Remember remember the fifth of november”. Ci perdonerà V per Vendetta ma anche la data che ricorre venti giorni dopo non può essere dimenticata: il 25 novembre, infatti, viene celebrata la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Un appuntamento irrinunciabile, anche se limitato dall’emergenza Covid.

Ferrara non rinuncia a un momento di sensibilizzazione, a partire dall’illuminazione di palazzo San Crispino che si colora di rosso fino ai primi di dicembre. Rosso come la distesa di scarpette allestita da Udi lungo lo scalone municipale per rappresentare simbolicamente una marcia silente quanto dolorosa di donne vittime di violenza.

Il focus è la tavola rotonda in videoconferenza che si svolgerà mercoledì 25 novembre alle 9.30 in streaming sul canale YouTube del consiglio comunale di Ferrara.

Al confronto, dal titolo “Valore e ruolo di una rete di contrasto alla violenza sulle donne“, interverranno appunto i principali attori della rete locale di prevenzione e protezione delle donne vittime di violenza.

Tra i relatori spiccano il magistrato Maria Rita Pantani della Procura di Reggio Emilia, specializzata nella sezione dedicata alla violenza familiare e sul maltrattamento delle donne, e il dirigente della Divisione Anticrimine della Questura di Ferrara Paolo Pellegatti.

In prima linea le associazioni e centri locali impegnati da anni nella prevenzione e nell’accoglienza e protezione delle donne vittime di violenza:  Centro Donna Giustizia, Udi – Unione Donne in Italia e Cam – Centro di Ascolto degli Uomini maltrattanti (che agisce sul versante del recupero e della rieducazione affettiva degli uomini che riconoscono di avere un problema, e che recentemente ha inaugurato il primo centro di documentazione culturale maschile a Ferrara).

All’incontro – aperto dai saluti del sindaco Alan Fabbri, dell’assessore alle Pari Opportunità Dorota Kusiak e dalla presidente della commissione consiliare Pari Opportunità Paola Peruffo – saranno protagonisti anche gli studenti. Il liceo Carducci presenterà il progetto “La forza e il coraggio delle donne”  promosso dalla Fidapa Bpw Italy e l’istituto Copernico-Carpeggiani proietterà il videoclip della canzone “Non è normale che sia normale” e illustrerà il progetto di educazione civica promosso dall’istituto.

Insomma, ricorda per sempre il 25 novembre. Tutti i giorni.