Con le sue azioni schiette, Elisabeth Böhm Schneider fa arrabbiare la sinistra senza convincere l’estrema destra

Ridurre la congestione del sistema di asilo accelerando il trattamento delle domande destinate a fallire: questa la logica alla base del progetto pilota guidato dal ministro di Giustizia e Polizia Elisabeth Böhm-Schneider che prevede procedure accelerate per i migranti provenienti da Marocco, Tunisia, Algeria e Libia . È una decisione che fa arrabbiare il suo campo senza convincere l’estrema destra, che la vede come un maldestro tentativo di recuperare il ritardo a due settimane dalle elezioni del Consiglio federale.

Il test pilota, che si è svolto a Zurigo la settimana scorsa, durerà fino alla fine di febbraio e poi verrà valutato. la sfida? Esaminare le domande di asilo presentate dai richiedenti provenienti dal Nord Africa entro ventiquattro ore. Solo il 2% di loro ha ottenuto lo status di protezione, ma rappresentano il 22% del totale delle procedure. Con la notevole eccezione dei libici che vengono accolti come rifugiati nel 10% dei casi.

Sei interessato a questo articolo?

Non perdere nessuno dei nostri contenuti pubblicati quotidianamente: iscriviti ora per accedere a tutti i nostri articoli, podcast e analisi

Fino al 25 dicembre approfitta del 30% di sconto su tutti i nostri abbonamenti

Controlla le offerte

Buoni motivi per abbonarsi a Le Temps:

  • Consulta tutti i contenuti illimitati sul sito web e sulle applicazioni mobili

  • È possibile accedere alla copia cartacea con quella digitale entro le ore 7.00.

  • Approfitta dei privilegi esclusivi riservati agli abbonati

  • Accedi agli archivi

READ  Twitch interromperà il supporto per l'app Switch all'inizio del prossimo anno

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply