La Polonia dimostra la sua ambizione olimpica con il successo europeo

File photo – Olimpiadi di Tokyo 2020 – Pallavolo – Gruppo A maschile – Polonia contro Italia – Ariake Arena, Tokyo, Giappone – 26 luglio 2021. Wilfredo Leon della Polonia in azione. REUTERS/Carlos Garcia Rawlins/foto d’archivio Ottenere i diritti di licenza

17 settembre (Reuters) – La Polonia spera di porre fine a 48 anni di siccità di medaglie olimpiche l’anno prossimo dopo essere diventata campionessa europea di pallavolo per la seconda volta battendo sabato a Roma l’Italia campione del mondo in due set.

Nel 1976 la Polonia vinse la medaglia d’oro, sconfiggendo l’Unione Sovietica nella finale dei Giochi di Montreal, la sua unica medaglia olimpica nell’evento. All’epoca erano campioni del mondo, avendo battuto anche l’Unione Sovietica due anni prima.

Ora, dopo aver finalmente vinto un altro Campionato Europeo 14 anni dopo la precedente vittoria nel 2009, e aver finito al primo posto nel mondo, inizieranno le qualificazioni olimpiche in Cina il 30 settembre come uno dei favoriti.

Tuttavia, la Polonia sarà cauta riguardo all’autocompiacimento. Ha partecipato alle ultime due Olimpiadi da campione del mondo, ma in entrambe le occasioni è stata eliminata ai quarti di finale.

Nove dei 12 giocatori della squadra che ha gareggiato alle ultime Olimpiadi in Giappone due anni fa facevano parte della squadra di 14 giocatori della Polonia che ha vinto il Campionato Europeo.

Tra questi c’è Wilfredo Leon, il servitore più veloce della pallavolo. Leon, di origine cubana, conosciuto come uno dei migliori giocatori al mondo, ha segnato 13 punti nella vittoria contro l’Italia sabato, inclusi tre ace.

L’unico a non essere presente alle ultime Olimpiadi è stato Norbert Huber. Il centrocampista ha contribuito con 12 punti alla vittoria della Polonia sull’Italia, con cinque ace e due muri.

READ  Riesci a riconoscere quale termine è diverso dagli altri termini in soli 10 secondi?

Huber ha saltato il Campionato del Mondo dello scorso anno a causa di un infortunio al tendine d’Achille quando la Polonia ha ospitato il torneo, ma ha perso contro l’Italia in finale.

Gli è stata data la possibilità agli Europei dopo che Mateusz Pjanic è stato escluso per infortunio e il 25enne l’ha afferrata con entrambe le mani.

La Polonia raramente è apparsa in difficoltà in finale, fatta eccezione per un periodo all’inizio del terzo set, quando l’Italia era in vantaggio per 8-5. Alla fine, hanno chiuso quell’entusiasmante set 25-23 vincendo 3-0 con l’aiuto di un asso di Hooper mentre le squadre erano in parità sul 17-17.

La vendetta per la sconfitta dell’anno scorso contro l’Italia è stata bellissima, poiché la squadra ha ricordato il suo ex giocatore Arkadios Golas, che ha giocato alle Olimpiadi greche del 2004 ma è morto in un incidente stradale il 16 settembre 2005.

Hanno dedicato la loro vittoria a Golas, quando la Polonia ha vinto il Campionato Europeo, nell’anniversario della sua morte nello stadio dove ha giocato la sua ultima partita per il paese.

“Sapevamo che Arik ci avrebbe guardato, fluttuando nell’aria, e in effetti, Arik probabilmente era con noi oggi e ci ha aiutato a giocare meglio”, ha detto a TVP Sport il giocatore d’oltremare polacco Aleksandar Sloka.

“La data di oggi, questo anniversario, tutto questo ha un significato speciale. Siamo felici e ovviamente dedichiamo anche questa vittoria ad Ark.”

Ora, la Polonia spera di riassaporare finalmente il successo olimpico in Francia il prossimo anno ed emulare le leggende del 1976.

READ  Ricarica una SIM card e ricevi chiamate internet illimitate gratis per tutta la famiglia

Lo riferisce Trevor Staines. A cura di Ken Ferris

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply