La Nebulosa del Granchio.. Rivela di più su ciò di cui hanno parlato gli scienziati musulmani | Scienze

|

Gli astronomi hanno annunciato dal telescopio spaziale James Webb di aver catturato una nuova immagine della Nebulosa del Granchio, che è uno degli oggetti più famosi del cielo, sia per gli specialisti di astronomia che per gli astrofili che la contemplano con i loro piccoli telescopi.

La nuova immagine scattata dalle telecamere NERCAM e MIRI ha mostrato nuovi dettagli della nebulosa, poiché lo zolfo ionizzato appare in rosso-arancio, il ferro ionizzato in blu e la polvere in giallo, bianco e verde.

James Webb è stato in grado di immergersi più a fondo nei dettagli delle nebulose rispetto a telescopi come Hubble grazie alla gamma in cui opera, che è la gamma dell’infrarosso che consente al telescopio di penetrare nelle nuvole di polvere e monitorare ciò che accade sullo sfondo.

Per amor di approssimazione, è come se qualcuno si recasse in ospedale a causa di una frattura dell’anca e subisse un

Da sinistra: immagine del telescopio Hubble nel 2005 e a destra: immagine del telescopio James Webb nel 2023 (NASA)

La stella al centro del cancro

Inoltre, James Webb evidenzia quella che è conosciuta come “radiazione di sincrotrone”, che è un’emissione risultante da particelle cariche che si muovono attorno alle linee del campo magnetico della stella di neutroni situata al centro della nebulosa, che ruota su se stessa molto velocemente. appare nell’immagine di James Webb sotto forma di una nuvola di fumo vorticoso all’interno della Nebulosa del Granchio.

Secondo una dichiarazione rilasciata dalla piattaforma del telescopio James Webb, il vento prodotto dalla pulsar nel cuore della nebulosa spinge verso l’esterno gli involucri di gas e polvere ad un ritmo rapido, per cui i filamenti che compongono la nebulosa tendono ad essere più lunghi verso il lato in alto a destra della nebulosa, che è la stessa direzione in cui si muove la pulsar. .

READ  Il tuo smartphone si blocca spesso? In questo modo si risolverà il problema

Questa stella è ciò che rimane di un’altra stella gigante, decine di volte più grande del Sole. Visse in questo luogo migliaia di anni fa, poi collassò su se stessa, esplodendo, provocando una massiccia supernova. Questo è ciò che vediamo ora come la Nebulosa del Granchio, lasciando ciò che resta del suo nucleo come una piccolissima stella di neutroni, con un diametro di soli 20 chilometri circa e una massa maggiore del nostro Sole. Il seguente video incluso nella dichiarazione accompagna lo spettatore in un viaggio nelle profondità della Nebulosa del Granchio.

Il libro di Ibn Abi Usaibah

L’esplosione di questa stella sulla Terra fu osservata in diverse regioni nell’anno 1054, ed era presente in alcuni documenti cinesi, dove Yang Wei Te, uno degli astronomi della corte reale cinese, la vide come una stella insolitamente luminosa sulla Terra. all’orizzonte.Si chiamava la stella ospite, e continuò a brillare come una luna piena per 23 giorni.Un giorno, poi scomparve.

Ciò fu testimoniato anche da alcuni studiosi del mondo islamico di quel periodo, e qui ricordiamo che il famoso storico Ibn Abi Usayba’a (morto nel 1270 d.C.) narrò nel suo libro “Tabaqat Physicians” sull’autorità del medico Al -Mukhtar ibn Batlan (morto nel 1066 d.C.) che il fiume Nilo era basso nel 446 AH (che corrisponde al 1054 d.C.), mentre il cielo fu testimone dell’apparizione di una stella eccezionalmente luminosa.

Ma la prima persona ad osservare la Nebulosa del Granchio fu l’astronomo britannico John Bevis nel 1731, quando diresse il suo grande telescopio verso quella regione della costellazione del Toro e trovò una nebulosa dall’aspetto meraviglioso che in seguito fu chiamata “Nebulosa del Granchio”. Questa è stata la prima volta che noi umani abbiamo registrato l’osservazione dei resti di una supernova. .

READ  30 Le migliori recensioni di Carotatrice A Tazza Per Muro testate e qualificate con guida all'acquisto

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply