Eisenkot chiude il conto e accusa: questo è il problema principale del comportamento di Netanyahu



Guerra con la spada di ferro: MK Gadi Eisenkot Stasera è stato intervistato il campo statale.Sabato) In Akhbar 12 ha spiegato la sua opinione sulla condotta della guerra nella Striscia di Gaza e ha parlato della sua partecipazione come ministro al gabinetto di sicurezza politica davanti al capo del suo partito, Benny Gantzin pensione dal governo di emergenza.

Cos’è la risonanza magnetica nucleare? Cosa potrebbe causare il grave disastro di Rafah? Sono queste le questioni su cui indagherà l’esercito israeliano?
Autorizzata alla pubblicazione: otto combattenti sono stati uccisi da un’esplosione NMR a Rafah

Ha detto all’inizio dell’intervista: “Le considerazioni esterne e politiche che sono entrate nella sala di discussione sono state la ragione della sua partenza, e non c’era alcun dubbio se fosse entrato all’inizio. Nei primi mesi si stava svolgendo il lavoro Su qualcosa.” “Come fatto compiuto, negli ultimi tre mesi ci siamo resi conto che considerazioni esterne entravano nel Gabinetto nel modo in cui Netanyahu prendeva le decisioni: terminare la seconda fase e passare alla terza fase, questa è una decisione politica”.

Ha continuato: “Smotrich e Ben Gvir stanno parlando di occupare l’intera Striscia di Gaza. Netanyahu ha detto di essere contrario, ma non ha fornito nessun’altra risposta per impedirlo”. E aggiunge: “Il 25 aprile c’è stata una discussione sulla concessione del mandato alla squadra negoziale. All’una del mattino tutti si incontrano senza di noi e parlano. Smotrich ha detto che non lo avrebbe permesso e quindi il mandato è stato ritirato”. Netanyahu blocca la possibilità di andare avanti perché ha paura che i membri della sua coalizione gli dicano di no.”

“Il vecchio Netanyahu, sotto il quale ero capo di stato maggiore, avrebbe capito che a Gaza bisognava agire più velocemente. Avrebbe capito che era necessario restituire gli ostaggi come obbligo morale e strategico cercherebbe un accordo di pace con l’Arabia Saudita. Farebbe approvare una legge sulla coscrizione che rafforzi l’esercito, non lo indebolisca”. “Abbiamo dovuto litigare con lui su alcune cose. Lui ritira ogni discussione e dice che prenderà una decisione più tardi è sempre una fuga di notizie su qualcosa detto da Ben Gvir e ovviamente spaventerà Netanyahu.”

READ  Storie meravigliose dietro i loghi (foto)

Poi ha spiegato: “Ho visto negli ultimi otto mesi un Netanyahu diverso da quello che conoscevo come capo di stato maggiore. E anche quando il ministro della Difesa lo affronta non c’è voto L’attrazione è dovuta, tra le altre cose, a considerazioni politiche. “Deve essere realista e dire la verità al pubblico”. Il Likud ha risposto: “Netanyahu è il motivo per lavorare a Rafah, anche a scapito dello scontro con gli americani”.

Benjamin Netanyahu risponde ad Anthony Blinken (Foto: Omar Meron/LAM)

E ha continuato: “Siamo rimasti al governo perché abbiamo capito qual era la posta in gioco”. “Ci siamo resi conto che senza di noi l’accordo per i rapitori non sarebbe stato possibile. La questione iraniana a marzo e aprile era pericolosa e abbiamo messo le informazioni sul tavolo delle decisioni in aprile, abbiamo iniziato a chiederci se fosse giunto il momento di ripristinare la fiducia nelle Nazioni Unite”. La migliore leadership israeliana viene prima della politica e prima delle elezioni.

Ha aggiunto: “Dire che Netanyahu sta rovinando l’accordo è molto duro”. Ha aggiunto: “Non ha adempiuto alla sua responsabilità di creare condizioni migliori per il loro ritorno. Netanyahu non capisce abbastanza di essere il Primo Ministro di Israele nei momenti più difficili. Abbiamo dovuto fare pressione su di lui affinché convocasse il governo. Bin Jaber è il più minaccioso.” Netanyahu sa che Bin Jaber si è opposto al primo accordo Netanyahu vuole il ritorno dei rapitori, ma il problema principale che ho menzionato è la mancanza di un processo decisionale.

Gantz e Eisenkot (Foto: Flash 90)

Ha aggiunto: “Netanyahu trova molto difficile prendere decisioni difficili a livello di leadership. Voglio vedere se spingerà per un accordo dopo Rafih. So che l’ultima proposta è stata approvata dal Consiglio dei ministri e sfortunatamente Netanyahu non l’ha fatto”. vogliamo presentarlo al Consiglio dei Ministri allargato.” Ha spiegato che, poiché aveva paura dei suoi partner, credo che le ultime linee guida, le linee di Netanyahu, siano le linee guida corrette e su cui si debba insistere.

READ  Apple, Disney, Warner, Paramount e altri smettono di fare pubblicità su X (Twitter) in risposta ai commenti antisemiti di Elon Musk

Riguardo alla legge sulla coscrizione, ha detto: “La questione non può essere evitata riguardo all’impegno dei leader che hanno prestato servizio o non hanno prestato servizio, e i cui figli prestano servizio o meno, e in che misura questo influenza la loro decisione. “Mi è chiaro.” Che persone come Dichter e Nir Barkat che hanno prestato servizio nell’esercito comprendano pienamente l’obbligo morale fondamentale che tutti rispettano e che per considerazioni politiche le decisioni vengano prese contro la loro coscienza – questo mi spaventa perché il prossimo passo sarà promuovere certe ideologie solo per compiacerli . certa regola.”

Per quanto riguarda il Nord, ha detto: “Il primo ministro ha preso la decisione giusta: una guerra regionale non può essere combattuta senza comprendere le capacità dell’esercito israeliano in questa materia. La sfida al Nord è molto più grande che al Sud. Un’alternativa è cercare un accordo a Gaza e poi raggiungere un accordo in Libano. L’esercito israeliano è l’esercito più forte del Medio Oriente. È valida la guerra con il Libano?

Incendi vicino a Metulla, incendi nel nord (Foto di: Lala)

Alla fine dell’intervista ha ammesso: “È stato un errore evacuare la popolazione del nord. Penso che la distanza sia stata troppo grande e troppo veloce. Dovrebbe essere nominata immediatamente una commissione d’indagine governativa e dovrebbe iniziare dieci anni fa. Sono pronto a parlare del modello che esisteva durante il mio tempo.” , Smotrich e Ben Gvir, che hanno assunto la guida dell’IDF il 7 ottobre, vengono nella mia revisione e in generale ho completato i miei compiti 5 anni fa è così grande che nessuno al vertice può restare al suo posto e il primo ministro non può procrastinare “per due o tre anni quando il suo livello di fiducia è molto basso”.

READ  Un funzionario del Daghestan è stato licenziato dopo che i suoi figli sono stati implicati negli attacchi mortali avvenuti domenica

Il partito Likud ha risposto: “In completa contraddizione con le affermazioni di Eisenkot, è stato il primo ministro a spingere per l’azione a Rafah anche a scapito dello scontro con gli americani. Il primo ministro prende continuamente decisioni, ma non le decisioni prese da Eisenkot”. .” Gantz ha esercitato pressioni su di esso, il che significa arrendersi a Hamas e lasciare le cose così come sono. Le sue posizioni sul Primo Ministro derivano esclusivamente da considerazioni di sicurezza nazionale, sostenute dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e non da pressioni politiche di vario tipo. L’unica considerazione politica è stata quella di Eisenkot e Gantz, che hanno scelto di ritirarsi il governo di guerra per il crollo dei sondaggi d’opinione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply