Documenti segreti di Joe Biden: indagini concluse

Joe Biden.Immagine: Pietra angolare

I resoconti dei media indicano che l'indagine sul presidente degli Stati Uniti Joe Biden sulla scoperta di documenti governativi segreti nelle sue stanze private è terminata.

Il procuratore generale degli Stati Uniti Merrick Garland ha informato il Congresso in una lettera che il procuratore speciale incaricato, Robert Hoare, ha presentato il suo rapporto finale, ha riferito la CNN mercoledì sera (ora locale).

La Casa Bianca sta ora esaminando la questione in relazione al diritto del presidente di mantenere segrete alcune informazioni al Congresso o alla magistratura. Una volta completato, il rapporto sarà presentato al Congresso. Ciò è previsto nei prossimi giorni.

Alla fine del 2022, informazioni riservate risalenti al periodo di Biden come vicepresidente sono state scoperte in vari luoghi, inclusi uffici privati ​​a Washington, DC, e a casa di Biden a Wilmington, nel Delaware. I risultati sono stati politicamente molto delicati per il democratico, poiché il suo predecessore repubblicano, Donald Trump, ha causato uno scandalo in un caso simile. Trump deve rispondere in tribunale per la sua gestione dei documenti. Sia Biden che Trump vogliono candidarsi nuovamente alle elezioni presidenziali americane di novembre.

“Come ho chiarito a tutti i procuratori speciali in carica da quando sono entrato in carica, mi impegno a pubblicare quanto più possibile il rapporto del procuratore speciale”, ha scritto il procuratore generale Garland. Secondo i media americani, Biden non deve temere alcuna ripercussione legale. (DAP/EPA)

Potrebbe interessarti anche:

L’Unione Europea ha continuamente rafforzato il suo sistema di asilo e gli stati membri hanno da tempo adottato una via legale. Ma nessuno in Europa riesce a soddisfare le richieste del vicepresidente.

READ  30 Le migliori recensioni di Regalo Natale Amica testate e qualificate con guida all'acquisto

Il numero massimo di richieste di asilo è 5.000 all'anno. Nessuna migrazione di asilo attraverso i paesi dell'Unione Europea. Cancellazione dello status di ammissione temporanea. E ovviamente controlli fissi alle frontiere. L'UDC vuole ristrutturare radicalmente il sistema svizzero d'asilo attraverso la sua iniziativa per la protezione dei confini. Accetta la risoluzione dell'accordo di Schengen/Dublino con l'Unione Europea.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply