Gli Stati Uniti negano le informazioni del SNS dopo che il bacino galleggiante a Gaza non è stato utilizzato nell’operazione israeliana di salvataggio degli ostaggi | Reuters

Il 10 giugno, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha negato le informazioni sui social media secondo cui Israele aveva utilizzato un bacino galleggiante militare statunitense in un’operazione di salvataggio di ostaggi nella Striscia di Gaza autonoma palestinese. In questa foto, i palestinesi si riuniscono per raccogliere gli aiuti consegnati a un molo costruito dagli Stati Uniti a maggio (2024 Reuters/Ramadan Abed)

[ワシントン/国連 10日 ロイター] Il 10 di questo mese, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha smentito le informazioni pubblicate sui social media secondo cui Israele avrebbe utilizzato un bacino galleggiante militare americano in un’operazione di salvataggio di ostaggi nella regione autonoma palestinese di Gaza.

Il portavoce del ministero Rader ha confermato che durante l’operazione militare israeliana dell’8 non è stato utilizzato un pontile galleggiante. Ha riconosciuto che gli elicotteri israeliani stavano operando vicino al molo galleggiante, ma ha detto che il molo, le attrezzature e il personale che supporta gli aiuti umanitari non avevano nulla a che fare con l’operazione di salvataggio israeliana.

Dopo che una parte del bacino galleggiante è stata danneggiata, la consegna dei soccorsi per le riparazioni è stata sospesa, ma la consegna è stata ripresa l’8. Tuttavia, a causa delle cattive condizioni del mare nei giorni 9 e 10, la circolazione dei rifornimenti è stata sospesa.

Le Nazioni Unite non hanno ancora ripreso il trasferimento delle forniture dal bacino galleggiante al magazzino del Programma alimentare mondiale. Il portavoce delle Nazioni Unite Dujarric ha affermato che la partecipazione delle Nazioni Unite al trasporto di rifornimenti tramite il bacino galleggiante rimarrà sospesa “in attesa di una valutazione globale della situazione della sicurezza per garantire l’incolumità del nostro personale e dei nostri partner”.

READ  Trucchi impeccabili per far sì che le vostre piante ricevano più luce, ora che è arrivato il freddo e c'è poco sole

Il nostro codice di condotta:“Principi di fiducia” di Thomson Reutersapre una nuova scheda

Phil Stewart ha riferito da più di 60 paesi, tra cui Afghanistan, Ucraina, Siria, Iraq, Pakistan, Russia, Arabia Saudita, Cina e Sud Sudan. Pluripremiato corrispondente per la sicurezza nazionale con sede a Washington, Phil è apparso su NPR, PBS NewsHour, Fox News e altri programmi e ha moderato eventi sulla sicurezza nazionale, tra cui il Reagan National Defense Forum e il German Marshall Fund. Ha ricevuto l’Edwin M. Hood Award per la corrispondenza diplomatica e il Joe Galloway Award.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply