Giulio Cavalli, L’ultimo testamento. Nel solco di Zamyatin.

Bar Stefano Palombari

La distopia è un genere antico. Quando incontriamo una storia in cui il futuro è presentato come un incubo di brutalità intellettuale e fisica, pensiamo a Orwell, maestro della materia. Tuttavia, lo scrittore inglese non è stato il primo. Nel 1920, il russo Evgeny Zamyatin si tuffò in un’utopia fallita pubblicando Noi (Noi).

Il patto assoluto Scritto da Giulio Cavalli, che uscirà nelle librerie il 23 agosto 2023, è chiaramente contaminato da questo romanzo russo. Nel futuro immaginato da Cavalli, i residenti di DF vengono drogati alla nascita. Un vaccino vaccinato in tenera età toglie tutte le sensazioni, tutti i sentimenti, compresa la simpatia. “Senza empatia, le persone non possono più ribellarsi”.

In DF si fa di tutto per mantenere la popolazione in uno stato di beata apatia. I colori accettabili sono solo sfumature di grigio, applicate da un codice colore. Il piacere in tutte le sue forme si sta esaurendo. Il cibo è lo stato programmato per impedire lo sviluppo del gusto. Mangiamo solo per nutrirci. Le donne sono “assegnate” ai cittadini al solo fine della procreazione. Musica, cinema, teatro… tutte le forme di espressione artistica furono soppresse.

La medicina, si sa, non è una scienza esatta e i vaccini non hanno lo stesso effetto su tutti. Pertanto, alcuni individui sono ancora consapevoli di qualcosa. Puzzano, anche se in modo molto confuso. Nonostante il tentativo di isolarli e proteggerli, un piccolo gruppo di cittadini organizza una resistenza: “Les brigades sentimentales”.

Il patto assoluto È in linea con una classica distopia in cui le libertà individuali vengono sacrificate sull’altare della cosiddetta felicità collettiva. Nell’oscurità circostante, i combattenti della resistenza si stagliano come ribelli nell’opera del fumettista argentino Guillermo Mordillo. Un romanzo che delizierà gli appassionati del genere.

READ  L'Italia nel piatto con la pizzeria La Provençale

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply