Con i partecipanti a Marmara: Una flottiglia umanitaria della Turchia attende di partire per la Striscia di Gaza

Nei prossimi giorni è prevista la partenza da Türkiye di una flotta di navi umanitarie alla volta della Striscia di Gaza. Gli organizzatori della flottiglia hanno detto al Washington Post che la flottiglia includerà una nave mercantile che trasporterà pacchi di cibo e acqua, ambulanze e attrezzature mediche, compresi i farmaci anestetici. Ciò significa più di 5.000 tonnellate di aiuti. “Stiamo cercando di prevenire la fame, ma non è sufficiente”, ha detto Anne Wright, una delle organizzatrici.

Un combattente che ha preso d'assalto Marmara: “L'accordo con Türkiye non è altro che sputarci in faccia”.
Dopo quello che ha rivelato Maariv: Il membro della Knesset chiede risposte a Gallant sul trasferimento degli aiuti a Gaza

Wright è una diplomatica americana in pensione ed ex colonnello dell’esercito, che si è dimessa dal suo incarico al Dipartimento di Stato quando si è opposta all’invasione americana dell’Iraq nel 2003. Ha detto al Washington Post in un’intervista telefonica che le dinamiche regionali erano “difficili” e che il successo della loro missione dipendeva anche dalla “benedizione delle autorità”. In Turchia la stessa flotta sarebbe dovuta partire domenica, ma c'è ancora disaccordo sulla possibilità che i turchi consentano loro di partire.

Crociera a Marmara (Foto: flicker, Wikipedia)

I partecipanti alla flotta hanno condotto esercitazioni la scorsa settimana prima della partenza prevista, comprese “esercitazioni di nonviolenza”, in preparazione a “innumerevoli scenari in cui potremmo essere respinti”, secondo gli organizzatori. E ricordate, questa non è la prima volta che una flottiglia di aiuti civili si reca a Gaza. Nel 2010, fu la Marmara – nella quale furono uccise dieci persone – a scatenare una crisi diplomatica tra Turchia e Israele. Alcuni partecipanti alla “Flottiglia della Libertà”, come veniva chiamata, parteciparono anche alla flottiglia a bordo della nave Marmara.

READ  EHI! Una impiegata del distretto di Phrom Phong ha vinto l'intero premio di 6 milioni.

Tra i gruppi che hanno partecipato al viaggio c'è l'Organizzazione islamica di beneficenza turca (IHH), che Israele classifica come gruppo terroristico. Il gruppo ha negato i suoi legami con il terrorismo.

Vedute di Istanbul, Türkiye (Foto: Reuters)
Vedute di Istanbul, Türkiye (Foto: Reuters)

Mustafa Ozbek, coordinatore delle comunicazioni per IHH, l'organizzazione che attua il programma, ha affermato che gli organizzatori hanno informato della missione il governo turco, le Nazioni Unite e altre istituzioni internazionali. Gli Stati Uniti hanno messo in guardia i propri cittadini dal partecipare alla flottiglia e hanno fornito “pochissima assistenza” quando gli attivisti americani a bordo delle flottiglie sono stati arrestati e successivamente deportati da Israele, ha detto l'organizzatore della flottiglia.

Aiuti umanitari con paracadute a Gaza (Foto: Reuters/Qusay Al-Nimr)
Aiuti umanitari con paracadute a Gaza (Foto: Reuters/Qusay Al-Nimr)

Secondo quanto riferito, l’esercito israeliano non ha ancora commentato la fattibilità della flottiglia, tuttavia, N12 ha riferito sabato che erano iniziati “preparativi di sicurezza” in relazione al sequestro delle flottiglie precedenti a Gaza: “I nostri governi non hanno fatto nulla ancora, ma li invitiamo a iniziare ora, e secondo “Per rispettare gli obblighi imposti dal diritto internazionale, a chiedere che Israele consenta il passaggio sicuro della flottiglia a Gaza”.

Ha anche detto che si aspettano che la Turchia permetta loro di andarsene, “e qualsiasi cosa inferiore a questa è cooperazione con il blocco illegale di Gaza, e non crediamo che questo sia ciò che farà il governo turco”. Il post afferma inoltre che il 41% delle richieste di attività di aiuto nel nord della Striscia di Gaza sono state respinte – secondo gli abitanti di Gaza che hanno affermato: “Ogni giorno è in realtà una lotta per la sopravvivenza”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply