Esclusivo. Le procedure legali contro gli oppositori e gli attivisti algerini in Francia vengono accelerate dopo la visita di Darmanin ad Algeri

È chiaro che il periodo di conforto e sicurezza di cui hanno goduto i dissidenti e gli attivisti algerini stabilitisi in Francia negli ultimi anni sta per trasformarsi in un caro ricordo del passato, quando la Francia era il terreno preferito dai democratici e da vari oppositori del regime algerino. . Nelle ultime settimane in Francia è stata attivata una vera e propria macchina giudiziaria e di sicurezza per convocare, ascoltare e organizzare i processi contro numerosi noti attivisti dell’opposizione algerina rifugiatisi in Francia.

Su questi oppositori ricadono le denunce, presentate sistematicamente da personalità o entità vicine alle autorità algerine. Il trattamento di queste denunce è stato accelerato in circostanze preoccupanti, e diverse convocazioni sono state inviate improvvisamente e simultaneamente dalle autorità giudiziarie o di sicurezza francesi agli oppositori algerini che si sono trovati nel mirino dei padroni di Algeri. Numerosi processi per diffamazione, oltraggio pubblico o insulti pubblici sono stati programmati in un periodo di tempo molto breve, lasciando gli attivisti dell’opposizione algerina in Francia esposti a vessazioni legali senza precedenti. Privati ​​dei mezzi finanziari per pagare avvocati esperti, gli attivisti algerini, vittime di una grande instabilità, si trovano ad affrontare diversi processi programmati senza alcuna possibilità di far valere i propri diritti davanti a giudici chiamati a occuparsi di questioni prettamente algerine e di tutto ciò che riguarda la lotta per la libertà. Libertà di espressione soffocata dall’attuale regime al potere nel paese.

Secondo varie fonti diplomatiche, le persecuzioni in corso sono avvenute per ordine delle autorità francesi il giorno dopo la visita del ministro degli Interni francese Gerald Darmanin in Algeria il 5 novembre. Durante questa visita, la parte francese ha subito un’enorme pressione per costringerla ad allarmare gli oppositori algerini che rimangono gli unici in grado di sconfiggere il potere dell’Algeria mentre il paese dall’interno è completamente bloccato dal sicuro braccio di piombo. Secondo le nostre fonti, i leader algerini hanno posto come condizione l’approfondimento della loro cooperazione in materia di sicurezza e giudiziaria con la Francia, attraverso questa pressione diretta esercitata sugli esponenti dell’opposizione in esilio in Francia. Sembra che tutto sia stato fatto per esaudire il desiderio dei leader algerini riguardo al ritorno di Darmanin a Parigi, mentre le indagini sugli attentati commessi sul suolo francese contro personaggi influenti dell’opposizione algerina, come il violento attentato ad Amir Dez nel novembre 2022, sono in corso. o, più recentemente, il tentativo di assassinio di Abdou Smar nell’agosto 2023. I casi in cui la magistratura francese si affretta a giudicare e ascoltare i dissidenti algerini per le loro dure critiche contro l’autorità autoritaria nel loro paese mostrano una lentezza che solleva molti interrogativi .

READ  SpaceX lancia venerdì un razzo Falcon 9 che trasporta 22 satelliti Starlink nel suo secondo lancio - Spaceflight Now

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply