Il consiglio militare dell’ECOWAS in Niger propone un periodo di transizione di nove mesi per il ritorno alla democrazia


E l’ECOWAS ha imposto sanzioni al Niger. Foto: Reuters

Tinubu ha osservato che dopo il governo militare negli anni ’90, la Nigeria è tornata al governo civile nel 1999, dopo un periodo di transizione di nove mesi istituito dall’ex capo di stato, il generale Tinubu. Abdel Salam Abu Bakr.

“Il presidente non vede alcuna ragione per cui ciò non dovrebbe ripetersi anche in Niger, se le autorità locali sono oneste”, ha aggiunto. Lo ha detto il suo ufficio.

Nel frattempo, il presidente della Nigeria ha sottolineato che le sanzioni imposte dal gruppo ECOWAS non saranno favorite finché la giunta militare non avrà apportato modifiche positive, ha riferito l’Agence France-Presse.

Il consiglio militare in Niger è il presidente Mohamed Bazouma È stata rovesciata il 26 luglio, quando ha sospeso la costituzione e sciolto le istituzioni statali. Ex comandante della guardia presidenziale, tenente generale Abdul Rahman Tianjaè stato annunciato come il nuovo leader del paese.

Le relazioni con la Francia, l’ex potenza coloniale, così come con la maggior parte dei paesi occidentali e dei membri della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale si deteriorarono drammaticamente dopo il colpo di stato.

L’ECOWAS, che ha imposto sanzioni al Niger, è disposta ad attivare unità militari di riserva per ripristinare la democrazia, ma vuole comunque una soluzione diplomatica. Nel frattempo, i vicini del Niger, Mali e Burkina Faso, dove la giunta detiene anche il potere, hanno dichiarato che qualsiasi intervento militare internazionale in Niger significherebbe per loro una dichiarazione di guerra.

Tiane ha ripetutamente messo in guardia sulle conseguenze in caso di un attacco al Niger e ha sottolineato che l’obiettivo della giunta non è quello di prendere il potere e che il periodo transitorio non durerà più di tre anni.

READ  Hai già macOS 14 Sonoma? Prova queste 5 fantastiche funzioni - SMARTmania.cz

All'incontro dei ministri degli Esteri dell'Unione europea hanno partecipato anche il presidente della Commissione ECOWAS Omar Turay, il ministro degli Esteri del deposto governo del Niger, Husumi Massoudou, e il commissario dell'ECOWAS Abdel Fattaw Moussa.  Foto: Reuters
All’incontro dei ministri degli Esteri dell’Unione europea hanno partecipato anche il presidente della Commissione ECOWAS Omar Turay, il ministro degli Esteri del deposto governo del Niger, Husumi Massoudou, e il commissario dell’ECOWAS Abdel Fattaw Moussa. Foto: Reuters

L’Unione Europea ha annunciato le sanzioni

Il principale rappresentante della politica estera dell’UE ha dichiarato che i ministri degli Esteri dei paesi membri dell’UE hanno contemporaneamente deciso di iniziare a imporre sanzioni contro gli individui che hanno organizzato un colpo di stato alla fine di luglio. Giuseppe Burrell

Le sanzioni imposte ai golpisti hanno ricevuto un forte sostegno, tra gli altri, da parte del ministro degli Esteri tedesco, quando è arrivata alla riunione informale dei ministri a Toledo. Annalina Berbock. “Ciò dimostrerà chiaramente che le democrazie dell’Unione europea sono al fianco delle altre democrazie quando hanno bisogno di noi”, ha aggiunto. Lei disse.

Le sanzioni saranno simili a quelle imposte dall’Unione Europea al gruppo ECOWAS.

Prima della riunione informale dei ministri, Borrell ha detto che parleranno dei piani dell’ECOWAS per rispondere a ciò che sta accadendo in Niger.

Mercoledì, infatti, dopo una riunione dei ministri della difesa dell’UE, ha annunciato che i membri sostengono l’ECOWAS nella sua risposta.

Per quanto riguarda il sostegno ad un possibile intervento militare dell’ECOWAS in Niger, Borrell ha confermato che considereranno ciascuna proposta separatamente.

All’incontro ha partecipato anche il presidente della Commissione ECOWAS Omar TorayMinistro degli affari esteri del deposto governo del Niger Hassoumi Massaoudou (Commissario Equasa). Abdel Fatto Moussa.

Vagon: La Slovenia sostiene la diplomazia

Ministro sloveno Tanja Fagon Tuttavia, per quanto riguarda gli avvenimenti in Niger, lei ha sottolineato che la Slovenia sostiene tutti gli sforzi per trovare una soluzione attraverso i canali diplomatici.

“La Slovenia ha condannato fermamente il colpo di stato militare in Niger e sostiene una soluzione pacifica e diplomatica che sarà anche la nostra guida nel nostro lavoro in seno al Consiglio di sicurezza dell’ONU. Anche di questo abbiamo parlato ieri al telefono con il ministro degli Esteri algerino Ahmed Ataf. Il destino dell’Unione Europea e dell’Africa occidentale sono strettamente legati. La stabilità e la sicurezza a lungo termine in Niger dopo il colpo di stato militare sono fondamentali, motivo per cui sosteniamo gli sforzi dell’ECOWAS, compreso l’immediato rilascio del presidente Bazoum dalla prigione. Ha detto Fagon nel corso della discussione, secondo una lettera del Dipartimento di Stato.

READ  La messa al bando francese dell'abaya nelle scuole suscita applausi e critiche

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply