Conflitto tra Venezuela e Guyana per Essequibo, in diretta: notizie, dati, mappa

Il fiume Essequibo, fotografato il 10 aprile, scorre attraverso il valico di Korobokari in Guyana. (Credito: Mathias Delacroix/AP)

Gli attuali confini di Essequibo risalgono a una sentenza emessa da un tribunale internazionale a Parigi nel 1899, che concedeva alla Guiana britannica la maggior parte delle terre tra i fiumi Orinoco ed Essequibo.

Il Venezuela rispettò la sentenza fino al 1962, quando la colonia britannica si mosse verso l’indipendenza, accusando frode giudiziaria. L’accordo del 1966, firmato poco prima dell’indipendenza della Guyana, ha aperto la strada ai colloqui tra i paesi sulla regione contesa e all’eventuale intervento della Corte internazionale di giustizia, che è stato lento.

La Guyana, un paese scarsamente popolato di circa 800.000 persone con alti tassi di povertà, ha subito una rapida trasformazione da quando ExxonMobil ha scoperto il petrolio al largo della costa della regione di Essequibo nel 2015, con oltre 1 miliardo di dollari all’anno in entrate pubbliche. Ha incoraggiato enormi progetti infrastrutturali. Il paese è sul punto di superare la produzione petrolifera del Venezuela, che da tempo fa affidamento sulle proprie riserve ed è sulla buona strada per diventare il più grande produttore di petrolio pro capite al mondo.

Il Venezuela sostiene che la Guyana non ha il diritto di concedere concessioni di esplorazione nelle riserve marine e ha descritto la Guyana come uno strumento per ExxonMobil. “ExxonMobil possiede il governo della Guyana. Possiede il Congresso della Guyana”, ha detto Maduro ai sostenitori la settimana scorsa.

Anche senza creare uno Stato all’interno dei territori contesi, cosa che richiederebbe ulteriori passi costituzionali e possibilmente l’uso della forza, Maduro potrebbe trarre vantaggio politico dal referendum nel corso della sua dura campagna di rielezione. A ottobre, l’opposizione venezuelana ha mostrato un raro slancio dopo essersi unita attorno a María Corina Machado – un’ex parlamentare di centrodestra che ha attaccato Maduro per l’elevata inflazione e la carenza di cibo – nelle prime primarie del paese in 11 anni.

READ  30 Le migliori recensioni di Spot On Cani testate e qualificate con guida all'acquisto

“Un governo autoritario che affronta una situazione politica difficile tende sempre a cercare un tema nazionale per coprirsi con una bandiera e mobilitare il sostegno, e penso che questo sia in gran parte ciò che Maduro sta facendo”, ha detto Phil Johnson, un analista presso la sede della Commissione a Caracas. Gruppo di crisi internazionale.

In vista del voto referendario di domenica, sia il Venezuela che la Guyana hanno sollevato lo spettro di un conflitto armato nella regione: la settimana scorsa, il presidente della Guyana, Irfaan Ali, ha visitato le truppe nella regione di Essequibo e ha alzato drammaticamente la bandiera su una montagna che domina il confine con Venezuela. Il ministro della Difesa venezuelano ha risposto dicendo: “Questa non è una guerra armata al momento”. L’esercito venezuelano ha anche affermato che il Paese sta procedendo con la costruzione di una pista di atterraggio che servirà da “punto di supporto logistico per lo sviluppo complessivo di Essequibo”.

Lo ha annunciato il Brasile Che ha incrementato la propria presenza militare attraverso “azioni difensive” lungo i confini settentrionali con Venezuela e Guyana.

In un articolo apparso su Foreign Policy lo scorso anno, prima che fosse annunciato il referendum, Paul J. Angelo del Council on Foreign Relations e Wasim Molla, direttore associato dell’Iniziativa Caraibica presso il Centro Adrienne Arsht del Consiglio Latinoamericano dell’Atlantico, hanno descritto la disputa sul confine come “Polvorin“, considerando che “la sfida del presidente Vladimir Putin alle norme internazionali” con l’invasione russa dell’Ucraina “potrebbe dare nuove ali alle ambizioni regionali di Maduro”.

“Non so se stiano sbagliando i calcoli sulla base di ciò che è accaduto in Crimea e altrove, ma sarebbe un grave errore di calcolo da parte loro”, ha detto Jagdeo.

READ  Vincitore post-apocalittico della Honda Dax Furiosa nel concorso Honda Customs 2023

“Semplicemente non possiamo credere che questa sia una questione di politica interna (in Venezuela) senza adottare tutte le misure possibili per proteggere il nostro Paese, inclusa la collaborazione con altri”, ha aggiunto, citando una visita di ufficiali militari statunitensi la scorsa settimana per discutere di esercitazioni militari. in corso.

Johnson, dell’International Crisis Group, ritiene che senza il sostegno di nessuno dei suoi alleati, il Venezuela non ha intenzione di invadere Essequibo. Ma ha detto che man mano che cresce la pressione interna su Maduro affinché agisca in base ai risultati del referendum, soprattutto in vista delle elezioni presidenziali del prossimo anno, Maduro potrebbe essere tentato di provocare scaramucce lungo il confine.

“I combattimenti si svolgono su entrambi i lati del confine, e poiché nessuna delle due parti può ritirarsi, qui si entra in una zona leggermente pericolosa di potenziale scontro militare”, ha detto Gunson.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply