Correzione: Vaticano e Cina firmano un accordo storico sulla nomina dei vescovi

Papa Francesco parla con i media a bordo di un aereo durante il volo di ritorno da Tallinn dopo l’ultima tappa della sua visita nei Paesi Baltici, Estonia, 25 settembre 2018. REUTERS/Max Rossi Ottenere i diritti di licenza

VILNIUS (Reuters) – Sabato il Vaticano ha firmato uno storico accordo che gli conferisce la tanto attesa voce in capitolo nella nomina dei vescovi in ​​Cina, anche se i critici hanno descritto l’accordo come una resa al governo comunista.

L’accordo provvisorio, firmato a Pechino dai viceministri degli Esteri di entrambe le parti, è stato annunciato mentre Papa Francesco visitava la Lituania durante un viaggio di quattro giorni negli Stati baltici.

Alla Santa Sede viene assegnato un ruolo decisivo nella nomina di tutti i vescovi in ​​un Paese dove circa 12 milioni di cattolici sono divisi tra una chiesa clandestina fedele al Vaticano e l’Associazione nazionale cattolica, controllata dallo Stato.

Il Vaticano ha affermato che l’accordo, che rappresenta una svolta dopo anni di negoziati, “non è politico, ma pastorale”.

Nel comunicato della Santa Sede non viene menzionata Taiwan, che il Vaticano riconosce diplomaticamente e che la Cina considera una provincia rinnegata.

Ma secondo i diplomatici l’accordo potrebbe essere un possibile preludio alla ripresa delle relazioni diplomatiche con Pechino dopo 70 anni. Pechino non consente ai paesi di stabilire relazioni diplomatiche sia con la Cina che con Taiwan.

Taiwan ora mantiene relazioni ufficiali solo con 17 paesi e il Vaticano è l’unico in Europa.

Il Vaticano ha affermato che il Papa spera di “avviare un nuovo processo che consentirà di superare le ferite del passato, portando alla piena comunione per tutti i cattolici cinesi”.

READ  Christophe Andrieu, "marcatore seriale" dei biancorossi e blu dello sport mondiale

Ma la prospettiva di un simile accordo ha diviso le comunità cattoliche in tutta la Cina, alcune delle quali temono ulteriori repressioni se il Vaticano cedesse maggiore controllo a Pechino. Altri vogliono vedere un riavvicinamento ed evitare potenziali divisioni.

“Stanno mettendo il gregge in bocca ai lupi”, ha detto il cardinale Joseph Zen, l’86enne ex arcivescovo di Hong Kong che guidava l’opposizione all’accordo. “È un tradimento incredibile”.

“Le conseguenze saranno tragiche e durature non solo per la chiesa in Cina ma per l’intera chiesa perché ne danneggiano la credibilità. Forse è per questo che potrebbero mantenere segreto l’accordo”, ha detto Zen a Reuters in un’intervista giovedì.

Fonti vaticane hanno affermato che l’accordo non sarà pubblicato e potrebbe essere rivisto e modificato in futuro.

È stato riammesso

Nell’ambito dell’accordo, Papa Francesco ha riconosciuto la legittimità dei restanti sette vescovi cinesi nominati dallo Stato, nominati senza l’approvazione papale, e li ha riammessi nella Chiesa, ha affermato il Vaticano.

“Oggi, per la prima volta, tutti i vescovi in ​​Cina sono in comunione con il vescovo di Roma (il papa)”, ha detto in una nota il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano e uno dei principali artefici dell’accordo.

Fonti vaticane affermano che un piccolo numero di vescovi nominati da Roma cederà il posto a vescovi nominati da Pechino.

In futuro i nuovi vescovi saranno proposti prima dai membri delle comunità cattoliche locali in collaborazione con le autorità cinesi. Le fonti dicono che i nomi dei candidati saranno inviati al Vaticano e il Papa prenderà la decisione finale.

Report aggiuntivi di Andrius Setas; A cura di John Stonestreet e Helen Popper

READ  30 Le migliori recensioni di Porta Telefono Scrivania testate e qualificate con guida all'acquisto

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda
We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply