La Spagna sta indagando su un leader separatista catalano in connessione con il terrorismo

La Corte Suprema spagnola ha aperto un'indagine contro l'ex leader della Catalogna con l'accusa di terrorismo in seguito al tentativo di secessione del 2017.

La Corte Suprema spagnola ha stabilito il 29 febbraio che Carles Puigdemont, ex leader della regione della Catalogna e attuale membro del Parlamento europeo, sarà indagato e “processato a tempo debito” per accuse di terrorismo legate al Partito Democratico. Gruppo Tsunami.

Si ritiene che questo gruppo abbia partecipato a una protesta nell'ottobre 2019, che ha incitato migliaia di persone ad assediare l'aeroporto di Barcellona per diverse ore e ha causato la cancellazione di oltre 100 voli. Gli scontri tra polizia e manifestanti hanno provocato il ferimento di almeno 115 persone.

Il leader separatista catalano Carles Puigdemont nella capitale belga, Bruxelles, nel novembre 2023, dopo aver negoziato un accordo di amnistia. immagine: Reuters

La Corte Suprema spagnola ha stabilito che la protesta dell’ottobre 2019 è un atto di “terrorismo di strada”. I giudici hanno affermato che il gruppo che ha organizzato le proteste ha cospirato per minare la legge e l’ordine, minare gravemente la pace, causare gravi danni alle attività internazionali e diffondere il terrore tra la gente.

“Ci sono prove che il signor Carles Puigdemont sia stato coinvolto nell'incidente oggetto dell'indagine”, ha affermato la Corte Suprema spagnola.

Funzionari spagnoli ritengono che Puigdemont abbia co-fondato l'organizzazione Democratic Tsunami con l'obiettivo di “sfidare la legge e l'ordine per destabilizzare seriamente le istituzioni democratiche”.

Democratic Tsunami è un gruppo segreto che ha organizzato una serie di proteste in Spagna dopo che il governo centrale ha arrestato 13 politici pro-secessione nella regione della Catalogna.

READ  Una delle banche più grandi della Lettonia fornirà denaro ai residenti di questa categoria durante le vacanze!

Questa ondata di proteste è apparsa nel 2019, circa due anni dopo il referendum del 2017 che chiedeva l’indipendenza catalana. Il referendum non è stato approvato fin dall'inizio dalla Corte Suprema spagnola. Il governo Puigdemont annunciò allora che il 92% dei voti era favorevole alla secessione, ma il numero dei partecipanti non superava il 42% della popolazione totale della Catalogna.

Puigdemont e i suoi sostenitori hanno comunque dichiarato l’indipendenza nell’ottobre 2017. Il governo centrale di Madrid ha poi imposto lo stato di emergenza in Catalogna per porre fine ai tentativi di secessione e rieleggere il parlamento e i leader locali.

Carles Puigdemont perse la posizione e fuggì in Belgio per evitare l'arresto. Dopo che la Spagna ha revocato il mandato d'arresto, è stato eletto al Parlamento europeo nel 2019. Si ritiene che Puigdemont viva ancora in esilio all'estero, essendo sfuggito all'arresto due volte in Germania e in Italia.

Le azioni separatiste del 2017-2019, nonostante il loro fallimento, sono ancora considerate la crisi politica più grave degli ultimi decenni in Spagna.

nome (Teo Agenzia di stampa francese)


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply