Hamas ha accusato Israele di aver attaccato la scuola, uccidendo 50 persone

Il corpo medico di Hamas ha accusato Israele di aver attaccato una scuola nel campo profughi di Jabalia, nel nord della Striscia di Gaza, uccidendo 50 persone.

Il 18 novembre, l’autorità sanitaria della Striscia di Gaza guidata da Hamas ha accusato Israele di aver attaccato la scuola Al-Fakhoura, una struttura gestita dalle Nazioni Unite nel campo profughi di Jabalia, uccidendo almeno 50 persone. Il secondo attacco ha colpito un edificio a Jabalia, uccidendo 32 persone di una famiglia, tra cui 19 bambini.

Philippe Lazzarini, capo dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA), ha detto di aver visto “immagini orribili e molti morti e feriti” nella scuola. Ha detto che questi attacchi sono inaccettabili e devono cessare.

Lazzarini ha inoltre confermato che Al Fakhoura è stata sequestrata come rifugio per migliaia di palestinesi che hanno perso la casa a causa dei combattimenti.

L’esercito israeliano non ha commentato specificamente il presunto attacco al campo di Jabalia. Un portavoce militare israeliano ha detto che le unità stanno espandendo le loro operazioni nella Striscia di Gaza, “prendendo di mira i membri e le infrastrutture di Hamas”.

I bambini feriti nel raid nel campo profughi di Jabalia il 15 novembre sono stati trasferiti all’ospedale indonesiano nel nord della Striscia di Gaza. immagine: Anatolia

All’inizio di novembre, Hamas ha accusato Israele di aver continuato ad attaccare Jabalia per tre giorni, uccidendo più di 200 persone e ferendone centinaia.

Hamas ha affermato che da quando Israele ha lanciato la sua operazione nella Striscia di Gaza in risposta al raid del gruppo armato del 7 ottobre, 12.000 persone sono state uccise nella Striscia, tra cui 5.000 bambini.

READ  30 Le migliori recensioni di Il Nome Della Rosa Libro testate e qualificate con guida all'acquisto

Jabalia è il più grande degli otto campi profughi della Striscia di Gaza, situato a nord della città di Gaza e vicino al valico di frontiera israeliano di Erez. Il campo fu fondato nel 1948, dopo che la Guerra d’Indipendenza di Israele portò un’ondata di palestinesi a lasciare le loro case per la Striscia di Gaza.

Ma dopo più di mezzo secolo e molte generazioni di vita, il campo profughi di Jabalia divenne in seguito un’area urbana con molti grattacieli e infrastrutture civili, con una popolazione di circa 100.000 persone.

Posizione del campo profughi di Jabalia.  Grafica: AFP

Posizione del campo profughi di Jabalia. Grafica: Agenzia di stampa francese

Lo stesso giorno, 18 novembre, i corrispondenti internazionali nella Striscia di Gaza hanno registrato centinaia di persone che uscivano dall’ospedale Shifa di Gaza City, sventolando bandiere bianche e marciando verso sud. Le autorità sanitarie locali hanno affermato che circa 120 pazienti, 34 neonati e parte del personale medico rimangono nell’ospedale Al-Shifa.

Hamas ha accusato l’esercito israeliano di aver impartito l’ordine di evacuare completamente l’ospedale Al-Shifa. Nel frattempo, Tel Aviv ha confermato di non aver obbligato pazienti e medici a evacuare, ma ha affermato che si trattava di una richiesta del direttore dell’ospedale e dell’esercito israeliano di creare condizioni solo per coloro che volevano evacuare.

Le Nazioni Unite avevano precedentemente stimato che ci fossero circa 2.300 persone nell’ospedale Al-Shifa, tra cui pazienti, medici e rifugiati.

La settimana scorsa Israele si è scontrato con Hamas fuori dall’ospedale e poi ha inviato delle forze all’interno per indagare. Israele afferma di aver scoperto prove dell’esistenza di strutture sotterranee di Hamas. Nel frattempo Hamas ha costantemente negato di utilizzare l’ospedale come base per i suoi membri.

READ  30 Le migliori recensioni di Lampada Da Tavolo testate e qualificate con guida all'acquisto

Hamas ha anche accusato Israele di aver attaccato il sud della Striscia di Gaza il 18 novembre, uccidendo 32 civili, compreso un attacco che aveva preso di mira un edificio residenziale nella città di Khan Yunis.

nome (Teo Agenzia France-Presse, Reuters)


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply