Il Nicaragua accusa la Germania davanti al “Dipartimento di Giustizia Internazionale” di facilitare il “genocidio” a Gaza

È tempo che l'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) abbia un nuovo Segretario generale dopo dieci anni trascorsi dal norvegese Jens Stoltenberg a capo di questa organizzazione politico-militare quando fu scelto per succedere al danese Anders Fogh Rasmussen. Stoltenberg ha provato a lasciare il suo incarico quattro volte, e in un'occasione ha persino accettato la carica di governatore della banca centrale del suo paese prima di fare inversione di marcia e restare nel suo ufficio atlantico situato nella capitale belga, Bruxelles.

La guerra russo-ucraina costrinse il 64enne norvegese a rimandare gli altri suoi progetti per mettere la sua esperienza e raffinatezza al servizio dell'organizzazione nata a Washington il 4 aprile 1949, per creare un ombrello essenzialmente americano che avrebbe riunire i paesi occidentali in un unico blocco.

Stoltenberg annuncerà che lascerà il suo incarico al prossimo vertice atlantico ospitato da Washington dal 9 all’11 luglio, e potrebbe anche annunciare la mossa prima, con effetto dal 1° ottobre.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg (Reuters)

Se si riassume la lunga “era” di Stoltenberg emergono subito due cose: la tensione tra le due sponde dell’Atlantico all’interno di una stessa famiglia, soprattutto alla luce della presidenza degli Stati Uniti di Donald Trump, e la difficile prova che l’Ucraina la guerra si è presentata e continua a proporsi.

Stoltenberg – che è stato Primo Ministro norvegese dal 2005 al 2013 – è riuscito ad affrontare entrambe le questioni, riuscendo ad ammorbidire la posizione di Trump, sempre arrabbiato per il “fallimento” degli alleati nell’aumentare le spese per la difesa al livello del 2%. del PIL concordato, preservando così l’unità e la coesione necessarie per affrontare diverse sfide, in particolare la guerra scoppiata il 24 febbraio 2022, con l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, guerra iniziata nel 2014 con lo scoppio di ribellione armata separatista nelle regioni di lingua russa dell’Ucraina orientale.

Va notato che il Segretario Generale ha un ruolo politico, poiché presiede molti dei più alti organi decisionali dell’Alleanza, tra cui il Consiglio Nord Atlantico, il Comitato di pianificazione della difesa, il Comitato di pianificazione nucleare e il Consiglio euro-atlantico. Consiglio di partenariato… Oltre al suo ruolo amministrativo di capo di circa 6.000 dipendenti civili operanti in vari settori.

READ  30 Le migliori recensioni di Asse Da Stiro Pieghevole testate e qualificate con guida all'acquisto

Funzionari issano la bandiera della Finlandia presso il quartier generale della NATO a Bruxelles il giorno in cui la Finlandia si è unita ufficialmente all'alleanza, il 4 aprile 2023 (Reuters)

“Famiglia Atlantica”

La NATO comprende attualmente 31 paesi, due dei quali sono nordamericani, gli Stati Uniti e il Canada, e il resto è europeo. Al momento della sua costituzione, l’alleanza comprendeva 12 membri fondatori e ha aggiunto nuovi membri nove volte, l’ultima delle quali è stata quando la Finlandia si è unita il 4 aprile 2023, in occasione del 74° anniversario della fondazione. La Svezia aderirà presto dopo aver superato l’ostacolo turco. e in attesa di superare l'ostacolo ungherese. Anche la Bosnia è un “candidato” all’adesione, e l’Ucraina e la Georgia sono “aspiranti”.

Gli stati membri europei sono attualmente: Regno Unito, Francia, Germania, Albania, Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Grecia, Ungheria, Islanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Montenegro, Paesi Bassi, Macedonia del Nord, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Turchia.

Dall’elenco europeo risulta chiaramente che un certo numero di membri provenivano dai paesi del blocco orientale che ruotavano attorno all’Unione Sovietica attraverso la loro affiliazione al Patto di Varsavia, che fu istituito il 14 maggio 1955 e “ha ceduto il suo spirito” 1 luglio 1991 dopo il crollo e la disintegrazione dell'Unione Sovietica. Gli Stati Uniti si sono subito avvicinati agli ex alleati di Mosca e hanno offerto loro l’adesione alla famiglia atlantica come rete di sicurezza. Così, tra il 1999 e il 2009, hanno aderito, in successione e per fasi, Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovenia, Slovacchia, Croazia e Albania. Non c’è dubbio che il “progetto” di annessione di Kiev sia stata una delle cause fondamentali del conflitto che si intensificò ed esplose due anni fa con un attacco russo all’Ucraina.

Chi succederà a Stoltenberg?

Nei corridoi del quartier generale di Atlantic a Bruxelles e negli ambienti chiave dei governi dei principali Stati membri sono iniziate conversazioni e speculazioni sul nome della persona che succederà a Jens Stoltenberg. Circola ampiamente il nome del primo ministro olandese Mark Rutte (57 anni), in carica dal 2010, con l'intenzione che lascerà non appena sarà in grado di formare un governo sulla base dei risultati delle elezioni parlamentari elezioni svoltesi lo scorso novembre.

READ  L'India e Nuova Delhi scompaiono sotto lo smog: le scuole sono chiuse e il traffico bloccato

Molti considerano naturale la nomina di Rutte vista la sua esperienza e la vasta rete di relazioni sulle due sponde dell'Atlantico che ha intessuto durante lunghi anni di lavoro politico e di presidenza dell'esecutivo in uno Stato atlantico per eccellenza. È anche abile nel scendere a compromessi e nel garantire il consenso su questioni fondamentali delicate, e questa è una delle qualità richieste a chi assume il lato politico della leadership atlantica.

Il primo ministro estone Kaya Kallas (AFP)

Tuttavia, ci sono voci europee che si oppongono a ciò, non rifiutando Rutte come persona, ma sostenendo l’introduzione di una figura dall’Europa dell’Est sulla base del fatto che la posizione del Segretario generale è sempre stata condivisa dai paesi occidentali e che è giunto il momento di rafforzare il ruolo dell’Europa orientale nell’alleanza. Coloro che sostengono questa opinione sottolineano che i Paesi Bassi in particolare hanno prodotto tre segretari generali dell'alleanza, vale a dire Dirk Stecker (1961-1964), Joseph Lohns (1971-1984) e Jaap de Hoop Scheffer (2004-2009), e quindi non vi è alcun danno nel cambiamento.

Tra i nomi orientali che circolano per questo incarico figurano l'attuale ministro degli Esteri della Lettonia ed ex primo ministro, Krisjanis Karnes, e il primo ministro dell'Estonia, Kaya Kallas, nota per la sua franchezza nell'esprimere le sue posizioni e per le sue aspre critiche nei confronti Il presidente russo Vladimir Putin.

Coloro che sostengono l’assegnazione della missione a qualcuno esterno all’Europa occidentale spiegano la loro posizione dicendo che gli europei dell’Est conoscono il valore di appartenere alla NATO perché hanno affrontato l’influenza sovietica e hanno desiderato liberarsene per decenni. I loro governi stanno ora assumendo una posizione ferma di fronte al presidente russo e alla sua guerra in Ucraina. Quanto a coloro che si oppongono all’inclusione di una delle tre repubbliche baltiche (Lettonia, Estonia e Lituania), o della Polonia, o della Repubblica ceca, o di altri paesi dell’ex blocco orientale, la loro argomentazione è che temono un Segretario generale che sarà estremamente ostile nei confronti di Mosca, e ciò potrebbe comportare un’ulteriore tensione sulle relazioni e un approfondimento dei conflitti in Europa.

READ  L'UNMA avverte: temperature calde attese a febbraio

In ogni caso, sembra che Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania e Francia abbiano dato il via libera a Mark Rutte. Pochi giorni fa, dopo che la Reuters aveva citato un funzionario americano che aveva affermato che “il presidente Joe Biden sostiene fermamente la nomina del primo ministro Rutte alla carica di prossimo segretario generale della NATO”, il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby è uscito per annunciare esplicitamente la decisione di Washington sostegno al politico olandese.

Il primo ministro olandese Mark Rutte agita la mano dopo l'incontro con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg presso la sede dell'Alleanza a Bruxelles (Archivio – AFP)

Il quotidiano Guardian ha citato un funzionario britannico che ha affermato di sostenere la scelta di Rutte perché “è molto rispettato in tutti i paesi della NATO, ha qualifiche serie e garantirà che l’alleanza rimanga forte e pronta per la difesa e la deterrenza”.

Molti sostenitori del politico olandese credono che la sua esperienza negli affari politici lo qualifichi per trattare con Donald Trump se tornasse nello Studio Ovale della Casa Bianca dopo le elezioni del prossimo autunno.

Va notato che non esiste un processo ufficiale per la scelta del segretario generale, piuttosto i membri raggiungono un consenso sul nome dopo consultazioni ed eventualmente negoziazioni attraverso i canali diplomatici, ma la parola decisiva spetta a Washington dopo aver ottenuto l’“approvazione”. di altri…

Chiunque verrà scelto dovrà navigare sulla nave dell’Atlantico tra onde che si infrangono in un mondo turbolento su più di un fronte e in più di un continente e “oceano”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply