Il Milan italiano vince ad Andorra, e Pogacar resta in rosa

La classifica generale è rimasta invariata: Tadej Pogacar (UAE) ha mantenuto la maglia rosa di leader al termine dei 190 chilometri, disputati in parte sotto la pioggia tra Acqui Terme e Andorra, con ancora 46 secondi di vantaggio sull’inglese Geraint Thomas e 47 secondi sul colombiano Daniel. . Filippo Martinez.

“È molto emozionante. Ottenere la vittoria qui, al Giro d’Italia, è una sensazione molto forte”, ha detto il vincitore di oggi, 23 anni, figlio dell’ex pilota professionista Flavio Milan.

Il ciclista italiano Jonathan Milan durante la sua vittoria nella quarta tappa del Giro d’Italia ad Andorra, 7 maggio 2024.
© Agenzia di stampa francese

In questa quarta tappa ha teso le braccia e il corridore della Lidl-Trek non ha perso l’occasione: la discesa finale ha portato ad un lungo rettilineo pianeggiante che inevitabilmente prometteva un atleta forte. Con un’altezza di 1,93 metri e un peso di 84 chilogrammi, il gigante di Buja, sua città natale, soprannominato dalla stampa italiana “Il Gigante di Buja”, è stato inizialmente il favorito.

Ha battuto sul traguardo l’australiano Caden Groves (Alpecin) e il tedesco Phil Bauhaus (Bahrein).

La caduta e l’abbandono di Geremia

Il Milan ha una qualità straordinaria in pista, ed è campione del mondo e campione olimpico di inseguimento a squadre con l’Italia. In trasferta aveva già vinto una tappa del Giro dello scorso anno, portando a casa la maglia ciclamino della classifica a punti.

Tuttavia, il “gigante” è stato quasi eliminato da uno dei suoi compagni di squadra della squadra italiana di inseguimento, Filippo Ganna (Enos), che è partito forte su Capo Milli, l’ultima piccola difficoltà a tre chilometri dal traguardo.

READ  Raut ha danneggiato gli studenti trasferendo l'unico insegnante di matematica di Ratnara

Nonostante le sue formidabili qualità di inseguitore e di cronometro, è stato catturato a meno di 400 metri dal traguardo.

Il ciclista eritreo Binyam Girmay durante la quarta tappa del Giro d'Italia tra Acqui Terme e Andorra, 7 maggio 2024

Il ciclista eritreo Binyam Girmay durante la quarta tappa del Giro d’Italia tra Acqui Terme e Andorra, 7 maggio 2024
© Agenzia di stampa francese

Purtroppo lo sprint si è disputato senza uno dei favoriti, il corridore eritreo dell’Intermarche-Wanti Binyam Girmay, rimasto vittima di una pesante caduta a 67 km dall’arrivo sotto la pioggia ed è stato costretto ad abbandonare la corsa.

“Pioveva e Binyam è stato il primo a scivolare. Non abbiamo potuto fare nulla dietro di noi e siamo rimasti tutti bloccati nella caduta”, ha detto il francese Damien Touzet (AG2R), anche lui caduto a terra.

Come un megafono in primo piano

La tappa è stata animata dalla fuga iniziata fin dai primi metri, con Liliane Calmejane (Intermarché Wanty), che già lunedì nella terza tappa si era staccata – brevemente – dal gruppo.

Maglia rosa Tadej Pogacar (al centro) durante la quarta tappa del Giro d'Italia, tra Acqui Terme e Andorra, 7 maggio 2024

Maglia rosa Tadej Pogacar (al centro) durante la quarta tappa del Giro d’Italia, tra Acqui Terme e Andorra, 7 maggio 2024
© Agenzia di stampa francese

I fuggitivi sono partiti per primi in quattro gruppi, con Francisco Munoz (Bulte Cometa), il sudafricano Stefan de Bode (EF Education) e… Filippo Ganna, che martedì aveva chiaramente le formiche sulle gambe.

Lui però è stato il primo ad alzarsi, dopo aver visto che i team velocità non avevano intenzione di lasciarlo scappare.

Una volta che Ganna si è ripreso, il gruppo ha lasciato andare e gli altri tre hanno contato fino a 5 minuti e 30 secondi in anticipo, a 115 km dalla meta. Ma Kalmegan, dopo aver raccolto ancora una volta qualche punto dallo scalatore in cima all’unica difficoltà elencata della giornata (categoria 3), è rimasto bloccato nel suo ruolo.

READ  Gli studenti cubani lavorano nell'agricoltura per compensare la carenza di agricoltori

I sopravvissuti Munoz e De Bode hanno resistito prima di essere inghiottiti negli ultimi dieci chilometri della tappa.

Di natura simile, mercoledì, la quinta tappa, di 179 chilometri lungo la costa tra Genova e Lucca.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply