Dopo aver rimosso il ghiaccio, il telescopio spaziale Euclid ha riacquistato la vista – rts.ch

L'Agenzia spaziale europea (ESA) ha dichiarato martedì che il telescopio spaziale Euclid è stato sottoposto con successo a un'operazione di scongelamento a 1,5 milioni di chilometri di distanza. La vista del VIS era offuscata da un sottile strato di ghiaccio; I risultati sono molto migliori del previsto.

Questo è l'ultimo problema tecnico di questa missione che potrebbe durare dai sei agli undici anni, lanciata il 1° luglio 2023. Euclide è partito per mappare le stelle e le galassie che coprono un terzo del cielo visibile. Grazie a ciò, gli scienziati sperano di saperne di più sulla natura dell’energia oscura e della materia oscura, due entità mai osservate prima e che si ritiene costituiscano il 95% dell’universo.

>> Leggi il nostro grande formato su questo incarico: Euclide metterebbe in discussione la relatività generale di Einstein

Ma all’inizio dello scorso novembre, le squadre di terra hanno notato che il VIS, lo strumento visibile, che riproduce immagini in luce visibile, riceveva meno luce del previsto. Sull'ottica della telecamera, i cui componenti sono stati sviluppati in parte in Svizzera, si è accumulato un sottile strato di ghiaccio spesso pochi nanometri.

È possibile che il riscaldamento dell'intera sonda, facendola cadere da -140 gradi Celsius a -3 gradi, possa causare l'espansione di alcune delle sue parti e potrebbe anche richiedere la ricalibrazione dell'intero telescopio per almeno un mese. L'ESA ha preferito semplicemente riscaldare il primo specchio a 34 gradi. Dopo centinaia di minuti, ciò è bastato a restituire la vista a Euclide, secondo un comunicato stampa diffuso martedì.

>> Effetto del primo processo di sbrinamento:

Questo grafico mostra la percentuale di luce raccolta dallo strumento VIS di Euclid mentre lo specchio viene riscaldato. Dopo circa 90 minuti è stata raggiunta la temperatura di sublimazione del ghiaccio, ovvero la temperatura alla quale il ghiaccio può trasformarsi direttamente in vapore acqueo nel vuoto dello spazio. Da questo punto in poi, il rilascio del gelo si è verificato rapidamente e lo strato è stato sostanzialmente rimosso dopo 19 minuti, quando la temperatura dello specchio ha raggiunto -117 °C. Se necessario, questo procedimento semplice e mirato può essere ripetuto ogni sei-dodici mesi. [ESA – Euclid/Euclid Consortium]

“Il principale sospettato, lo specchio più freddo dietro l'ottica principale del telescopio, era riscaldato da -147 gradi Celsius a -113 gradi Celsius. Non doveva diventare così caldo perché nel vuoto, quella temperatura sarebbe stata sufficiente per tutti i elementi di evaporare rapidamente”, dice Misha. “Il ghiaccio era magico”, ha detto Schirmer, uno scienziato della calibrazione presso il Consorzio Euclid e uno dei principali progettisti del piano di sghiacciamento. “È stato come per magia.” “Quasi immediatamente, abbiamo ricevuto il 15% in più di luce dall'universo. “Ero sicuro che avremmo visto un grande miglioramento, ma non in modo così drammatico”.

READ  Non è facile comprimere i liquidi; Questo perché le sue particelle sono strettamente legate tra loro.

>> Ascolta la spiegazione dell'insegnante. Stefan Paltani (UNIGE) sul processo di scongelamento:

Spiegazioni complete di Stephane Baltani / Le Journal Historique / 6 minuti. / 18 marzo 2024

Alcuni intoppi

Euclid ha dovuto affrontare la sua dose di battute d'arresto sin dal lancio: è stata colpita dai raggi cosmici che hanno interrotto il sistema di guida della navicella e hanno richiesto un complesso aggiornamento del suo sistema informatico.

Anche la luce solare diffusa ha interferito con le sue osservazioni. Questo problema è stato risolto con una semplice rotazione del telescopio, che ha iniziato ufficialmente il suo monitoraggio scientifico lo scorso febbraio, dopo che a novembre aveva proiettato le prime splendide immagini delle galassie nelle profondità dell'universo. (Vedi archivio a fondo pagina).

sjak e ats

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply