Allarme tempestivo delle Nazioni Unite: la carenza di cibo nella Striscia di Gaza supera di gran lunga i livelli di carestia e stanno per verificarsi morti di massa.

L’ONU avverte: la carenza di cibo a Gaza supera di gran lunga i livelli di carestia e le morti di massa sono imminenti

Financial Associated Press 18 marzo (a cura di Niu Zhanlin)Lunedì, ora locale, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura ha pubblicato un rapporto in cui afferma che la carenza di cibo nella Striscia di Gaza supera di gran lunga i livelli di carestia e che si prevede che la carestia si verificherà nella Striscia di Gaza settentrionale in qualsiasi momento da qui a maggio 2024. Ciò ha portato alla morte di numerosi grandi locali.

L’agenzia stima che il 70% della popolazione nel nord di Gaza soffre attualmente di grave carenza di cibo, superando di gran lunga la soglia del 20% che le Nazioni Unite considerano carestia. Di conseguenza, le Nazioni Unite hanno avvertito che la Striscia di Gaza dovrà affrontare il rischio di carestia se le ostilità non si fermeranno e gli aiuti umanitari su larga scala non raggiungeranno i più bisognosi.

Si stima che quasi 1,1 milioni di persone nella Striscia di Gaza abbiano completamente esaurito le loro scorte di cibo e stiano lottando contro una fame catastrofica. Prima di questa tornata di conflitto, meno dell’1% della popolazione della regione devastata dalla guerra soffriva di malnutrizione acuta.

“Le persone a Gaza stanno morendo di fame mentre la crisi provocata dalla fame e dalla malnutrizione si estende a Gaza a un ritmo allarmante. Le possibilità di prevenire una carestia diffusa sono estremamente limitate, e per farlo dobbiamo lavorare”, afferma il rapporto. “Inviare immediatamente aiuti e i rifornimenti verranno inviati nella regione settentrionale”.

READ  Il Medio Oriente è in ebollizione: cos’è la guerra israelo-palestinese e come è iniziata (documentario)

Il rapporto aggiunge che la carestia potrebbe essere contenuta anche nel nord di Gaza se alle agenzie di soccorso fosse consentito di fornire cibo, acqua, nutrimento, medicine, servizi sanitari e igienico-sanitari su larga scala a tutti i civili. Per raggiungere questo obiettivo è necessario un cessate il fuoco umanitario”.

Anche per soddisfare i bisogni alimentari di base sono necessari almeno 300 camion che entrino a Gaza ogni giorno e distribuiscano cibo, soprattutto nel nord. I funzionari israeliani e di Hamas non sono riusciti a raggiungere un cessate il fuoco, rendendo più difficile l'ingresso di aiuti umanitari nell'area.

“A Gaza, le persone non sono più sull’orlo della carestia, ma in uno stato di carestia che colpisce migliaia di persone – ha dichiarato lunedì Borrell, capo della politica estera dell’UE – Ciò è inaccettabile: la fame viene utilizzata come mezzo di guerra. ” “Con le armi, Israele sta causando una carestia provocata dall’uomo”.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha definito il rapporto un “atto d’accusa scioccante” e ha affermato che Israele deve consentire l’accesso illimitato agli aiuti a tutte le aree di Gaza. “Questo è un disastro completamente causato dall’uomo che può essere fermato”.

Inizialmente Israele non ha consentito l'ingresso di aiuti a Gaza se non attraverso due posti di blocco all'estremità meridionale di Gaza. Il governo israeliano afferma che sta aprendo più rotte terrestri consentendo anche il trasporto marittimo e i lanci aerei.

Israele afferma che la sua valutazione sul campo differisce da quella delle Nazioni Unite e che non esiste una carestia diffusa in nessuna parte di Gaza, sebbene ci siano grossi problemi con la distribuzione del cibo.

READ  Andra Galban di Bistritsa, Campionessa Nazionale Italiana di Danza, con il suo partner Alessandro - Bistritia

Il giorno precedente, il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia aveva indicato che le operazioni militari israeliane nella Striscia di Gaza avevano portato all'uccisione di oltre 13.000 bambini palestinesi. Molti bambini soffrivano di grave malnutrizione ed erano addirittura “incapaci di piangere”.

Secondo gli ultimi dati della FAO, tutti i residenti della Striscia di Gaza si trovano ad affrontare una grave insicurezza alimentare. Rispetto ai dati diffusi nel dicembre 2023, l’insicurezza alimentare acuta nella Striscia di Gaza è peggiorata e ampliata. L’insicurezza alimentare nella Striscia di Gaza ha raggiunto i livelli più alti mai registrati, ha affermato Beth Bechdol, vicedirettore generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply