Il volo di ritorno dello Starliner è stato rinviato più volte, va davvero bene?

La capsula Boeing Starliner, arrivata alla Stazione Spaziale Internazionale il 6 giugno, era originariamente prevista per rimanere sulla stazione spaziale per circa una settimana, ma la NASA inizialmente aveva fornito una data di ritorno stimata per il 18 giugno, che è stata successivamente annunciata per prima al 22 giugno, poi di nuovo a “non prima del 26 giugno”. Le persone non possono fare a meno di preoccuparsi se ci sono situazioni inaspettate.

Il precedente viaggio dello Starliner verso la stazione spaziale non è stato regolare e non solo si è verificata una perdita di elio a metà strada, ma 5 dei 28 propulsori si sono guastati, costringendo la capsula a impiegare un po’ più tempo per risolvere la situazione. Per essere precisi, il problema si è verificato con la parte “modulo di servizio” della capsula spaziale Starliner, una parte cilindrica fissata sul fondo della capsula spaziale conica, che fornisce alla capsula supporto vitale ed energia quando è nello spazio rompersi e bruciare nell’atmosfera prima che la capsula ritorni.

Poiché il modulo di servizio non sarebbe tornato con la capsula spaziale con equipaggio, gli ingegneri della NASA e della Boeing hanno potuto eseguire vari test sui serbatoi di elio e sui sistemi di propulsione dello Starliner solo mentre era nello spazio, sperando di scoprire perché ciò fosse accaduto. Ciò includeva brevi accensioni di cinque propulsori precedentemente guasti e il monitoraggio continuo delle condizioni dell’elio. Attualmente, ad eccezione di un motore che è stato confermato difettoso, il resto dei motori funziona normalmente. Per quanto riguarda il gas elio, il tasso di perdita è diminuito nei cinque punti di perdita e gli ingegneri hanno ritenuto che ciò dovesse essere correlato all’uso del motore a causa della febbre.

READ  I combattimenti a Gaza, la situazione dei civili e altro ancora

Tuttavia, ciò che è ancora più preoccupante è che la girante difettosa e il serbatoio dell’elio che perde non appartengono allo stesso sistema motore, quindi, se dietro ci fosse una causa comune, si tratterebbe di un problema con la progettazione complessiva del modulo di servizio. di una singola unità che il gruppo si è verificato per caso. L’attuale piano provvisorio è quello di continuare l’analisi fino al 22 giugno, per poi iniziare i preparativi per la separazione e il ritorno.

Al momento, sia la NASA che la Boeing credono ancora che lo Starliner sia sicuro, e i molteplici ritardi servono solo a raccogliere più dati. Non hanno dubbi sullo Starliner, infatti, se sia dovuto a un guasto al motore o a una perdita di elio In una certa misura, in base al principio che i voli con equipaggio dovrebbero essere più rigorosi, ci sono anche richieste di usare l’esperienza dello Space Shuttle come una lezione, e la NASA non dovrebbe correre alcun rischio e dovrebbe consentire allo Starliner di ritornano automaticamente senza equipaggio, mentre i due membri della stazione spaziale inviano un’altra missione per raccoglierlo.

Tuttavia, Starliner attualmente dispone di risorse sufficienti e può rimanere sulla stazione spaziale per almeno 45 giorni, quindi non ha fretta di tornare. Dipende da come gli ingegneri della NASA e della Boeing daranno il loro giudizio finale.

Articoli Correlati:

Rimani aggiornato con le ultime notizie tecnologiche e le offerte di shopping online e segui Yahoo Tech su tutte le principali piattaforme di social media!

🎉📱 Facebook tecnico:https://www.facebook.com/yahootechhk

🎉📱 Instagram tecnico:https://www.instagram.com/yahootechhk/

🎉📱 Comunità tecnica di WhatsApp:https://chat.whatsapp.com/Dg3fiiyYf3yG2mgts4Mii8

🎉📱 Canale tecnico WhatsApp:https://whatsapp.com/channel/0029Va91dmR545urVCpQwq2D

READ  Dopo il successo di Chandrayaan-3, l'ISRO si prepara alla missione lunare Chandrayaan-4: tutto

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply