La dimensione delle balene del Pacifico è diminuita del 13%.

Secondo un nuovo studio che fornisce nuove informazioni sugli effetti dei cambiamenti climatici sui mammiferi marini, le balene grigie del Pacifico hanno visto le loro dimensioni ridursi del 13% in due decenni.

Gli scienziati avvertono che questa diminuzione delle dimensioni potrebbe avere un impatto significativo sulla capacità di queste balene di riprodursi e sopravvivere e potrebbe anche influenzare i loro sistemi di alimentazione.

Questi cetacei sono “guardiani dell’ecosistema” (AFP)

In questo studio, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Global Change Biology e riportati dall’Agence France-Presse, i ricercatori si sono concentrati su un piccolo gruppo di circa 200 balene grigie dell’Oceano Pacifico nord-orientale.

Questi cetacei sono considerati “guardiani dell’ecosistema”. Stanno vicino alla costa e si nutrono in acque meno profonde e più calde rispetto ad altri gruppi di balene grigie.

Studi precedenti avevano dimostrato che questo gruppo di balene, più piccolo e meno massiccio, soffre di condizioni peggiori rispetto agli altri.

“Ora sappiamo che i corpi di questi animali si sono ridotti negli ultimi 20-40 anni, il che potrebbe essere un primo segnale che il loro numero è a rischio di declino”, ha affermato il coautore dello studio Kevin Perlich.

I ricercatori hanno analizzato le immagini scattate dai droni tra gli anni 2016 e 2022 di 130 balene la cui età era stimata o nota, e hanno riscontrato una diminuzione media del 13% nelle dimensioni delle balene in età adulta, tra gli animali nati nel 2000 e quelli nati nel 2020. , una diminuzione di 1,65 metri per questi animali, che misurano circa 13 metri.

Questa contrazione delle dimensioni è più pronunciata nelle femmine, che storicamente erano più grandi dei maschi, e oggi hanno all’incirca le stesse dimensioni.

READ  Come un orologio: le Pantere Rosse hanno escluso l'Italia e aspettano l'Olanda

La riduzione delle dimensioni appare più evidente nelle femmine (AFP)

Tuttavia, “la dimensione è fondamentale per gli animali”, secondo Enrico Perrotta, ricercatore e autore principale dello studio, poiché “influenza il loro comportamento, le funzioni fisiologiche e il ciclo di vita, e ha effetti a cascata sugli animali e sui gruppi a cui appartengono”. loro appartengono.” Colpisce in particolare la riproduzione, con possibilità di sopravvivenza potenzialmente ridotte per la prole più piccola.

Ancora più importante, lo studio ha dimostrato una correlazione tra questa diminuzione delle dimensioni e l’interruzione della circolazione oceanica causata dai cambiamenti climatici, in particolare dalle correnti che consentono la crescita del plancton, il cibo delle balene.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply