In questo giorno: 29 novembre 1945: fu dichiarata la Repubblica Popolare Federale di Jugoslavia

La metà degli anni ’30 vide un cambiamento nella politica estera della Jugoslavia. Il primo ministro Milan Stojandinović iniziò un graduale disimpegno dalla Francia, fino ad allora stretto alleato della Jugoslavia, e si rivolse a Germania, Italia e Bulgaria. Stoandinović attuò questa politica, riflettendo la debolezza del regime di Versailles dopo l’ascesa al potere di Hitler e l’incapacità della Francia di difendere i propri interessi, per non parlare di quelli della Jugoslavia. Il suo successore, Dragisa Cvetković, ha mantenuto buoni rapporti con la Germania, stabilendo allo stesso tempo buoni rapporti con il Regno Unito – un atto di equilibrio.

Lo scoppio della guerra greco-italiana nell’ottobre 1940 allarmò la parte jugoslava. Belgrado era interessata a mantenere il porto di Salonicco in mano greca e temeva la possibilità che cadesse sotto il controllo italiano, tedesco o bulgaro. Pianificò addirittura un’operazione per impadronirsi della città per evitare che Salonicco cadesse nelle mani degli italiani. Dopo aver appreso di questo piano, l’Aeronautica Militare italiana bombardò il Monastero di Bitola nel novembre 1940, inviando un messaggio agli jugoslavi di rimanere neutrali nel conflitto greco-italiano.

Il 25 marzo 1941 la Jugoslavia, dopo aver ricevuto pressioni intollerabili da parte della Germania, si unì all’Asse. Tuttavia, due giorni dopo si verificò un colpo di stato militare, che rovesciò il governo di Cvetković e le sue politiche. Pavlos lasciò il paese e il figlio diciassettenne del re Alexandros Karagiorgis, Petros, assassinato nel 1934, fu dichiarato adulto prematuro. Hitler considerava il colpo di stato in Jugoslavia un insulto. Ordinò l’attacco al paese il 6 aprile. Il 17 aprile la Jugoslavia si arrese incondizionatamente.

READ  Le 40 persone che accompagneranno il presidente Gabriel Buric nel suo tour europeo

Il paese fu posto sotto l’occupazione tedesca e italiana e fu imposta una politica di riduzione dell’influenza serba. Dopo la resa della Jugoslavia, i ribelli serbi (cetnici) guidati dal colonnello Draza Mihailović iniziarono a resistere. Mihailović ha ricevuto il riconoscimento ufficiale dal governo jugoslavo in esilio a Londra. Ma il suo movimento di resistenza aveva molti punti deboli. Il più importante di questi è stata la mancanza di un programma chiaro per il regime del paese nel dopoguerra e il fatto che fosse composto principalmente da serbi e montenegrini. Accanto a Mihailović furono attivi nella resistenza anche i sostenitori di Josip Broz “Tito”, che esprimevano un programma politico completamente diverso. Il movimento di Tito era di natura sovranazionale e dichiarava il diritto all’autodeterminazione, attirando il resto dei popoli della Jugoslavia.

Il 29 e 30 novembre 1943 si riunì a Jajce, in Bosnia, la Seconda Assemblea antifascista del Partito di Liberazione Popolare della Jugoslavia (AVNOJ), che decise la futura ricostruzione del Paese e la sua trasformazione in un’unione federale. Tito ha ricevuto il titolo di feldmaresciallo e comandante in capo delle forze armate. Allo stesso tempo, il Consiglio ha tolto tutti i suoi poteri al governo in esilio. Il popolo deciderà attraverso le elezioni la forma di governo e attraverso il referendum il ritorno di Petros Karagiorgis.

Nell’agosto del 1944, Tito incontrò il primo ministro britannico Winston Churchill, che gli disse che non aveva intenzione di imporre un regime comunista alla Jugoslavia. Tuttavia, l’ingresso dell’esercito sovietico nel territorio jugoslavo fu decisivo per il predominio delle forze di Tito sul paese. Nel novembre 1944, Tito concordò con Ivan Subasic la formazione di un governo provvisorio, che includesse membri del governo in esilio. Tito è stato nominato Primo Ministro e Ministro della Guerra, mentre Subašić è stato nominato Ministro degli Affari Esteri. Ma il regime imposto in patria ha reso impossibile l’azione dei membri del governo in esilio. Nelle elezioni del novembre 1945 il Fronte Popolare dei Comunisti ottenne il 90% dei voti. L’Assemblea Nazionale Costituente, che abolì la monarchia, si riunì il 29 novembre 1945 e dichiarò la Repubblica Popolare Federale di Jugoslavia. L’imposizione del regime comunista in Jugoslavia era diventata una realtà.

READ  30 Le migliori recensioni di Coprisedili Fiat Panda testate e qualificate con guida all'acquisto

Il 30 novembre 1945 Kathimerini informava i suoi lettori sugli ultimi sviluppi nella vicina Jugoslavia: “La sessione della neoeletta Assemblea Costituente jugoslava è iniziata ieri sera intorno alle 12,15, esattamente due anni dopo la storica prima riunione dell’Assemblea Costituente jugoslava .” Il Parlamento della Resistenza, riunitosi nella piccola fortezza montana di Jasce, decise che la Jugoslavia sarebbe diventata una repubblica. L’abolizione della monarchia e la dichiarazione della Jugoslavia come repubblica federale erano previste da tempo.” Secondo la Reuters, Kathimerini ha riferito: “Questa misura non ha suscitato alcuna sorpresa negli ambienti informati di Londra.” L’Occidente sembrava aver accettato La transizione della Jugoslavia al campo socialista.

Editor di colonne: Myrto Katsigira, Vassilis Minakakis, Antigone Despina Poimenidou, Athanasios Syroplakis

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply