Hamas: Abbiamo ricevuto la risposta dell’occupazione alla nostra posizione riguardo all’accordo di scambio Notizia

|

Il vicepresidente del Movimento di resistenza islamica (Hamas) nella Striscia di Gaza, Khalil al-Hayya, ha affermato che il movimento ha ricevuto la risposta ufficiale di Israele alla posizione del movimento sui negoziati, consegnata ai mediatori del Qatar e dell’Egitto il 13 aprile.

Al-Hayya ha aggiunto, in un comunicato, che il movimento studierà la risposta israeliana e annuncerà la sua posizione una volta completata, senza ulteriori dettagli.

In precedenza, il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan, aveva affermato che sono in corso nuovi sforzi qatarioti-egiziani per cercare di raggiungere un accordo tra Hamas e Israele. Lui ha aggiunto che c'è un nuovo slancio nelle trattative per concludere un accordo sullo scambio di prigionieri, ma non ha indicato il motivo del suo ottimismo al riguardo.

Sullivan ha indicato che c'è un nuovo sforzo da parte del Qatar, dell'Egitto e di Israele per cercare di trovare una via da seguire nei colloqui sulla Striscia di Gaza.

Le dichiarazioni del funzionario americano coincidono con quanto annunciato dal Cairo, secondo cui una delegazione egiziana della sicurezza è arrivata a Tel Aviv ieri, venerdì, tra cui un gruppo di specialisti del dossier palestinese, per discutere un quadro globale per un cessate il fuoco a Gaza.

Cairo News Channel, citando un funzionario della sicurezza egiziano, ha rivelato che ci sono stati notevoli progressi nell'avvicinare le opinioni delle delegazioni egiziana e israeliana riguardo al raggiungimento di una tregua nella Striscia di Gaza.

Commentando questa notizia, il sito ebraico “0404” ha riferito che il ministro delle Finanze di estrema destra Bezalel Smotrich ha minacciato il primo ministro Benjamin Netanyahu di lasciare il governo se avesse accettato l'iniziativa egiziana.

READ  Piovono mucche: dov'è il segno più strano del pianeta?

Smotrich ritiene che l'iniziativa costituisca una pericolosa sottomissione israeliana e una disastrosa vittoria per Hamas.

Il canale israeliano Kan ha affermato che l'establishment della sicurezza e la maggior parte della leadership politica in Israele sostengono la proposta egiziana riguardo all'accordo sullo scambio di prigionieri, ma Netanyahu non è d'accordo.

Nelle ultime notizie di ieri sera, venerdì, l'Autorità radiotelevisiva israeliana ha citato un ministro del mini-consiglio di sicurezza, la cui identità non è stata rivelata, confermando che il primo ministro Benjamin Netanyahu non vuole raggiungere un accordo e sta frapponendo molti ostacoli a questo considerare.

Invasione di Rafah

Intanto, secondo il sito americano Axios, fonti israeliane affermano che Tel Aviv ha informato Il Cairo che Israele è pronto a dare “un'ultima possibilità” per raggiungere un accordo con Hamas per il rilascio dei prigionieri, prima di procedere con l'invasione della città di Rafah. sud della Striscia di Gaza.

Secondo Axios, “Israele ha informato l’Egitto che sta seriamente preparandosi a lanciare l’operazione a Rafah e che non permetterà ad Hamas di rallentare”.

Nello stesso contesto, John Kirby, coordinatore delle comunicazioni strategiche presso il Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, che ha pianto per la morte degli israeliani il 7 ottobre, ha affermato durante un’intervista televisiva che il rifiuto da parte di Hamas della proposta di accordo di scambio non significa che Washington abbandonerà la sua politica di scambio. tentativi di liberare gli ostaggi.

Il vicepresidente di Hamas nella Striscia di Gaza e membro del suo ufficio politico, Khalil al-Hayya, aveva precedentemente affermato che l'attacco a Rafah “non riuscirà a distruggere Hamas”, spiegando che le forze di occupazione israeliane “non hanno distrutto più di 20 % delle capacità di Hamas, sia umane che sul campo”.

READ  Sistema nervoso

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply