Eva Peron, l'idolo dell'Argentina – Intrattenimento > Celebrità

Nata il 7 maggio 1919 nella colonia agricola di La Union, una cittadina vicino a Los Toledos, María Eva Duarte era la figlia illegittima di una domestica della pampa – le vaste pianure fertili dell'Argentina centrale – e di un proprietario terriero abbastanza ricco. .

Inizialmente la ragazza cresce nella fattoria con le sorelle illegittime, separate dai figli legittimi. Dopo la morte del padre in un incidente stradale, si trasferì con la madre nella piccola città di Junin, dove aprirono una casa di famiglia. Le sorelle maggiori sposarono i clienti del ristorante.

Come Eva Peron è diventata l'idolo dell'Argentina

All'età di quindici anni, Eva scappa a Buenos Aires con un cantante di tango sposato di nome Augustin Magalde, che le promette di farla diventare un'attrice.

Leggi anche: Coco Chanel, l'amante intelligente: come la leggendaria stilista ha costruito un impero nel mondo degli uomini

Quando arrivò nella capitale, si rese conto che la vita non era così semplice.

Magaldi la lascia e finisce per vivere una vita miserabile. Dopo la delusione iniziale, mantenne alcune relazioni di breve durata e apparve su riviste. Riuscì a guadagnare qualche soldo lavorando come prostituta nei nightclub. Alla fine ha anche ottenuto ruoli in opere teatrali e film. Nel 1940 ottenne un modesto lavoro presso la stazione radio privata “Radio Belgrano”. Ambiziosa e persistente, ottiene il suo spettacolo.

Sorprendentemente, ha guadagnato così tanta popolarità da essere soprannominata “Miss Radio”.

Il momento decisivo della sua vita

Tre anni dopo arriva il momento decisivo della sua vita. Nel giugno del 1943, ufficiali fedeli alle dittature fasciste in Europa presero il potere per impedire al governo democratico argentino di legare il paese agli Alleati. Fu creata una giunta militare, con la carica di Sottosegretario di Stato e Ministro della Guerra ricoperta dal colonnello Juan Domingo Peron, che aveva combattuto in Italia e aveva visto come Mussolini si era fatto strada fino al vertice.

READ  In questo giorno gli italiani occupano Corfù

Il 22 gennaio 1944, durante un concerto organizzato per raccogliere fondi a favore dei terremotati, conobbe Eva, che nutriva per lui una grande passione. Diventa la sua amante e, allo stesso tempo, un'alleata indispensabile, attraverso gli interventi radiofonici. Nell'ottobre 1945 si verificò una rivoluzione interna al governo. Juan Peron è costretto a dimettersi e viene imprigionato su un'isola sperduta.

Eva Perón, First Lady

Eva reagisce immediatamente. Sfrutta la sua popolarità come star della radio e fa appello ai poveri, presentando il suo ragazzo come il loro “protettore”. Riesce a provocare uno sciopero generale che porta rapidamente alla sua liberazione. Per amore e gratitudine, e forse anche per opportunità politica, la sposò il 17 ottobre 1945. Evita si dimostrò un'oratrice pubblica di inestimabile valore. Inoltre, lo aiuta molto nella sua carriera politica.

Un anno dopo, Perón fu eletto presidente dell'Argentina. Con il sostegno delle masse, la coppia instaurò una dittatura totale. Afferma di voler impedire “il ritorno dei nemici alla leadership” e stabilisce il principio del partito unico.

Organizza i lavoratori in un sindacato – anch'esso unico – e moltiplica le misure sociali a beneficio degli svantaggiati. Eva avvia una campagna a sostegno dei bambini poveri in Argentina.

I poveri lo adorano, i ricchi lo odiano

Nel settembre 1946 approvò una legge a favore dei diritti civili delle donne, compreso il diritto di voto. Controlla il Ministero della Salute e i tre principali giornali argentini. È amata dalle classi sociali disagiate della popolazione, ma odiata dalla classe media e dai ricchi.

Ha fondato una fondazione per distribuire vestiti, cibo e case ai poveri.

L'idea di istituire una casa di assistenza sociale è un'idea generosa, ma le voci cattive sostengono che questa organizzazione di beneficenza fosse solo una copertura per affari costosi. Si dice che la First Lady argentina non si sarebbe sentita in imbarazzo a utilizzare il conto per sé e per sostenere le campagne politiche del marito.

READ  La morte di Navalny: dettagli, reazioni e notizie

Si seppe solo dopo la sua morte, o più precisamente dopo la caduta di Perón nel 1955 – il ritorno al potere del colonnello tra il 23 settembre 1973 e il 1 luglio 1974 – che l'appropriazione indebita di fondi non impedì al culto di Eva Perón di continuando in questo modo. Una giornata in Argentina. Il solo menzionare il nome “Evita” suscita ancora emozioni: alcuni la considerano una santa, altri una grande peccatrice.

Nel 1952 i medici scoprirono che era malata di cancro

Il suo tormento continua per tutto luglio e l'intera nazione osserva. La Chiesa chiede a tutte le persone di pregare ogni giorno per la guarigione. Tutti gli sforzi sono vani. A soli 33 anni, la bellissima First Lady morì di leucemia il 26 luglio 1952.

Il funerale è una vera follia: centinaia di migliaia di argentini affollano la chiesa e deve intervenire la polizia.

Per testamento vengono organizzati funerali nazionali.

La leggenda di Eva Peron

La brutale scomparsa è all'origine della leggenda che si è sviluppata attorno ad essa. Cinque anni dopo la sua morte, gli autori del colpo di stato pubblicarono un elenco e fotografie del “fantastico guardaroba e della straordinaria collezione di gioielli del difensore dei poveri Vagnika”. La bara viene rimossa dalla cripta e vaga per l'Europa finché il colonnello non viene riportato al potere. Per ironia della sorte, né l'assenza di luoghi di culto né l'inaugurazione del nuovo regime riuscirono a dissipare l'affetto del popolo argentino verso Eva Peron.

Nonostante la sua controversa esistenza, è ancora ricordata nella storia come una delle figure più potenti nel mondo della politica internazionale, che continua a suscitare il rispetto della gente. (Vedi la gallery fotografica delle celebrazioni in corso a Buenos Aires).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply