È arrivato (e quasi passato ormai) il periodo natalizio, sono arrivate le luminarie, gli alberi di Natale, Mariah Carey  (per gli amici Maiale al Curry) e il degno compare Michael Bublé, i trigliceridi e chi più ne ha più ne metta. Altra cosa che ha caratterizzato gli ultimi giorni è stata la tendenza a tirare delle somme, a ricapitolare tutto quello che ci è successo nell’ultimo anno nei diversi ambiti nella nostra vita. E stavo appunto contando le diete abbandonate e le ore della mia vita perse su Netflix quando mi sono messa a pensare a tutti i film che sono passati per le sale negli ultimi 365 giorni. Ho deciso di aspettare fino all’ultimo per dare spazio ai film di dicembre come il nuovo Star Wars (che il mio animo nerd ha amato tantissimo).

Così ho deciso di elencare quelli che secondo me sono i 5 migliori film del 2015 con le relative motivazioni. Ovviamente arriverà anche la controparte polemica e critica, elencherò anche le 5 pellicole che ho ritenuto inguardabili, ma ogni cosa a suo tempo. Dovrò canalizzare l’odio represso durante le festività per dare il meglio di me, ma arriverà il momento giusto. Per adesso però cominciamo con i film che a mio parere hanno meritato l’attenzione del pubblico per un motivo o per un altro.

1. Mad Max: Fury Road

maxresdefault

Ve ne avevo parlato entusiasticamente anche qui, descrivendovi il ritorno esplosivo di George Miller che con la sua strabiliante direzione artistica ha concepito scene trasudanti azione ed energia. Ottima performance di Tom Hardy nei panni di Max Rockatansky che però è solo apparentemente il protagonista, la vera eroina è Furiosa (interpretata da una strepitosa Charlize Theron), deus ex machina del film. Botta di giusto femminismo dunque per questo capolavoro che su Rotten Tomatoes è stabile ad un 94% di apprezzamento.

2. Jurassic World

2015-jurassic-world-pratt

Vi avevo parlato anche di quello qui, ma devo dire che riguardandolo mi sono un po’ ricreduta. Dopo aver scritto la recensione in cui lo definivo un classico blockbuster e niente di più, sono andata a rivedermelo con un atteggiamento diverso e ho cambiato idea. È vero, è sempre un blockbuster, un remake/sequel che puntava a fare cassa e non a rivoluzionare il mondo del cinema, ma con la sua freschezza e la simpatia di Chris Pratt ha fatto centro nel cuore del pubblico e un po’ anche nel mio. L’avevo sottovalutato, per farmi perdonare ammetto il mio errore e lo piazzo nelle 5 migliori pellicole del 2015.

3. Inside Out

img_0079.jpeg

Devo ammettere che ultimamente sottovaluto i film d’animazione, probabilmente perché sono nel periodo di transizione tra la tarda adolescenza e l’età adulta in cui per fare i fenomeni si rifiuta tutto ciò che è infantile. Con Inside Out questo processo non è arrivato alla sua normale conclusione, non sono riuscita ad ignorare una pellicola così interessante. Avevo rimosso quanto la Pixar e la Disney riuscissero a creare dei capolavori capaci di attirare un pubblico di tutte le età. La storia è originale, i personaggi sono affascinanti e divertenti, i tempi comici sono perfetti e il “momento lacrimuccia” da cartone animato non è particolarmente melenso e, anzi, è piacevole. Insomma, quello che sto cercando di nascondere dietro la mia maschera da bulla è che mi mancava farmi un piantarello su un bel capolavoro di animazione. Piantarello dal ridere ovviamente, coff coff…

4. Sopravvissuto: The Martian

 

Di questo ve ne avevo parlato qui con un po’ di ritardo rispetto all’uscita italiana del film, ci ho messo davvero tanto a capire perché l’ultimo lavoro di Ridley Scott mi sia piaciuto così tanto. Sono arrivata alla conclusione che con delle riprese così belle, delle geometrie quasi perfette, l’ottimo equilibrio tra ironia e dramma e il crollo della quarta parete che coinvolge attivamente lo spettatore non potevo che rimanere affascinata dalla pellicola. E poi dai, lo spazio è sempre molto figo.

5. Star Wars: Episodio VII – Il Risveglio della Forza

Attesa straziante e ripagata in modo più che soddisfacente. Il mio animo nerd, come accennavo prima, è stato saziato dall’ultimo capitolo di una delle saghe più amate e popolari della storia del cinema. Qui vi ho spiegato il perché (senza spoiler, sono una persona orribile ma non fino al punto di spoilerare Star Wars), ma fondamentalmente ho amato i nuovi personaggi Rey e Finn e il nuovo droide di cui voglio procurarmi al più presto un modellino da coccolare come ogni cimelio che si rispetti. In più, le tante citazioni ai capitoli precedenti e l’armonia che si percepisce nell’equilibrio tra realtà e fantascienza mi hanno cullata facendomi venire voglia di rivederlo il giorno dopo la proiezione al cinema. Ottima conclusione del mio anno cinematografico.

Ovviamente ho visto tanti altri film che mi sono piaciuti molto e che per un motivo o per l’altro non ho considerato tra i migliori 5. Ora come ora non posso fare altro che augurarmi che questo 2016 riservi tante altre belle sorprese, a cominciare dall’hype che mi pervade per il nuovo film del mio regista preferito. Chi è? Di che film sto parlando? Uhuh lo scoprirete presto. Parole d’ordine: violenza e comicità.