Allenatore privato in una squadra diversa – Repress.gr

Da qualche parte a ovest dell’Africa c’è una striscia di terra orizzontale circondata dal Senegal. Questo è il Gambia, uno dei paesi più poveri del pianeta. Un abitante su due vive al di sotto della soglia di povertà, mentre in alcune zone questa percentuale supera il 70%. Quando nel 2014 Sheikh Sibi raggiunse un’età in cui poteva capire esattamente cosa significassero questi numeri per il suo futuro, prese la grande decisione di lasciare sua madre e i suoi fratelli e cercare una vita migliore in Europa.

Con un solo zaino ha vissuto per cinque giorni su un vecchio carro da operaio attraversando verticalmente il deserto del Sahara. Rimase poi per alcuni mesi a Tripoli, in Libia, dove lavorò come assistente disegnatore, e infine raggiunse l’Europa su una nave traballante che lo lasciò, con poche centinaia di altri criminali come lui, a Lampedusa, un’isola italiana al di sotto della Sicilia. . Ha fatto tutto questo all’età di sedici anni. Completamente solo.

Dopo il suo arrivo in Italia, le autorità lo hanno trasferito nel centro di accoglienza per migranti di Verona, una delle città italiane più conservatrici. Quando i dirigenti del centro gli chiesero quali competenze avesse per aiutarlo a trovare un lavoro, lui disse loro, ancora pervaso dall’innocenza adolescenziale, che era un ottimo portiere. Dopo poco tempo si dirigeva nella zona est della città, dove era di stanza la Virtus Verona.

Il portiere Sheikh Sibi con i suoi nuovi amici in Europa

La Virtus è stata fondata nel 1921 e ha gareggiato per gran parte della sua storia a quello che affettuosamente chiamiamo livello “domestico”. In una città di 700.000 abitanti, che per molti anni ha avuto due grandi club con una presenza consistente in Serie A, non c’era abbastanza spazio per un terzo club popolare. Ma la Virtus si è evoluta in qualcosa di diverso. In più di una semplice squadra di calcio che rappresenta un piccolo quartiere.

READ  Saturno e le sue 156 lune: la NASA ha mostrato immagini (foto) inedite | NOTIZIE.am TECNOLOGIA

Nel corso del tempo, il club ha saputo raccogliere attorno a sé persone che non vedevano il calcio come qualcosa di isolato dalla società. In quell’angolo di Verona la parola d’ordine è solidarietà e tutte le persone sono benvenute, senza distinzione di colore, nazionalità o religione. Anche se oggettivamente piccola nelle dimensioni e in alcuni casi limitata nelle capacità, Virtus fa tutto il possibile per aiutare la comunità locale così come gli “outsider” e i meno fortunati che finiscono lì in cerca di una vita migliore o di una seconda vita .

Questi principi furono espressi nella dichiarazione di Sinibaldo Nocini, che ne fu presidente per vent’anni negli anni Sessanta e Settanta:

“Il nostro obiettivo principale è educare le persone attraverso lo sport e aiutare i bambini a divertirsi giocando. E se tra loro troviamo anche dei bravi atleti, è solo una sorta di bonus. Lo scopo principale del lavoro del club va oltre calcio. I successi si misurano non tanto con le vittorie quanto con la creazione e lo sviluppo di valori sociali che consideriamo importanti”.

Per raggiungere questi obiettivi la Virtus ha creato diversi programmi. Da molti anni (è iniziato negli anni ’90 quando i primi migranti economici provenienti dall’Albania si stabilirono nella zona) il club cerca e talvolta aiuta migranti e rifugiati provenienti da diversi paesi dell’Europa, dell’Asia e dell’Africa, ed ex detenuti in cerca di una nuova vita. Autorità ma anche ex tossicodipendenti che si trovano nella fase finale del percorso di riabilitazione e cercano modi per reinserirsi nella società.

Inoltre, ogni giovedì da quasi quarant’anni organizza un grande banchetto, dove tutti mangiano insieme, indipendentemente dalla posizione gerarchica (secondo il presidente “Tutto è iniziato nel mio garage, con mia madre che cucinava il risotto per tutti, e poi è diventato così”). “Ci siamo trasferiti in un ristorante locale che ci sostiene”, mentre una volta all’anno tutta la squadra parte per un viaggio all’estero che solitamente unisce divertimento e formazione. Nella lista delle destinazioni troviamo Tunisia, Panama, Brasile, Giamaica, Repubblica Dominicana, Stati Uniti e luoghi più esotici.

READ  Il controverso ritorno dell'ex influencer più popolare cinese Li Ziqi dopo una pausa di due anni sta scatenando una tempesta online sul cambiamento di aspetto

Continuare a leggere

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply