Gli astronomi hanno scoperto un corpo celeste “troppo grande per esistere”, ribaltando le precedenti teorie sulla formazione planetaria

I ricercatori affermano che la scoperta di un pianeta troppo grande rispetto alla sua stella più vicina rappresenta una sfida alle attuali teorie sulla dinamica della formazione planetaria, secondo recenti scoperte.

La scoperta, riferita dai ricercatori della Pennsylvania State University, riguarda un enorme pianeta in orbita attorno a LHS 3154, una stella circa nove volte più piccola del nostro Sole, e quindi anche molto più fredda.

In confronto, il nuovo pianeta, LHS 3154b, attorno al quale orbita è più di 13 volte più grande della Terra, cosa che secondo gli scienziati planetari non dovrebbe essere possibile.

Nel contesto, il rapporto di massa del pianeta rispetto alla sua stella ospite è più di 100 volte la massa della Terra e del Sole, rendendo LHS 3154b il più grande pianeta mai scoperto in orbita attorno a una stella nana ultrafredda e, cosa più importante, un pianeta troppo grande per essere osservato. si adattano facilmente all’interno Modelli attuali su come si sono formati questi corpi celesti.

Suvrath Mahadevan, professore di astronomia e astrofisica alla Penn State, ha detto che lui e i suoi colleghi sono rimasti sorpresi dalla scoperta.

“Non ci aspettavamo un pianeta così pesante attorno a una stella di piccola massa”, ha detto Mahadevan in un comunicato stampa descrivendo le nuove scoperte.

In generale, una volta che una stella si è formata, il gas e la polvere che la circondano formeranno un disco protoplanetario, che alla fine formerà pianeti per lunghi periodi. Tuttavia, il disco che circonda LHS 3154 non ha abbastanza massa solida per facilitare la formazione del pianeta nel caso di un oggetto come LHS 3154b, dice Mahadevan.

READ  La Norvegia teme altre alluvioni: "I prossimi giorni saranno critici" | al di fuori

“Ma esiste, quindi ora dobbiamo riconsiderare la nostra comprensione di come si formano i pianeti e le stelle”, aggiunge.

Il rendering di un artista mette a confronto il sistema LHS 3154 con la nostra Terra e il nostro Sole, rivelando differenze radicali che sfidano le attuali teorie sulla formazione planetaria (Penn State)

La scoperta è stata resa possibile con l’aiuto di uno spettrometro astronomico specializzato che Mahadevan e i suoi colleghi hanno sviluppato alla Penn State chiamato Habitable Zone Planet Finder (HPF). Il dispositivo è stato progettato specificamente per rilevare pianeti in orbita attorno a stelle fredde che probabilmente contengono acqua liquida.

I segnali provenienti dai pianeti a breve distanza dalle stelle fredde che li circondano consentono una firma più facile da rilevare rispetto ad altri pianeti che circondano stelle simili al nostro Sole. Mahadevan offre un’analogia in cui le stelle possono essere paragonate a fuochi da campo che bruciano le loro riserve di energia e si raffreddano, il che significa che bisogna essere più vicini a loro per ricevere il calore che generano.

“Lo stesso vale per i pianeti”, dice. “Se la stella è più fredda, il pianeta dovrà essere più vicino ad essa se vuole essere abbastanza caldo da contenere acqua liquida”.


Anti-furtività



Quando i pianeti orbitano vicino a una stella ultrafredda, possono essere rilevati a causa di lievissimi cambiamenti nel colore dei loro spettri, differenze che derivano dall’influenza gravitazionale del pianeta in orbita, spiega Mahadevan.

“Ciò che abbiamo scoperto fornisce un banco di prova estremo per tutte le teorie esistenti sulla formazione dei pianeti”, ha affermato Mahadevan. “Questo è esattamente ciò per cui abbiamo costruito l’HPF, scoprire come le stelle più comuni nella nostra galassia formano i pianeti – e trovare quei pianeti”.

“Questa scoperta ci mostra davvero quanto poco sappiamo dell’universo”, ha detto Mahadevan.

READ  Matematico Shakuntala Devi 👀 Buon Compleanno..! 💐 - AanthaiReporter.Com

Mahadevan è coautore di un recente studio che dettaglia i risultati pubblicati sulla rivista Scienze.

Micah Hanks è redattore capo e co-fondatore di The Debrief. Può essere contattato tramite e-mail all’indirizzo [email protected]. Segui il suo lavoro in micahhanks.com E il decimo: @mikahanks.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply