Comprendi perché la stagione degli uragani di quest'anno preoccupa la scienza

Si prevede che nel 2024 la stagione degli uragani sarà più attiva del solito nel Nord Atlantico. Il caldo Oceano Atlantico e La Niña nel Pacifico costituiscono la combinazione perfetta per più tempeste. | Alexander Gerst/ESA/NASA

I meteorologi dei cicloni tropicali sono estremamente preoccupati per la stagione degli uragani di quest'anno. Una serie di variabili e segnali indicano il pericolo che questa stagione sia iperattiva e una delle più intense della storia, il che potrebbe avere conseguenze catastrofiche in alcuni paesi del Nord Atlantico colpiti da questi uragani, come i Caraibi e l’America Centrale. E l'America dal nord.

Nelle prossime settimane sono previste diverse previsioni su come dovrebbe essere la stagione degli uragani del Nord Atlantico di quest'anno, che inizierà il 1° giugno. A seconda delle condizioni dell’oceano e di ciò che si prevede per l’atmosfera nei prossimi mesi, le previsioni indicheranno inevitabilmente una stagione da superiore a ben superiore alla media.

Perché la stagione degli uragani quest'anno? Perché ha tutto per essere più attivo del solito, con numerosi e violenti uragani che raggiungono le zone di approdo. Ma su cosa si basa questa ansia? Ci sono diverse ragioni: il ritorno di La Niña, un Oceano Atlantico molto caldo, e i dati dei modelli climatici.

Inizialmente, è stato dimostrato che La Niña aumenta la probabilità che il Nord Atlantico registri più uragani tra giugno e novembre. Questo perché riduce il wind shear (divergenza) nella regione in cui si formano e avanzano gli uragani. El Niño ha l’effetto opposto e, sebbene fosse presente l’anno scorso, la stagione degli uragani del 2023 si è conclusa al di sopra della media.

READ  PRO TV – Theo Rose ha compiuto 26 anni! Come si sono congratulati con lei i suoi cari e i colleghi del mondo dello spettacolo

In questo momento, il Pacifico tropicale sta ancora sperimentando El Niño, ma nei prossimi mesi è prevista una rapida transizione verso La Niña con una breve fase di neutralità. Il picco della stagione degli uragani del 2024, tra agosto e ottobre, si verificherà con La Niña che già colpirà l’Oceano Pacifico e influenzerà il clima su scala globale, compreso il Nord Atlantico.

Un altro fattore molto importante è la temperatura del mare nell'Oceano Atlantico. Gli uragani si formano dall'energia dell'acqua calda. Pertanto, più il mare è caldo, maggiore è la probabilità che nella regione si verifichi una stagione degli uragani superiore alla media. L’anno scorso, le temperature oceaniche insolitamente calde hanno portato una stagione significativamente più attiva di quanto i meteorologi si aspettassero, data la presenza del fenomeno El Niño. Sette delle ultime stagioni hanno visto più tempeste rispetto alla media storica.

I meteorologi stanno monitorando soprattutto una parte dell'Oceano Atlantico. Si chiama abbreviato: MDR. Questo si chiama grande sviluppo regionale. La temperatura in questa parte dell’Oceano Atlantico, chiamata MDR, è attualmente molto più alta del normale.

Perché è importante? La Major Development Region (MDR) è la parte dell'Oceano Atlantico settentrionale delimitata tra 10°N-20°N e 20°W-60°W dove circa il 79% di tutti gli uragani intensi si formano da onde orientali che avanzano dall'Africa. La quantità di attività dei cicloni tropicali che si forma nell’MDR influenza fortemente l’attività complessiva della stagione degli uragani.

Brian McNoldy/Università di Miami

Se la MDR sarà molto calda, come lo è adesso, e nei prossimi mesi le acque rimarranno ai livelli attuali o più calde, ci saranno le condizioni ideali per una stagione degli uragani molto attiva. La combinazione di due segnali molto favorevoli per gli uragani, La Niña nel Pacifico e il riscaldamento dell'Atlantico, è la combinazione perfetta per una stagione degli uragani più attiva del solito con conseguenze disastrose.

READ  Può (o dovrebbe) la scienza dimostrare l’esistenza di Dio? | cultura

Ciò comincia a essere dimostrato nei modelli climatici con proiezioni a lungo termine. I dati indicano precipitazioni da superiori a ben superiori alla media durante la stagione nelle aree in cui si formano e avanzano gli uragani, dall’Africa costiera ai Caraibi, all’America centrale e agli Stati Uniti sudorientali.

ECMWF

Segnalare precipitazioni superiori alla media è, secondo molti meteorologi, indice di un maggior numero di cicloni tropicali (tempeste tropicali e uragani), fenomeni che, oltre a venti dannosi, causano anche quantità insolite di pioggia ovunque passino. .

Tuttavia, i meteorologi ritengono che sia troppo presto per dire che questa stagione sarà disastrosa. Allo stesso modo, non è ancora chiaro perché l’Oceano Atlantico si stia riscaldando più degli altri oceani, o quanto durerà questo riscaldamento.

MetSul Meteorologia è disponibile sui canali WhatsApp. sottoscrizione Qui Per accedere al canale dell'applicazione di messaggistica e ricevere previsioni, avvisi e informazioni sugli eventi meteorologici e climatici più importanti in Brasile e nel mondo, con dati e informazioni esclusivi del nostro team di meteorologi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply