Decine di migliaia di americani hanno marciato a sostegno della Palestina

Decine di migliaia di persone hanno manifestato a sostegno della Palestina a Washington, DC, chiedendo al presidente degli Stati Uniti di richiedere un cessate il fuoco nella Striscia di Gaza e di fermare gli aiuti militari a Israele.

Il 4 novembre, la folla si è radunata in Piazza della Libertà e ha marciato attraverso il centro di Washington, D.C., portando cartelli e cantando slogan pro-Palestina.

La marcia a Washington, D.C., è stata organizzata dall’Azione Immediata per Fermare la Guerra e Porre Fine al Razzismo (ANSWER), dal Movimento Giovanile Palestinese e da molti altri gruppi.

“È ora di schierarsi dalla parte del popolo palestinese assediato. La Striscia di Gaza è stata bombardata per ore. Le persone qui sono tagliate fuori dalle forniture di cibo, acqua ed elettricità da parte di Israele. Decine di migliaia di persone sono a rischio di morte”. Dobbiamo agire!”, ha pubblicato la risposta sul suo sito web.

Partecipanti ad una marcia a sostegno della Palestina a Washington, USA, il 4 novembre. immagine: Agenzia di stampa francese

La marcia ha avuto luogo a Washington, DC, lo stesso giorno in cui eventi simili hanno avuto luogo a New York, Seattle e in altre città americane. Ciò rientra nel quadro degli sforzi volti a chiedere un cessate il fuoco nella Striscia di Gaza, nonché a fermare gli aiuti militari americani e occidentali a Israele.

Brian Baker, presidente di ANSWER, ha commentato che il sostegno pubblico americano al popolo palestinese “è entrato in una nuova era molto diversa da quella precedente”. Secondo Baker, questo cambiamento non deriva dalla Casa Bianca o dal Congresso degli Stati Uniti, ma dalle azioni del popolo di questo paese.

READ  Gli scienziati scoprono un tipo di grasso associato all'invecchiamento: è facile eliminarlo

Baker aveva precedentemente previsto che la marcia filo-palestinese del 4 novembre sarebbe stata “la più grande nella storia americana”. Secondo lui, il popolo americano è “addolorato” dalla situazione dei civili nella Striscia di Gaza e “è altrettanto imbarazzato quando l’amministrazione del presidente Biden insiste che non ci sarà alcun cessate il fuoco”.

La settimana scorsa, il presidente Biden ha chiesto la “cessazione dei combattimenti” nella Striscia di Gaza. La Casa Bianca ha successivamente chiarito che si trattava di un “cessate il fuoco temporaneo, localizzato e artificiale” e ha affermato che “non supporta un cessate il fuoco globale in questo momento” a causa delle preoccupazioni che ciò avrebbe conseguenze benefiche per Hamas.

I partecipanti marciano a sostegno della Palestina vicino al complesso del Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, DC, il 4 novembre.  Foto: Agenzia France-Presse

I partecipanti marciano a sostegno della Palestina vicino al Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, DC, il 4 novembre. immagine: Agenzia di stampa francese

Segni di una divisione tra i tradizionali sostenitori filo-israeliani del Partito Democratico e i giovani elettori, compresi gli arabi americani, riguardo ai combattimenti nella Striscia di Gaza erano evidenti in Nihad Awad, direttore del Council on American-Islamic Relations.

“Il nostro messaggio è che non ci sarà alcuna votazione se non ci sarà il cessate il fuoco”, ha detto Awad, riferendosi ai paesi che potrebbero svolgere un ruolo importante nelle elezioni presidenziali americane del prossimo anno. “Non voteremo in Michigan, Arizona, Georgia, Nevada, Wisconsin e Pennsylvania”.

Le autorità sanitarie della Striscia di Gaza hanno affermato che più di 9.400 persone sono state uccise e almeno altre 32.000 ferite qui quasi un mese dopo che Israele ha lanciato una campagna in risposta all’attacco di Hamas del 7 ottobre. Funzionari israeliani hanno annunciato che più di 1.400 persone sono state uccise e almeno altre 5.400 sono rimaste ferite nell’attacco di Hamas.

READ  ATMIS rafforza la capacità delle forze di sicurezza somale

Nguyen Tien (Teo custode)


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply