Il fisico mostra il modo più interessante di utilizzare un ventilatore elettrico

Applicando la legge di Bernoulli, un fisico americano ha spiegato il modo corretto di posizionare un ventilatore elettrico per ottenere un effetto rinfrescante, diverso dalle nostre abitudini quotidiane.

Il fisico con 34 anni di esperienza nell’insegnamento ha condiviso questo consiglio in un video sul suo canale YouTube.

Quindi prese una borsa gialla lunga diversi metri, poi chiese: “Pensi che potrei allungare questa borsa in un fiato?” Per prima cosa avvicinò la bocca al sacchetto e soffiò forte, ma questo si gonfiò un po’. Ci ha provato un paio di volte ma è sempre lo stesso.

Successivamente, spostò l’imboccatura del sacchetto di una certa distanza. Quando esplose, l’aria circostante fu spinta nella zona di bassa pressione. Quindi un solo colpo gonfierà l’intero sacco.

Il fisico ha dimostrato che la legge di Bernoulli può essere applicata all’installazione di ventilatori elettrici per il raffreddamento in estate.

Questo principio può essere applicato anche nella vita, soprattutto nelle giornate calde senza aria condizionata. Posizionare il ventilatore elettrico di fronte alla finestra e leggermente lontano da essa. In questo modo il ventilatore può soffiare l’aria calda ambientale fuori dalla stanza e rinfrescare la stanza.

Il consulente neozelandese di progettazione ambientale Nelson Lebo è d’accordo. Soprattutto nelle notti estive fuori fa più freddo che dentro. “È il modo migliore per mantenere la casa fresca in modo economicamente vantaggioso”, afferma Nelson.

Posizionare la ventola vicino alla porta non funziona.  Foto: Apollowang

Posizionare la ventola vicino alla porta non funziona. immagine: Apollowang

La domanda è: quanto lontano deve essere posizionato il ventilatore dalla porta e come posizionarlo per ottenere i migliori risultati? Un esperimento ha scoperto che se si mette un ventilatore nella porta che soffia in una stanza, l’anemometro non si muove affatto, il che significa che questo metodo non è utile per la circolazione dell’aria. Se si posiziona un ventilatore elettrico sul davanzale di una finestra e lo si soffia all’esterno, l’anemometro nella stanza si muove leggermente.

Ma quando ho tirato indietro un po’ la ventola elettrica, l’indicatore dell’aria ha iniziato a girare molto più velocemente. Quando l’elettroventilatore è a 55 cm dalla finestra, la velocità dell’anemometro aumenta da 0,13 a 0,6 m/s. Il risultato finale mostra che quando il ventilatore si trova a una distanza compresa tra 0,5 e 2,1 metri dalla porta, l’effetto di ventilazione nella stanza è molto buono.

Alcuni cittadini della rete hanno commentato di aver scoperto questo principio anche per caso. Molte persone hanno anche affermato che stavano utilizzando il ventilatore in modo errato e, applicando questo consiglio, lo hanno trovato subito utile.

Posizionare la ventola a 0,5-2 metri di distanza dalla finestra avrà un effetto rinfrescante.  Foto: Apollowang

Posizionare la ventola a 0,5-2 metri di distanza dalla finestra avrà un effetto rinfrescante. immagine: Apollowang

Un pompiere italiano ha commentato di aver utilizzato lo stesso principio per rimuovere il fumo dalle case in fiamme. Uno dei vigili del fuoco americani ha anche affermato che utilizzeranno questo metodo anche per ventilare le case durante le operazioni di soccorso.

Applica questo metodo nelle notti estive, quando la temperatura esterna è più fresca che all’interno, e assicurati di posizionare il ventilatore a una distanza di 0,5-2,1 metri.

Il famoso matematico Daniel Bernoulli scoprì la legge di Bernoulli nel 1738. Oggi applichiamo frequentemente questa legge nella produzione di macchinari e attrezzature moderne.

Baonin (Teo Apollowang)


READ  Allenatore della Nazionale di Polo K: “Ora iniziano le partite dure”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply