Frontiera italo-francese: smantellare e condannare una rete di trafficanti al servizio delle famiglie

Martedì i tribunali hanno condannato una rete di trafficanti che operava al confine tra Italia e Francia. I trafficanti facevano parte della stessa famiglia. Il loro modus operandi consisteva nel trasportare i migranti attraverso le Alpi, raccoglierli a Mentone e poi farli aspettare in una cantina nella città di confine francese.

Martedì 7 novembre la magistratura francese si è pronunciata su un procedimento penale contro una rete di trafficanti di esseri umani. Lo ha rivelato Latifa Matin. I trafficanti, lavorando come una famiglia, avevano creato una rete che andava da Ventimiglia, in Italia, a Mentone, sul versante francese.

Inizialmente gli esuli dovettero attraversare le Alpi a piedi attraverso sentieri di montagna estremamente pericolosi prima di essere prelevati a Mentone e aspettati in una cantina situata in una strada senza uscita della città. È stato proprio in questo vicolo che la rete ha attirato l’attenzione. “Un residente locale, un agente di polizia, era affascinato dal viavai della Opel Frontera. A volte c’erano circa una dozzina di stranieri riuniti nell’auto”, ha scritto Nice-Matin.

Pene detentive

Nel marzo 2022 verrà aperta un’indagine e verranno seguite diverse persone, tra cui Jose Barata (53 anni), suo cognato Farid bin Ibrahim (47 anni), il fratello di quest’ultimo Shukri bin Ibrahim (52 ​​anni vecchio) e Wissam Al Khalfi (27 anni). , possiamo leggere nell’articolo.

Un migrante viene esaminato alla stazione di Mentone Garavane dalla polizia francese. Credito: Alleanza immagine.

Verranno arrestati e processati. Durante il processo due degli imputati erano in fuga. Per gli altri sono state comminate condanne aggravate: sei anni di reclusione e divieto di ingresso nel territorio nazionale per Chokri Benbrahim, colpevole di favoreggiamento all’ingresso, alla circolazione e al soggiorno illegali di uno straniero in Francia, il tutto nell’ambito di una banda organizzata. Punizione su richiesta del Pubblico Ministero. Wissam Al Khalfi ha ottenuto tre anni.

READ  È morta dopo una tragica storia di sofferenza la stella del pattinaggio Elena Fanchini (37 anni).

>> Da (ri)leggere: Dal “sogno alla brutale realtà”: sopravvivere a Ventimiglia in un momento di crescenti arrivi

Farid Benbrahim, già in custodia cautelare da diciotto mesi, è stato condannato a quattro anni di carcere e resta in carcere. Egli è di nazionalità algerina e, come i suoi coimputati, è soggetto al divieto permanente di ingresso nel territorio francese. Il processo a José Barata si svolgerà il prossimo aprile.

Aumentare i controlli alle frontiere

All’inizio di novembre è stato ucciso un altro trafficante di nome Mustafa. I tribunali hanno anche arrestato e condannato T, ha riferito Nice-Matin. Di professione autista VTC, trasportava anche migranti tra Ventimiglia e Mentone per poche centinaia di euro.

I due cugini tunisini hanno tentato di attraversare di notte la frontiera franco-italiana attraverso le montagne, prima che i soldati francesi li intercettassero e poi li spingessero verso Ventimiglia.  Credito: Informazioni Migranti
I due cugini tunisini hanno tentato di attraversare di notte la frontiera franco-italiana attraverso le montagne, prima che i soldati francesi li intercettassero e poi li spingessero verso Ventimiglia. Credito: Informazioni Migranti

Da anni centinaia di esuli sopravvivono a Ventimiglia, una città italiana da cui i migranti tentano di entrare in Francia a piedi, in treno o attraverso le montagne. Recentemente se ne sono radunati alla frontiera 400, un numero elevato secondo le associazioni, ma lontano dai numeri del 2017, quando erano più di 700.

>> Da (ri)leggere Al confine franco-italiano, una “politica di logoramento” per “scoraggiare gli immigrati”

A settembre Parigi ha annunciato l’invio di rinforzi per rafforzare il controllo delle frontiere. «Quando aumentano i controlli, è chiaro che i migranti passano meno velocemente», spiega Christian Papini, direttore del Centro Caritas di Ventimiglia, spiegando questo afflusso degli ultimi mesi. “Invece di due giorni, ne impiegheranno quattro, per esempio. Ciò aumenta il numero di persone, perché altre continuano ad arrivare.”

>> Da (ri)leggere: “Ero nel bagno del treno, sono entrati e mi hanno portato fuori”: Edwige, cittadina della Costa d’Avorio, è stata arrestata al confine franco-italiano

A maggio i droni erano già stati schierati per monitorare i valichi. Già un mese fa la prima ministra Elisabeth Borne aveva annunciato il rafforzamento di 150 agenti di polizia e gendarmeria alla frontiera italo-francese. Questa “forza di frontiera” – composta da rinforzi della polizia, dell’esercito e della dogana sulle strade, sui treni e nelle stazioni – mobilita tra le 400 e le 450 persone al giorno, secondo il quotidiano Le Figaro.

READ  L'italiana Tampere e l'americana Tausaga creano una sorpresa a Budapest

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply