Gli ucraini caduti partono alla conquista dell’Europa

Releaf Paper è una startup ucraina creata da Valentin Frishka per un progetto scolastico quando aveva appena 16 anni, che produce carta dalle foglie cadute nelle città ucraine, evitando il disboscamento, utilizzando meno energia, meno acqua e meno emissioni. Meno anidride carbonica.

Releaf Paper è una startup ucraina creata da Valentin Frishka per un progetto scolastico quando aveva appena 16 anni, che produce carta dalle foglie cadute nelle città ucraine, evitando il disboscamento, utilizzando meno energia, meno acqua e meno emissioni. Meno anidride carbonica. Sono in cima al web per mostrare i prodotti che hanno sviluppato e per la natura reti Cosa succede in questo tipo di eventi.

“Stavo lavorando a un progetto studentesco per le Olimpiadi e i tornei scolastici e stavo cercando alternative alla pasta di legno, dato che vivo vicino alle foreste”, spiega. nuovo Hanna Kuznetsova. Ha visto gli alberi essere abbattuti e non voleva questo. “Quindi, ha provato diverse alternative – paglia e bambù – ma questa non era una tecnologia unica a quel tempo”.

Quindi ebbe il suo momento eureka quando guardò le foglie stese a terra: facevano parte degli alberi, contenevano cellulosa e dovrebbe essere possibile ricavarne la carta.

“Era l’idea giusta, il concetto giusto. Tre anni dopo, Alexander [Sobolenko] Lei si è unita a lui e ha creato la startup”, sottolinea Kuznetsova.

L’idea alla base di Releaf Paper è riciclare le foglie cadute per produrre carta. Le foglie non vengono raccolte nei boschi, ma dai comuni, che poi le consegnano all’azienda. La carta è prodotta attraverso una miscela di sostanze chimiche, attraverso processi termo-meccanici, ed è completamente sostenibile, poiché i prodotti utilizzati non sono né pericolosi né concentrati.

READ  30 Le migliori recensioni di Acquario Pesci Rossi testate e qualificate con guida all'acquisto

Importante è anche l’impatto ambientale. Oltre a non abbattere alberi per produrre carta, Releaf Paper utilizza tre volte meno energia e 15 volte meno acqua. Durante questo processo, rispetto alla produzione tradizionale della carta, si producono il 78% in meno di emissioni di anidride carbonica.

Documento di pubblicazione

Inoltre, salviamo 17 alberi per ogni tonnellata di carta prodotta. La nostra ambizione è raggiungere il 5% del settore cartario entro 50 anni. È un processo lungo e per realizzarlo abbiamo bisogno di molte unità produttive simili in diverse città. “Non è una percentuale ottimistica, perché l’ottimismo sarebbe del 10%”, sottolinea Kuznetsova. “Ogni anno circa tre milioni di ettari di foresta vengono abbattuti per produrre carta. Quindi, se ce ne fossero il 5%, l’impatto sarebbe enorme. È solo l’inizio.”

Per raggiungere questo obiettivo, Releaf Paper ha ricevuto il sostegno della Commissione Europea per un importo di 2,5 milioni di euro, concessi all’inizio di quest’anno, con ulteriori otto milioni impegnati per assemblare la seconda e la terza linea di produzione fuori dal Paese. Ucraina, dopo il primo progetto in Francia.

La carta prodotta da Releaf Paper può essere utilizzata in una varietà di applicazioni: borse, carta da imballaggio, scatole di cartone ondulato e cartoni per uova. Dall’ottobre dello scorso anno i prodotti Releaf Paper sono venduti in tutta Europa, dopo una fase iniziale in cui venivano venduti solo in Ucraina. Sebbene all’epoca fossero una piccola impresa ucraina, i loro clienti principali erano Samsung o L’Óreal.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply