura illusione! Parti con noi in un viaggio alla scoperta della grandezza dello spazio

Per molte persone, la Terra rappresenta il loro intero mondo personale. Rimarrai stupito quando scoprirai quante persone, occupate a scegliere abiti, luoghi e mode di consumo, il cui significato un giorno ti spiegherò se riuscirò a scoprirle, sono completamente ignare di ciò che sta sopra le loro teste. teste, Ciò che l’universo è realmente e qual è il suo vero significato non ha importanza. Viaggio nell’immensità dello spazio.

Noi siamo giovani

Se sentiamo che questo pianeta è così enorme, da non riuscire nemmeno a capire che in realtà non è piatto, come potrebbe sembrare, ma una sfera quasi perfetta, è semplicemente perché siamo così piccoli che non riusciamo a vedere chiaramente. E a volte, anche ciò che appare costantemente davanti ai nostri occhi. Per completare un viaggio intorno alla Terra e ritrovare esattamente il punto di partenza, avrai bisogno di un aereo potente, con carburante sufficiente per percorrere i 40.000 km necessari. Viaggiando a circa 800 km/h, molto più velocemente di qualsiasi altra vettura, occorrerebbero esattamente 50 ore per chiudere il circuito. Se decidessi di provare a fare il giro del mondo a piedi e di trovare un modo per camminare sul 70% della sua superficie, anche se fosse piena d’acqua, ci vorrebbero mesi, forse anni, per tornare al punto di partenza. Nessuno vive abbastanza a lungo da vedere tutto nella sua vita pianetae non è nemmeno limitato al 30% dei paesi emergenti.

Un raggio di luce nell’universo

La straordinaria immensità dello spazio è ben spiegata
Terra e luna di Saturno. Credito: NASA

Ora, invece, immagina di essere a bordo di un raggio di luce, che per qualche strano motivo riesce a portarti con te nel suo viaggio attraverso l’universo. Tenetevi stretti alle sue comode spalle e lasciatevi travolgere dalla velocità vertiginosa. Poco più di un secondo, neanche il tempo sufficiente per capire cosa sta succedendo, e vedi la luna passare velocemente alla tua destra. Ti ci vorrà un altro secondo per guardare dove è andato a finire il terreno, allungare rapidamente il braccio e capire che quella distesa infinita di acqua e vita ora è un pezzo di marmo più piccolo appoggiato sulla tua mano.

READ  Esortare più donne keniane a ricoprire posizioni nei consigli di amministrazione

Presto la Terra scompare nell’oscurità dell’universo

Sono passati quindici secondi e basta il mignolo per coprire la testa dell’unghia blu. Il viaggio dura solo un quarto d’ora su questo raggio di luce, e acqua e terra si fondono in un punto infinitesimale più luminoso di qualsiasi stella; Nelle vicinanze c’è un altro punto che ricorda vagamente il colore della luna. In primo piano Marte si profila fugacemente per ricordarti che probabilmente ti trovi a poco più di 60 milioni di chilometri da casa. Un’ora di viaggio e, mentre Saturno mostra quegli splendidi anelli perfetti, la Terra e la sua fidata compagna, la Luna, sono ora uno spillo sfocato colpito dai raggi del sole vicino. Il tempo che impiega un uomo d’affari per volare da Roma a New York mentre tu sei a più di 10 miliardi di chilometri di distanza. Il sole divenne molto piccolo e molto più debole; La Terra… beh, non potrai vederla se non porti con te almeno un binocolo. Ma devo essere sincero, non ti servirà a molto, perché tra poche ore non potrai più vederlo nemmeno con il telescopio.

Spazio interstellare

Viaggiatore spaziale interstellare 1
Credito: NASA

Dopo una giornata di viaggio, che è il tempo necessario per volare in Australia, ci si ritrova circondati da un cielo nero come la pece, privo di pianeti, e il Sole sembra aver sostituito Venere nel cielo terrestre. Pensi di essere in una zona remota dello spazio, ma in realtà hai appena girato l’angolo in Via del Sistema Solare, poco più di una strada, un vicolo piccolo e stretto di una grande megalopoli. Le altre stelle non sembravano essersi mosse di un millimetro; Forse? Sì, perché solo per arrivare a quello più vicino servirebbero più di 4 anni di viaggio, e almeno la metà per poter osservare il movimento di quello molto più vicino del percorso del Sole durante una giornata soleggiata sulla Terra. Quelli causati dalla tua tremenda velocità. Non ci sarà molto da fare; Avrai tempo per riflettere che le vite, le urla, le guerre, i suoni, i sogni, le speranze, le grandi imprese di cui sono capaci gli esseri umani, e tutto ciò che hai visto fino al momento della partenza, sono così lontani lontano che si perdono in un punto che può essere visto solo con telescopi molto più potenti dei nostri. Chi si trova su questo pianeta chiamato Terra esamina la vastità dell’universo. Avrai molto a cui pensare, ma anche dopo 1.000 vite avrai esplorato solo una delle 200.000 parti dell’universo che possiamo osservare. Forse avrai anche tu l’opportunità di sentire il peso della consapevolezza di qualcosa di molto più grande di noi stessi; Qualcosa che ti fa stare male, a volte, quando qualcuno, non molti, intraprende lo stesso viaggio che stai facendo tu nella sua immaginazione.

READ  30 Le migliori recensioni di Idee Regalo Natale Originali testate e qualificate con guida all'acquisto

Un viaggio (di fantasia) da fare almeno una volta

Spazio interstellare
Credito: NASA

Devi andartene. Potrai vedere più chiaramente il significato di certe azioni dei tuoi coetanei; Capirai quali sono le vere priorità della vita, forse troverai e comprenderai la vita reale, e sicuramente imparerai ad apprezzare il tempo che hai a disposizione e a utilizzarlo meglio. Allora ti sentirai piccolo e insignificante, e ti renderai conto che la formica, anche se fosse la regina dei suoi grandi numeri, non potrà nulla contro l’elefante, che da questa altezza non vedrà nemmeno quei punti incontrollati che fare tanto rumore. Ma non capiscono che le loro urla non si alzeranno mai a più di pochi centimetri dal suolo. Era sicuro che quell’elefante avrebbe continuato ad esistere con o senza la Regina e il suo popolo, perché per lui, da quell’altezza, nulla sarebbe cambiato se loro non fossero stati lì. non andare via; Forse un giorno tornerà su questo pianeta e mostrerà quanto sarà bello e utile se molti altri riusciranno a tenersi sulle spalle di un raggio di luce. Non c’è bisogno di spaventarli con l’oscurità e il freddo dell’universo. Non tutti possono gestire questa esperienza; Basta girare l’angolo per dimostrare che un vicolo che somiglia ad un formicaio rappresenta tutto se solo rinunciassimo a tutta la nostra vita, per paura o per altri motivi inutili, per sporgere la testa anche per pochi fugaci secondi.

Articolo dell’astrofisico Daniele Gaspari. A questo link potete trovare tutti i suoi libri

Credito immagine di copertina

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply