balloonscop

Oltre centomila visitatori, duemila voli, centinaia di espositori ed esibizioni artistiche e sportive, tutto nei trecento mila metri quadrati del Parco Urbano “Giorgio  Massani” di Ferrara. Sono i numeri dell’ottava edizione del Ferrara Balloons Festival.

Uno dei più importanti Festival di Mongolfiere in Italia ed uno dei più prestigiosi d’Europa, si presenta come una manifestazione poliedrica che riesce a racchiudere le più svariate forme di intrattenimento grazie alla collaborazione immancabile, con piccole e grandi imprese private e con le realtà associative di Ferrara e dintorni. Questa poliedricità e complicità con il tessuto sociale circostante hanno fatto si che il Ministero del Turismo italiano riconoscesse come “Patrimonio d’Italia” la manifestazione.

Tantissime le attività svoltesi dal 7 al 16 settembre.

Durante la prima giornata il volo delle Frecce Tricolore, ha colorato il cielo di Ferrara assieme al primo volo angrydelle protagoniste del Festival, ossia le mongolfiere. Come ogni anno immancabili le special shapes, le mongolfiere dalle forme più fantasiose e bizzarre. Le più popolari, quest’anno, sono state la “Kuh” un’enorme mucca volante che ha preso il volo in questi giorni, ma anche la coppa della “Uefa Euro Champions 2012”, lo “Gnomo” tutto rosa e il “Woody woodpecker “ l’omaggio al simpatico Picchiarello dei cartoni animati.

Spettacoli in volo anche con i “paramotoristi”, le esibizioni acrobatiche di elicotteri e a terra le esibizioni delle realtà sportive di Ferrara, che hanno regalato momenti di intrattenimento con spettacoli di danza, ju jitsu, zumba, fit boxe e tanto altro ancora.

Anche la tradizione e la storia della vita di corte estense ha preso parte alla manifestazione con la Città Magica.

Il villaggio medievale allestito dal “Rione Santo Spirito” ricco di spettacoli e scenari storici come il mercato degli antichi mestieri, il villaggio dei pescatori, la zona dedicata all’esoterismo e alla magia, i giochi antichi per i più piccini e gli spettacoli di danzatrici, sbandieratori e giullari.

Spazio anche alla gastronomia, da quella locale a quella del resto d’Italia. Decine gli stand espositivi per la degustazione di prodotti tipici, dal “cannolo siciliano”, alla “bufala campana” ai formaggi e salumi romagnoli.

Un grandissimo successo, dunque, anche per l’ottava edizione questa manifestazione che cresce ogni anno di più.

 

Valentina Scirpoli

 

A breve sarà disponibile l’intera galleria fotografica.