I colloqui di coalizione tra Nawaz Sharif e Bilawal Bhutto devono affrontare un ostacolo nella scelta del Primo Ministro

Sharif e Bhutto stanno conducendo trattative per formare il governo.

I due principali partiti politici pakistani a controllo familiare hanno incontrato un intoppo nei colloqui per formare un nuovo governo, incapaci di mettersi d'accordo su chi diventerà primo ministro nella loro coalizione progettata per contrastare l'ex leader incarcerato Imran Khan.

I media locali hanno riferito lunedì che i clan Sharif e Bhutto vogliono che i loro candidati occupino i posti più importanti. Sherry Rehman, leader senior del Partito popolare pakistano di Bilawal Bhutto Zardari, ha detto che il partito formerà comitati per “negoziare con altri partiti politici”.

Questo sviluppo indica che la formazione del governo potrebbe richiedere settimane. Il giorno precedente, il presidente della PML-N Shehbaz Sharif aveva dichiarato su Channel X che i clan avevano “accettato in linea di principio di salvare il paese dall’instabilità politica”.

Gli Sharif e la Bhutto stanno negoziando per formare un governo dopo che i candidati di Imran Khan, che si candidavano come indipendenti, hanno sfidato le probabilità ottenendo il maggior numero di seggi alle elezioni ma non hanno raggiunto la maggioranza assoluta. Il Partito popolare pakistano di Bhutto Zardari ha tenuto due incontri con la Lega musulmana pakistana-Nawaz Sharif, che si è insediato tre volte durante il fine settimana.

I dettagli delle discussioni non sono stati resi noti, ma i media locali hanno riferito che la PML-N vuole che Nawaz o suo fratello Shehbaz guidino il governo. Il Partito popolare pakistano, arrivato terzo alle elezioni, vuole che Bhutto Zardari (35 anni), figlio dell'ex primo ministro assassinato Benazir Bhutto, diventi primo ministro, affermando che sarà un volto nuovo in un paese dove più oltre il 60% della sua popolazione soffre di povertà. 30.

READ  In Italia, la Francia fu nuovamente presa di mira nell’incidente aereo di Ustica nel 1980

Qualsiasi alleanza tra i due partiti frustrerebbe i candidati di Khan, la cui forte prestazione ha evidenziato la duratura popolarità dell'ex stella del cricket e la disillusione degli elettori nei confronti dello status quo nella politica pakistana, rappresentata dai partiti di Sharif e Bhutto e dal potenteestablishment militare. Il partito di Khan ha denunciato brogli elettorali e proteste sparse in tutto il paese.

Per gli investitori, qualsiasi ritardo nella formazione del governo porterebbe a una maggiore incertezza per un’economia che deve affrontare sfide su più fronti. Il tasso di inflazione è del 28%, il ritmo più veloce in Asia, rendendo difficile per le persone arrivare a fine mese. Un programma di salvataggio di nove mesi con il Fondo monetario internazionale, il 23esimo del Pakistan dalla sua indipendenza nel 1947, termina a marzo, suggerendo che qualsiasi nuovo leader dovrà negoziare un nuovo accordo.

Lunedì il principale indice azionario del Pakistan è sceso del 2,8%, dopo aver perso l'1,8% venerdì.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply