La rotazione del buco nero appena scoperta rivela uno straordinario fenomeno spazio-temporale

Gli scienziati hanno recentemente scoperto un buco nero che presenta una velocità di rotazione eccezionalmente elevata, causando un’apparente deformazione dello spaziotempo nelle sue vicinanze.
Questo buco nero, noto come Sagittarius A*, si trova al centro della nostra galassia ed è stato osservato ruotare rapidamente, portando a cambiamenti nel tessuto dello spazio e del tempo che lo circonda.

Per comprendere questo fenomeno, è necessario considerare lo spazio-tempo come la quarta dimensione: la fusione dello spazio tridimensionale e del tempo unidimensionale. La curvatura di questo tessuto spazio-temporale viene osservata in risposta a massicci corpi celesti.

NASAL’Osservatorio a raggi X Chandra ha svolto un ruolo fondamentale nella scoperta di questo buco nero, che si trova a 26mila anni luce dalla Terra. Terra. Utilizzando questo telescopio, gli scienziati hanno rilevato emissioni di raggi X provenienti dalle regioni calde che circondano il buco nero. Un team di fisici ha condotto l’osservazione.

Per valutare la velocità di rotazione del buco nero, i ricercatori hanno utilizzato un metodo che prevede l’analisi delle onde radio e dei raggi X emessi dal materiale che circonda il buco nero, comunemente indicato come disco di accrescimento. Questo approccio è simile al monitoraggio del flusso d’acqua attorno a uno scarico per determinare la velocità all’interno dello scarico. I risultati, documentati negli Avvisi mensili della Royal Astronomical Society, descrivono in dettaglio la velocità di rotazione di Sagittarius A*.

Gli scienziati hanno rivelato che il buco nero ruota a una velocità insolita, provocando l’effetto Lens-Tirring, noto anche come “frame drag”. Questo effetto è simile a un vortice nello spazio.

Ruth Daly, professoressa di fisica presso Università statale della PennsylvaniaHa spiegato che l’effetto osservato è dovuto al trascinamento dello spazio-tempo da parte del potentissimo buco nero, capace di ruotare e distorcere la curva dello spazio-tempo.

Rispondendo alle preoccupazioni sull’effetto della curva spazio-temporale, Daly ha sottolineato, dopo aver studiato più di 750 buchi neri supermassicci nel 2019, che non è necessario preoccuparsi dei cambiamenti nello spazio-tempo. Ha invece sottolineato l’importanza per gli astronomi di far luce su questo fenomeno per far avanzare la loro comprensione. Dalì paragonò l’aspetto delle curve spazio-temporali a un pallone da calcio, presentando una versione distorta della realtà che osserviamo.

Infine, ci ha rassicurato sul fatto che, sebbene non vi sia motivo di preoccuparsi per quanto riguarda gli effetti sulle nostre vite, fare luce su questo fenomeno è importante per gli astronomi.

READ  Il ministro degli Esteri italiano difende l'accordo di migrazione tra Italia e Albania - Euractiv.fr

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply