Il Segretario generale delle Nazioni Unite chiede di mettere a tacere le armi e consentire maggiori aiuti

Poiché domenica 7 aprile ricorre il sesto mese dall'inizio del conflitto a Gaza, ha annunciato il Segretario generale delle Nazioni Unite per luiVenerdì António Guterres ha chiesto di mettere a tacere le armi e ha chiesto a Israele di consentire un aumento significativo degli aiuti umanitari distribuiti nell’enclave palestinese.

Sei mesi dopo, siamo sull’orlo di una carestia di massa, di incendi regionali e di una completa perdita di fiducia nelle regole e negli standard globali. “, ha confermato il Segretario generale delle Nazioni Unite nel corso di una conferenza stampa presso la sede delle Nazioni Unite a New York.

Leggi anche: Gaza: 18,5 miliardi di dollari di perdite in infrastrutture vitali

Il signor Guterres ha insistito sul fatto che “È tempo di emergere da questo abisso, mettere a tacere le armi, alleviare le orribili sofferenze e porre fine alla potenziale carestia prima che sia troppo tardi. Ha ribadito il suo appello per un cessate il fuoco umanitario immediato, il rilascio incondizionato di tutti gli ostaggi, la protezione dei civili e la consegna senza ostacoli degli aiuti umanitari.

Negli ultimi sei mesi, il Segretario Generale delle Nazioni Unite ha osservato che la campagna militare israeliana ha causato morte e distruzione su larga scala a Gaza, con più di 32.000 persone uccise e più di 75.000 ferite, la stragrande maggioranza delle quali donne e bambini.

Oggi i bambini a Gaza muoiono a causa della mancanza di cibo e acqua “, Egli ha detto. ” Ciò è incomprensibile e completamente evitabile. Niente può giustificare la punizione collettiva del popolo palestinese ».

Con una mappa

READ  Praticamente nessuno riesce a trovare un robot diverso, giusto?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply