Il tentativo del Giappone di migliorare le relazioni con l’ASEAN fornirà “opzioni” alla regione in un contesto di crescente influenza cinese

Durante l’evento, il Giappone – il primo paese a stabilire relazioni di dialogo con l’ASEAN nel 1973 – dovrebbe “annunciare congiuntamente una visione che stabilisca la direzione generale delle relazioni e della cooperazione Giappone-ASEAN nei prossimi anni”, ha affermato il ministero.

Persone nella zona turistica di Asakusa, Tokyo. Dal 16 al 18 dicembre, il Giappone ospiterà i leader dell’ASEAN in un vertice commemorativo che segnerà 50 anni di amicizia e cooperazione tra l’ASEAN e il Giappone. Foto: AP

Al vertice ASEAN-Giappone tenutosi a settembre in Indonesia, le due parti hanno concordato di stabilire un partenariato strategico globale che sia “sostanziale, concreto, significativo e reciprocamente vantaggioso”, secondo la dichiarazione del presidente rilasciata dopo il vertice.

Il tentativo del Giappone di elevare il suo rapporto con l’ASEAN a un rapporto strategico globale potrebbe essere visto come una “risposta abbastanza tardiva” alla politica cinese di impegnarsi in modo simile nella regione due anni fa, ha affermato Furuka Fumitaka, professore associato presso l’Università della Malesia.

“[It reflects] “La rinnovata disponibilità del Giappone per un impegno più profondo”, ha affermato, sottolineando che anche gli Stati Uniti hanno rafforzato i loro legami con l’Associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN) lo scorso anno.

John DeSiorciari, professore alla Gerald R. La Ford School of Public Policy dell’Università del Michigan ha affermato che la mossa ha aiutato Tokyo a “dimostrare la sua volontà di rafforzare le relazioni economiche e di sicurezza con il Giappone”. Sud-est asiatico“.
È stato anche un modo per il Giappone di mantenere equilibrato il suo impegno regionale rafforzando le relazioni bilaterali Vietnam E il filippinoHa aggiunto.

La settimana scorsa, il Giappone e il Vietnam hanno elevato le loro relazioni al livello di cooperazione strategica quando il presidente vietnamita Vu Van Thung ha visitato Tokyo.

Durante la presidenza del primo ministro giapponese Fumio Kishida un viaggio Nelle Filippine il mese scorso, i due paesi si sono impegnati ad avviare colloqui su un accordo chiave di difesa che consentirebbe alle loro forze di entrare ciascuno nel territorio dell’altro per condurre esercitazioni militari congiunte.
Il primo ministro giapponese Fumio Kishida (seduto) visita una nave della guardia costiera filippina a Manila durante una visita ufficiale di tre giorni nel sud-est asiatico a novembre. Immagine: Kyodo
La decisione è arrivata nel mezzo delle crescenti tensioni tra Pechino e Manila a causa delle scaramucce nella regione Mar Cinese MeridionaleÈ stato ampiamente visto come un tentativo di rafforzare l’alleanza nippo-filippina di fronte alla crescente aggressività della Cina nella regione.
A parte le collisioni tra navi filippine e cinesi alla fine di ottobre, Manila nel fine settimana ha accusato la Cina di questo “sciame” Barriere coralline al largo delle sue coste dopo che più di 135 imbarcazioni militari sono state avvistate nel corso d’acqua conteso.

“Approfondire le relazioni solo attraverso canali bilaterali rischierebbe di indebolire la centralità dell’ASEAN”, ha affermato Ciorciari.

READ  Carlos Alcaraz si prepara alla semifinale contro Novak Djokovic alle ATP Finals dopo aver battuto Medvedev | KLRT

La centralità dell’ASEAN, abbracciata dal blocco regionale dei 10 membri, sottolinea che il gruppo deve diventare la piattaforma regionale dominante nel superare le sfide comuni e affrontare le potenze esterne.

Tuttavia, nel sondaggio State of Southeast Asia 2023 pubblicato dall’Isaias Yusuf Ishak Institute con sede a Singapore, l’82,6% degli intervistati nella regione ritiene che l’ASEAN sia lento e inefficace, incapace di gestire sviluppi politici ed economici volatili e rischiando di diventare autolesionista. Importanza. .

02:43

La Cina e l’ASEAN rinnovano l’accordo sullo sviluppo di un codice di condotta per il Mar Cinese Meridionale

La Cina e l’ASEAN rinnovano l’accordo sullo sviluppo di un codice di condotta per il Mar Cinese Meridionale

“Opzioni crescenti” per l’ASEAN

Tomo Kikuchi, professore alla Graduate School of Asia-Pacific Studies dell’Università Waseda di Tokyo, ha affermato che è “naturale” per il Giappone migliorare le sue relazioni con l’ASEAN dopo cinque decenni di rafforzamento della sicurezza, dell’economia e degli scambi interpersonali.

“L’impegno del Giappone con l’ASEAN è la pietra angolare degli sforzi del Giappone per mantenere un ordine basato su regole nella regione”, ha affermato Kikuchi, aggiungendo che gli sforzi di Tokyo per rafforzare la cooperazione militare con la regione non dovrebbero essere visti come una politica anti-giapponese. CinaMa era “contro un approccio unilaterale alla risoluzione dei conflitti”.

“Quando la potenza militare della Cina è sul punto di aumentare, sarà ancora più pericoloso per la regione se il Giappone si limita ad aspettare che la Cina prenda il sopravvento sugli altri”, ha aggiunto Kikuchi.

Gli aiuti militari giapponesi andranno ai paesi asiatici che la pensano allo stesso modo per affrontare la Cina

Costruendo la capacità di difesa della regione, il Giappone ha svolto un ruolo nell'”aumentare le opzioni” per i paesi dell’ASEAN, oltre a promuovere lo sviluppo economico nella regione attraverso investimenti e assistenza nella regione, ha affermato Saya Kiba, professore associato presso l’Università degli Esteri della città di Kobe. Studi. Progetti infrastrutturali.

“L’obiettivo finale è dimostrare le diverse opzioni ai nostri partner nel sud-est asiatico e mostrare cosa possono ottenere la libertà, l’apertura e un ordine basato su regole” per raggiungere la pace e la stabilità nella regione, ha affermato.

Da quando la Dottrina Fukuda è stata articolata nel 1977, gli stati membri dell’ASEAN hanno assistito a enormi cambiamenti, ha detto Kiba, riferendosi a un discorso del 1977 dell’ex primo ministro Takeo Fukuda che delineava la cooperazione e il rafforzamento delle relazioni con l’ASEAN. Questo principio è servito come base della diplomazia giapponese nei confronti della regione.

Ha aggiunto che Kishida dovrebbe annunciare una nuova direzione per i prossimi decenni durante il vertice commemorativo.

In quanto partner tradizionale per la crescita e lo sviluppo, il Giappone è il principale partner commerciale e di investimento dell’ASEAN, con scambi bilaterali che nel 2021 hanno raggiunto i 240,2 miliardi di dollari, rendendo il Giappone il terzo partner commerciale dell’ASEAN.

Dal 1998 al 2018, il numero di aziende giapponesi nell’ASEAN è aumentato di 35 volte nei settori manifatturieri chiave, creando opportunità di lavoro e formazione in tutto il Sud-est asiatico.

Dipendenti nella sala contrattazioni della sede centrale di Daiwa Securities Group a Tokyo. Dal 1998 al 2018, il numero di aziende giapponesi nell’ASEAN è aumentato di 35 volte nei settori manifatturieri chiave. Immagine: Bloomberg

Il Giappone è anche il maggiore fornitore di assistenza ufficiale allo sviluppo dei paesi ASEAN, per un totale di 129 miliardi di dollari.

Ad aprile, il Giappone ha implementato un programma ufficiale di assistenza alla sicurezza volto a fornire attrezzature di difesa a “paesi che la pensano allo stesso modo” e ad approfondire la cooperazione in materia di sicurezza.

Un simile ruolo, soprattutto nel sud-est asiatico, sarebbe visto dalla Cina “come uno sforzo diretto a Pechino”, ha detto Ciorciari, aggiungendo che la Cina potrebbe agire per creare un cuneo tra il Giappone e i suoi partner regionali.

“Alcuni governi del sud-est asiatico avranno preoccupazioni simili e potrebbero rifiutare l’assistenza giapponese in materia di sicurezza”, ha detto Ciorciari, sottolineando che questo è un altro motivo per cui il Giappone dovrebbe investire il più possibile attraverso le istituzioni regionali e non solo nei paesi più inclini a resistere all’espansione marittima cinese.

“Come gruppo, i membri dell’ASEAN non sono uniformemente allineati contro la Cina. Ciò rende l’ASEAN un luogo relativamente sicuro in cui il Giappone può continuare a impegnarsi”, ha affermato Ciorciari.

Negli ultimi anni, i paesi dell’ASEAN come Cambogia, Laos e Vietnam sono stati descritti come sempre più soggetti all’influenza di Pechino a causa della loro dipendenza dalla Cina per il commercio, gli investimenti e il sostegno diplomatico.

Il mese scorso, il quotidiano nazionalista cinese Global Times ha descritto gli sforzi del Giappone per rafforzare la cooperazione in materia di sicurezza con la regione come una “manipolazione unilaterale del sud-est asiatico”, una mossa che “esacerbarebbe le divisioni all’interno dell’ASEAN” e inasprirebbe le tensioni nel sud della Cina.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply