Crescono le tensioni nel Caucaso: il primo ministro armeno avverte di un attacco da parte dell’Azerbaigian

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha avvertito ieri (giovedì) che l’Azerbaigian sta progettando di iniziare una nuova guerra nel Caucaso meridionale e ha chiesto una riunione urgente del Consiglio di sicurezza dell’ONU per discutere la questione. radunando le sue forze. Al confine con l’Armenia e intorno all’enclave armena del Nagorno-Karabakh, si sarebbe tenuto un incontro delle forze azere dopo che quattro soldati armeni e un numero imprecisato di soldati azeri sono stati uccisi in uno scontro venerdì scorso al confine tra Armenia e Azerbaigian.

Nel suo discorso, Pashinyan ha avvertito che l’Azerbaigian cercherà di occupare l’enclave armena nella regione del Nagorno-Karabakh, conosciuta come Repubblica dell’Artsakh, dove circa 120.000 persone vivono sotto assedio da circa nove mesi. Gli abitanti dell’Artsakh soffrono di una grave carenza di cibo, medicine ed energia da quando l’esercito azerbaigiano ha chiuso l’unica strada che collega l’enclave all’Armenia e le merci non possono entrare nel territorio della repubblica.

Mercoledì il blocco della strada ha portato a dure condanne da parte del Dipartimento di Stato americano, della Commissione europea e del Cremlino, che avrebbe dovuto mettere in sicurezza la strada ma si è astenuto dal farlo. Gli abitanti dell’enclave armena temono che l’assedio imposto loro dall’esercito azerbaigiano sia solo il preludio all’occupazione dell’intera repubblica, compresa la capitale Stefankart.

L’Azerbaigian ha negato le accuse armene. Un aiutante del presidente dell’Azerbaigian ha detto a Reuters: “Non abbiamo piani per la guerra con l’Armenia a meno che non saremo attaccati o provocati”. Secondo lui, “il 70% del possibile futuro accordo di pace tra Azerbaigian e Armenia è già stato concordato, ma i colloqui di pace non sono progrediti bene negli ultimi tempi”.

L’escalation nel Caucaso arriva in un momento drammatico, dopo uno scontro ad alto livello tra il primo ministro armeno Pashinyan e il presidente russo Vladimir Putin. Questa settimana, Pashinyan ha affermato in un’intervista al quotidiano italiano La Repubblica che la Russia non è riuscita a proteggere l’Armenia e a mantenere la pace nel Caucaso, e ha anche lasciato intendere che la Russia preferisce l’Azerbaigian all’Armenia. Il Cremlino ha respinto le parole di Pashinyan.

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan (foto d’archivio: Vyacheslav Viktorov, Fondazione Roscongress tramite AP)

Mercoledì di questa settimana, il governo armeno ha annunciato una manovra di terra che l’esercito armeno effettuerà con l’esercito americano sul territorio armeno, esprimendo il riavvicinamento tra i due paesi.

READ  30 Le migliori recensioni di Sedie Gaming Economiche testate e qualificate con guida all'acquisto

Yaron Weiss, un commentatore degli affari del Caucaso, ha detto a Davar: “Per molto tempo, Pashinyan ha cercato di liberarsi dall’abbraccio dell’orso russo. La difficoltà di proteggere l’enclave armena nel Nagorno-Karabakh ha reso Pashinyan un seguace”. Sulla Russia. Non può staccarsi dalla Russia per sempre, perché essa mantiene basi militari e truppe sul territorio armeno, e l’Armenia ha vicini problematici che la minacciano con notizie di guerra. Ma è chiaro che Pashinyan preferisce fare affidamento su due potenze, e ha chiuso il capitolo in cui l’Armenia si affidava solo alla Russia”.

Mentre l’Armenia si avvicina agli Stati Uniti, l’Azerbaigian lavora per rafforzare le sue relazioni con l’Iran, poiché l’Agenzia iraniana Tasnim ha riferito che una delegazione di sicurezza composta da membri del generale militare iraniano visiterà domani Baku, in Azerbaigian, con l’obiettivo di rafforzare le relazioni di sicurezza. tra i due paesi. .

I russi hanno promesso di garantire un passaggio sicuro, ma non hanno mantenuto

Nel settembre 2020, l’esercito azero ha invaso la Repubblica dell’Artsakh, l’enclave armena nella regione del Nagorno-Karabakh. Durante 44 giorni di combattimenti, migliaia di soldati armeni e centinaia di civili furono uccisi e l’Azerbaigian si impadronì di gran parte del cordone. L’accordo di cessate il fuoco mediato dalla Russia ha portato alla spartizione del Nagorno-Karabakh tra azeri e armeni, con la capitale della repubblica, Stefankart, la città più grande della regione, che è rimasta sotto il controllo armeno.

Un edificio distrutto da un attacco missilistico durante la guerra armeno-azera del 2020, nel villaggio di Istan nella Repubblica dell'Artsakh (Nagorno-Karabakh).  (Foto: Yaron Weiss)

Un edificio distrutto da un attacco missilistico durante la guerra armeno-azera del 2020, nel villaggio di Istan nella Repubblica dell’Artsakh (Nagorno-Karabakh). (Foto: Yaron Weiss)

Uno dei risultati della guerra è che gli abitanti di Stepankart e del resto della Repubblica dell’Artsakh sono completamente dipendenti dall’approvvigionamento di cibo, energia, prodotti e medicinali attraverso l’unica strada che li collega all’Armenia, ovvero il Corridoio Lachin. Nell’accordo di cessate il fuoco era stato deciso che le forze di pace russe avrebbero messo in sicurezza il valico, ma circa nove mesi fa l’esercito azerbaigiano ha chiuso il valico e le forze russe non gli hanno impedito di farlo. Da allora, nessuno è entrato o uscito dal vostro Paese.

READ  Lorenzo Musetti sfoggia un nuovo look da "girlfriend-approved".

Il punto di vista israeliano: possibili prove di armi spedite in Azerbaigian

Anche Israele è coinvolto nell’escalation tra Armenia e Azerbaigian nel Caucaso. All’inizio di questa settimana, Avi Sharaf, un esperto di aviazione che segue i voli, ha riferito di un volo insolito sabato di un aereo da trasporto dalla base di Ovda nel sud, un aeroporto che Israele utilizza, secondo pubblicazioni straniere, per esportare armi in Azerbaigian. . Sharaf ha sottolineato che questo è il terzo volo questa settimana tra la base di Ovda e la base azera vicino al confine armeno.

Un’altra possibile prova delle relazioni israelo-azerbaigian è l’incontro del capo di stato maggiore della sicurezza nazionale in Israele Tzachi HanegabiCon Hikmet Hajayev, consigliere del presidente azerbaigiano Ilham Aliyev.

“La vendita di armi all’Azerbaigian è una grave macchia morale che danneggerà Israele a lungo termine”.

“Negli ultimi dieci anni, Israele è diventato il più importante fornitore di armi per l’Azerbaigian”, ha detto a Davar il rabbino Avidan Friedman, co-fondatore e amministratore delegato dell’Associazione Yanchov, che lavora per monitorare le esportazioni della difesa. Fino alla guerra di 44 giorni nella Striscia di Gaza e nel Nagorno-Karabakh nel 2020, circa il 70% delle armi importate dall’Azerbaigian provenivano da Israele, e potrebbe essere stato questo armamento a dare all’Azerbaigian il vantaggio strategico, permettendogli di riconquistare gran parte del territorio. Nagorno Karabakh. – Karabakh: nella parata della vittoria organizzata dall’Azerbaigian, un posto d’onore è stato dato ai droni israeliani, che hanno permesso di attaccare il nemico in modo facile e sicuro. “Quelli che hanno attaccato anche mercati, scuole e ospedali”.

READ  Celebrazione della Giornata Nazionale del Vietnam in Italia

Friedman aggiunge: “L’interesse di Israele nello sviluppare buone relazioni con l’Azerbaigian è chiaro. Israele acquista circa il 40% del suo petrolio dall’Azerbaigian, e i lunghi confini del paese con l’Iran rendono l’Azerbaigian un importante partner strategico. Ma questi interessi rimuovono ogni responsabilità morale dal paese? stato?” È opportuno stabilire rapporti con qualsiasi regime quando abbiamo interesse a farlo? È opportuno farlo in qualche modo?”

Secondo lui, “l’esportazione di armi da parte di Israele verso l’Azerbaigian, anche quando commette crimini di guerra, anche quando viola l’accordo di cessate il fuoco che ha firmato, e sta ora cercando di prendere una decisione sull’ultima campagna di affamazione di massa della popolazione civile, è una grave questione morale”. disgrazia, che sebbene ci sia utile”. Qualunque cosa sembri, alla lunga ci ferisce in un modo molto più significativo e profondo.

Parla oggi
Ogni mattina nella tua email

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply