La polizia cinese impedisce ai tifosi dei Giochi asiatici di pregare

domenica 1 ottobre 2023 – 00:08 WIB

TENDENZA VIVA – Le esigenze devozionali di tutte le persone che professano una religione devono essere tutelate e rispettate, qualunque sia la loro religione. Tuttavia, questo non sembra applicarsi durante questa situazione virale.

Leggi anche:

Gli atleti di eSport sudcoreani sono esentati dal servizio militare grazie alla medaglia d’oro dei Giochi Asiatici del 2023

Un video ha scioccato il mondo virtuale, mostrando un uomo che prega ma un agente di polizia sembra fermarlo.

È noto che l’incidente è avvenuto in Cina durante i Giochi asiatici del 2023.

Leggi anche:

La medaglia d’oro olimpica del 1992 Oksana Chusovitina dovrà ancora apparire ai Giochi asiatici del 2023

La polizia cinese impedisce ad un uomo uzbeko di pregare

Secondo le informazioni, l’uomo proveniva dall’Uzbekistan. In un video che ha avuto ampia diffusione sui social media, un agente di polizia cinese è intervenuto mentre il cittadino uzbeko stava recitando la preghiera obbligatoria per i musulmani.

Leggi anche:

Banda di rapinatori a mano armata Satroni Indomaret, la polizia ha bruciato l’autore del reato a causa della sua resistenza

Il video è stato caricato dall’account TikTok, @HanifFadhil12, domenica 1 ottobre 2023. Si può vedere che un poliziotto cinese non identificato sta invitando i sostenitori dell’Uzbekistan che stanno ancora pregando a discutere e sembra impedirgli di eseguire le sue preghiere .

Il registratore, che inizialmente aveva ripreso il video a distanza, è intervenuto chiedendo alla polizia di non toccare l’uomo che stava pregando. Questo perché la polizia ha iniziato a ostacolare il movimento di preghiera mentre l’uomo stava per eseguire il movimento in ginocchio.

READ  Il satellite Copernicus rileva un gigantesco buco nello strato di ozono sopra l’Antartide, tre volte più grande del Brasile.

Il videoregistratore ha gridato in difesa mentre si avvicinava all’ufficiale: “Polizia, non toccatelo! Questa è solo una preghiera”.

Quando il poliziotto ha visto ciò, ha parlato in cinese tramite un dispositivo di comunicazione con il suo collega. Non passò molto tempo prima che l’uomo potesse finalmente porre fine alla sua adorazione.

“Solo un minuto, per favore, ok? Fatto. Grazie, è fatto”, ha detto l’uomo che ha girato il video.

“Non c’è nessun luogo di culto nello stadio”, ha detto, credendo ancora alla polizia, prima di terminare il video. “Non ci sono sale di preghiera in questo stadio”. Dopo aver finito, l’uomo uzbeko ha immediatamente sistemato il suo tappeto da preghiera e la polizia gli ha immediatamente chiesto di andarsene.

Ciò ha sicuramente attirato l’attenzione dei netizen.

Dio, anche se non era un criminale o un piantagrane, era trattenuto fino a quel punto.“, hanno scritto con rabbia gli utenti della rete.

Non pochi sono grati di vivere in Indonesia, dove il culto è protetto dal governo.

Fortunatamente viviamo in Indonesia, quindi il nostro culto è sicuro e protetto dalla legge“, ha scritto un altro utente online.

La pagina successiva

Il videoregistratore ha gridato in difesa mentre si avvicinava all’ufficiale: “Polizia, non toccatelo! Questa è solo una preghiera”.

La pagina successiva

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply