Focus: La sentenza del Colorado che vieta i candidati alle primarie è una spinta per Trump | Reuters

Il 19 dicembre, la Corte Suprema degli Stati Uniti in Colorado ha stabilito che le primarie statali determineranno il candidato repubblicano per le elezioni presidenziali del prossimo anno a causa del coinvolgimento dei sostenitori dell’ex presidente Donald Trump (nella foto) nell’attacco del 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti. A Trump non è consentito partecipare alle elezioni e questa sentenza probabilmente darà un ulteriore impulso a Trump, che è in testa alla corsa per la nomina del Partito Repubblicano. È stata fotografata durante una manifestazione elettorale tenutasi lo stesso giorno a Waterloo, Iowa (2023, Reuters/Scott Morgan)

[ワシントン 21日 ロイター] Il 19 di questo mese la Corte Suprema degli Stati Uniti in Colorado ha deciso di sospendere il coinvolgimento dell’ex presidente Trump nell’attacco del 2021 al Campidoglio da parte dei sostenitori dell’ex presidente Donald Trump nelle elezioni primarie dello stato per determinare il candidato repubblicano per le elezioni presidenziali del prossimo anno. Questa sentenza darà probabilmente un’ulteriore spinta a Trump, che è in testa alla corsa per ottenere la nomination repubblicana.

La decisione della Corte Suprema dello stato si basa sulla Sezione 3 del Quattordicesimo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, che proibisce a coloro che sono coinvolti in “ribellione o ribellione” di ricoprire cariche pubbliche, ma non esiste alcun precedente per cui quella sezione si applichi ai candidati presidenziali.

Trump ha annunciato che farà appello contro la sentenza alla Corte Suprema degli Stati Uniti. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha una maggioranza di 6-3 di giudici conservatori, di cui tre nominati da Trump, e c’è la possibilità che la sentenza venga annullata.

READ  L'universo parla e qual è la sua lingua? | L'universo parla? Qual è la sua lingua?

I donatori democratici e repubblicani e gli analisti politici si aspettano che i sostenitori di Trump si ribellino al governo. Credono che un numero maggiore di elettori sarà d’accordo con l’affermazione di Trump secondo cui è vittima di un processo legale di parte, che porta a maggiori donazioni.

“Trump sta festeggiando”, ha detto John Morgan, un avvocato della Florida responsabile della raccolta fondi per il presidente democratico Joe Biden, aggiungendo che questa è una grande opportunità di raccolta fondi per i repubblicani.

La campagna di Trump invita anche i suoi sostenitori a combattere il governo “tirannico” attraverso le donazioni.

Un recente sondaggio Reuters/Ipsos mostra che se le elezioni presidenziali del prossimo anno fossero una competizione diretta tra Trump e Biden, Trump avrebbe un sostegno leggermente maggiore di Biden.

<الحزب الديمقراطي يناشد المستقلين>

La sentenza potrebbe dare ai democratici l’opportunità di fare appello agli indipendenti che credono che Trump sia coinvolto nella rivolta.

In un sondaggio Reuters/Ipsos di questo mese, il 57% degli indipendenti ha affermato di ritenere che Trump abbia tentato di incitare all’assedio del Campidoglio degli Stati Uniti. Solo il 30% degli intervistati ha risposto che era “inconcepibile”.

Quasi il 70% dei repubblicani ha detto che era “inimmaginabile”. Il 23% ha risposto: “Posso pensarci”, e il resto ha detto: “Non lo so”.

Il 20 il presidente Biden ha affermato che “non c’erano dubbi” sul fatto che l’ex presidente Trump avesse sostenuto l’insurrezione in relazione all’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti. Anche se spetta ai tribunali decidere se è idoneo a candidarsi alla presidenza, ha sottolineato: “Certamente ha sostenuto la ribellione. Non ci sono dubbi. Zero”.

READ  Netanyahu chiede al presidente colombiano, arrabbiato, di arrestarlo su Gaza

<المعارض الجمهوري يدعم ترامب>

Trump gode ancora di un sostegno schiacciante come candidato del Partito Repubblicano e, sebbene gli sia stato impedito di candidarsi in Colorado, la situazione non dovrebbe cambiare. I democratici controllano il Colorado e Trump non ha alcuna possibilità di vincere lì.

L’ex ambasciatrice all’ONU Nikki Haley sta attirando sempre più attenzione nella corsa per la nomina repubblicana, ma l’ultima sentenza potrebbe riportare Trump sotto i riflettori.

Ford O’Connell, uno stratega repubblicano in Florida, è indeciso sulla sentenza, affermando che essa rafforza lo scenario di lunga data secondo cui Trump è vittima di un processo legale motivato politicamente, e ha affermato che la mossa potrebbe influenzare gli elettori repubblicani a sostenere Trump.

I candidati repubblicani rivali hanno difeso Trump, come hanno fatto in precedenti cause legali contro di lui.

“La sinistra usa la ‘democrazia’ per giustificare l’esercizio del potere, anche se ciò equivale a un abuso del potere giudiziario per impedire ai candidati di candidarsi sulla base di false basi legali”, ha detto il governatore della Florida Ron DeSantis. E anche se ciò accadesse”, ha postato su X (il vecchio Twitter).

“È davvero inimmaginabile”, ha detto a Fox News l’ex ambasciatore delle Nazioni Unite Haley. “Sconfiggerò Donald Trump da solo. Non ho bisogno di un giudice per impedirgli di candidarsi”, ha detto.

È difficile immaginare uno scenario in cui più stati impedirebbero a Trump di candidarsi, ma anche se così fosse, non funzionerebbe necessariamente a favore di Biden.

Secondo alcuni sondaggi, DeSantis e Haley dovrebbero condurre una campagna vantaggiosa contro il presidente Biden.

*Per informazioni correlate, consultare il menu “Contenuti correlati” sul lato destro dello schermo.

READ  Forte accusa di Yanina Latorre contro Giulia Mingolini e Ofelia Fernandez

Il nostro codice di condotta:“Principi di fiducia” di Thomson Reuters

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply