Gli astronauti “sparano” per la luna e testano una nuova fotocamera progettata per lo spazio sul terreno lunare della Spagna

L’astronauta di carriera dell’ESA/NASA/SWNS Rosemary Kogan detiene la Global Portable Lunar Camera

Gli astronauti stanno “mirando” alla Luna mentre provano una nuova fotocamera spaziale ad alta tecnologia qui sulla Terra.

Gli scienziati dell’Agenzia spaziale europea hanno collaborato con il team di immagini Artemis della NASA per sperimentare questo array.

Gli ingegneri responsabili della Universal Handheld Lunar Camera (HULC) l’hanno testata nel paesaggio lunare di Lanzarote, in Spagna, e hanno messo alla prova la nuova fotocamera durante un programma di formazione PANGEA.

PANGEA prepara gli astronauti a diventare scienziati sul campo efficaci per le future missioni sulla Luna.

Durante le escursioni geologiche, gli astronauti documentano il loro lavoro esplorativo utilizzando uno strumento ESA che consente agli istruttori di geologia presso la stazione base di seguire e supportare l’equipaggio con audio e video in tempo reale.

Gli astronauti dell’Apollo 11 hanno scattato foto iconiche della Luna con una fotocamera completamente diversa: una fotocamera meccanica autonoma Hasselblad con un obiettivo Harrison Schmidt da 60 mm. Durante quella missione, gli astronauti hanno raccolto 1.407 immagini da quattro di queste telecamere montate su treppiedi.

Attrezzatura fotografica collegata al pilota del modulo lunare Apollo 12 sulla Luna nel 1969 – NASA/SWNS

La prossima volta che gli astronauti torneranno sulla Luna, scatteranno più foto della superficie lunare che mai, dopo questo assaggio dalla vita reale dell’esplorazione della superficie lunare.

La nuova fotocamera è costruita con fotocamere professionali standard con elevata sensibilità alla luce e obiettivi moderni, ma con modifiche della NASA, tra cui l’aggiunta di una coperta antipolvere e una protezione termica per temperature che vanno da -200 gradi Celsius. Fino a 120°C. Una nuova serie di pulsanti ergonomici ora rende più semplice per gli astronauti in tute spaziali scattare foto mentre indossano guanti ingombranti.

READ  Gli astronauti della NASA completano con successo una passeggiata nello spazio, segnando un risultato storico per una coppia femminile
L’astronauta dell’ESA Thomas Pesquet tiene in mano una telecamera satellitare globale nel programma di test PANGEA in Spagna – ESA/NASA/SWNS

I team hanno condotto test approfonditi sulle tre principali sfide dello spazio: effetti termici, del vuoto e delle radiazioni. Sulla Luna, un’ulteriore sfida sarà la natura abrasiva della polvere lunare. L’anno scorso, la fotocamera ha fatto parte di una simulazione di moonwalk con la missione JETT 3 in Arizona, USA.

Uno dei fotografi europei in orbita più prolifici, l’astronauta dell’ESA Thomas Pesquet, Ha elogiato il design Dopo averlo utilizzato in un corso di prova PANGEA. “Gli ingegneri hanno fatto davvero un ottimo lavoro riconfigurando i pulsanti e predisponendo una protezione semplice e affidabile per la fotocamera.”

Un obiettivo di professionale La scelta delle lenti è stata la più appropriata. Pesquet e la candidata astronauta della NASA Jessica Wittner, insieme a Takuya Onishi dell’Agenzia aerospaziale giapponese, hanno utilizzato la fotocamera alla luce del giorno, ma anche nell’oscurità delle grotte vulcaniche per simulare le condizioni estreme della fotografia lunare.

Sarà la prima fotocamera mirrorless per uso portatile nello spazio. Le fotocamere mirrorless offrono un’eccellente qualità dell’immagine in situazioni di scarsa illuminazione, rendendole adatte al difficile ambiente lunare ad alto contrasto.

Ancora fotografia spaziale: Guarda una straordinaria eclissi solare su Marte in un video catturato dal rover Perseverance della NASA

“È stato molto utile conoscere il punto di vista dei geologi per assicurarsi che le immagini avessero la giusta risoluzione, profondità di campo ed esposizione per massimizzare i risultati scientifici”, spiega Jeremy Myers, responsabile della fotocamera HULC della NASA.

Jeremy Myers, responsabile della Global Handheld Lunar Camera (HULC) della NASA, offre agli astronauti una panoramica del progetto durante il programma di addestramento PANGEA in Spagna – ESA/NASA/SWNS

“Deve essere facile da usare. Il fattore umano è molto importante per noi, perché vogliamo che la telecamera sia intuitiva e non grava sulla troupe”, aggiunge.

READ  Si dice che Jabra stia preparando nuovi auricolari Elite 8 con ANC premium

Immagini lunari di ArtemideLa nuova fotocamera ShadowCam della NASA rivela i segreti degli angoli più bui della Luna con scorci mozzafiato

La fotocamera registrerà anche video, che l’ESA fornirà “consapevolezza della situazione alle squadre di terra e aiuterà a documentare l’esplorazione dei nostri vicini cosmici più vicini”.

Gli scienziati utilizzano la Global Portable Satellite Camera nel programma di test PANGEA – ESA/NASA/SWNS

La missione Artemis III atterrerà sul polo sud della Luna, vicino a crateri permanentemente in ombra dove l’equipaggio cercherà prove di ghiaccio d’acqua. “Le condizioni fotografiche saranno impegnative sotto molti aspetti, dall’utilizzo della fotocamera con i guanti, a livelli di luce molto bassi e un contrasto elevato tra fonti luminose e scure”, afferma Pesquet.

Aspetto: Guarda una straordinaria eclissi solare su Marte in un video catturato dal rover Perseverance della NASA

“Vogliamo che gli astronauti siano in grado di catturare un’immagine dettagliata della struttura cristallina nelle rocce e catturare paesaggi, il tutto con la giusta esposizione”, ha spiegato Myers.

Una versione della fotocamera volerà presto sulla Stazione Spaziale Internazionale per ulteriori test nel prossimo futuro.

Invia i tuoi amici fotografi sulla luna condividendo sui social media…

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply