Euro: gol della Svizzera agli ottavi di finale

Spagna e Svezia si affronteranno martedì (10:00) ad Auckland per un posto nella finale della Coppa del Mondo femminile. Entrambe le squadre hanno punti di forza da offrire.

Gli spagnoli si ritrovano per la prima volta nella loro storia nelle Final Four. La loro squadra gioca una partita offensiva, che non ha lasciato scampo alla nazionale svizzera negli ottavi di finale (5-1). Poi l’hanno portato a un nuovo livello.

Il loro gioco accattivante, nonostante la loro terza partecipazione ai Mondiali, ha permesso loro di battere l’Olanda, finalista quattro anni prima (2-1 dopo i tempi supplementari) e di raggiungere le semifinali. Questo percorso porta anche il segno dei rischi tattici per Jorge Vilda, tifoso del turno 4-3-3 che punta su ritenzione palla e pressing: “Abbiamo ventitré titolari. Le parole non sono solo fatti”, ha spiegato. . . Perché è un dato di fatto, in ‘Roja’ non mancano giocatori di talento. Costituiscono una selezione di genere molto omogenea e molto ricca.

Mesa Rodriguez e Alexia Potellas in panchina

Non stupisce che in queste circostanze il tecnico iberico abbia fatto tanti progressi: ha lasciato in panchina il portiere Misa Rodriguez, incinta da tre partite della fase a gironi, dopo la sconfitta contro il Giappone (4-0), per liberare Kata Cole, una giovane sostituto. durante la fase a eliminazione diretta.

Contro Svizzera e Olanda, Filda ha deciso di non partire titolare anche per la doppietta del Pallone d’Oro in carica, Alexia Potellas, una delle stelle della competizione rientrata giusto in tempo per il torneo, dopo un lungo infortunio al ginocchio. Questi cambiamenti hanno lasciato spazio ad alcuni volti nuovi come il centrocampista Teresa Abelera (23) o l’attaccante Selma Barlilo (19), che ha segnato il gol della qualificazione contro l’Olanda.

READ  Allenatore privato in una squadra diversa – Repress.gr

Il Ct della Svezia Peter Gerhardsson ha insistito: “La difficoltà con la Spagna è che hanno così tanti giocatori di talento, mentre altre squadre possono avere solo una o due stelle. Sarà molto importante tenerli d’occhio in difesa”.

Kosovari: esperienza non confermata

Il capitano della Svezia, Kosovare Aslani, ha ammesso che la sua squadra ha “esperienza” contro una giovane Spagna. “Abbiamo fatto molta strada nei nostri ultimi tornei e sono soddisfatto di come li abbiamo utilizzati questa volta”, ha detto il centrocampista con 174 presenze (44 gol).

Gli scandinavi, terzi nella classifica mondiale FIFA, sono abituali tra gli ultimi quattro nelle principali competizioni internazionali. Tuttavia, non hanno vinto un trofeo importante da Euro 1984, che è stato il primo nella storia del calcio femminile.

Le svedesi Natalie Bjorn, Stina Plakstenius, Philippa Engeldahl e Jona Retting-Canried, da sinistra a destra: fiduciose davanti alla Spagna in semifinale (© Keystone/AP Photo/Alessandra Tarantino).

Negli ultimi anni ha perso nella finale dei Giochi Olimpici del 2016 e del 2021, così come nelle semifinali di Euro 2022 e dei Mondiali del 2019. Negli ultimi dodici anni i paesi sono stati incoronati campioni: prima lo erano eliminato agli ottavi (0-0 dopo i tempi supplementari, 5-4; durante i calci di rigore) gli americani che hanno vinto i due precedenti Mondiali, e poi il Giappone sono stati incoronati. Nel 2011, nei quarti di finale (2-1).

“Abbiamo vinto le nostre partite con metodi diversi, e questo dimostra la forza di questa squadra”, ha continuato l’ex giocatore del Paris Saint-Germain (2012-16), oggi al Milan.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply