[جامعة أوكاياما للعلوم]Rivitalizzare il territorio attraverso attività sportive e culturali/seminario finalizzato alla costituzione di una società no-profit |

Tenendo un simposio sul tema della rivitalizzazione regionale attraverso attività sportive e culturali

Il 10 novembre, l’Università delle Scienze di Okayama, che mira a creare un’organizzazione senza scopo di lucro che fungerà da organizzazione madre per rivitalizzare l’area di Okayama e contribuire all’area attraverso una guida su attività sportive e culturali, ha tenuto un incontro presso il campus di Okayama il 11 novembre. Il gruppo di studio della Management Association ha tenuto un simposio dal titolo “. Esperti interni ed esterni all’università si sono impegnati in accese discussioni, creando slancio per la sua istituzione il prossimo anno.

All’inizio dell’incontro, il presidente dell’Università delle Scienze, Hiroyuki Hirano, ha dichiarato: “Attraverso un vivace scambio di opinioni, vorrei ricevere discussioni utili affinché l’organizzazione senza scopo di lucro che stiamo attualmente progettando diventi un’entità indispensabile nella regione”. ‘ Saluti.
Successivamente, Masaya Yasui, allenatore di baseball dell’Università delle Scienze e associato al College of Business, che diventerà il direttore esecutivo dell’organizzazione no-profit, ha parlato della filosofia dell’organizzazione no-profit di “creare nuove comunità locali”. “Offrire sport a tutte le persone”. “Forniremo un luogo in cui i bambini possano godere di attività culturali e miriamo a sviluppare risorse umane che possano contribuire alla società”. Ha inoltre spiegato: “Vogliamo creare un ambiente comunitario in cui i bambini possano immergersi e divertirsi, piuttosto che concentrarsi sulla vittoria o sulla perdita”. Abbiamo anche introdotto attività specifiche.

Successivamente, abbiamo parlato con Sadakazu Goto, segretario generale del Waseda Club, un’organizzazione no-profit simile con oltre 20 anni di esperienza, ed ex direttore del Waseda University Rugby Club. Sul palco salirà il professor Takahisa Yamaguchi della Business School dell’Università delle Scienze. Il segretario generale Goto ha affermato che il Waseda Club ha quasi 1.800 membri, gestisce scuole per studenti delle scuole elementari e medie, anziani e altri in collaborazione con i dipartimenti di educazione fisica dell’Università di Waseda e offre rugby, calcio e cheerleader, con esempi delle attività. In 17 ambiti lavorativi. Ha menzionato anche l’esperienza nella gestione del club e il reddito aziendale.
D’altra parte, il professor Yamaguchi ha detto: “Vorremmo iniziare con il baseball e poi espanderlo”, aggiungendo: “Stiamo pensando a un modello in cui le lezioni dei bambini portino all’attivazione della stessa comunità locale. ”

READ  30 Le migliori recensioni di Bilancia Professionale Per Alimenti testate e qualificate con guida all'acquisto

I cinque partecipanti che hanno preso parte alla tavola rotonda erano il presidente Hirano, il segretario generale Goto, il presidente della federazione sportiva della prefettura di Okayama Takamasa Koshimon, Shukichi Miyashita, professore in visita presso l’Università di Scienza e Tecnologia, e Keita Maijima, membro del consiglio comunale di Okayama. . I tre argomenti erano: (1) Qual è l’importanza di gestire un’organizzazione sportiva senza scopo di lucro a Okayama? (2) Qual è l’importanza per i bambini? (3) Qual è l’importanza per gli studenti? Quasi 120 persone si sono riunite sul posto per scambiare opinioni in modo vivace, molti di loro prendendo appunti con entusiasmo.

I dati principali sono i seguenti.

Presidente Itsusu: “Nel 2014, la Prefettura di Okayama si è dichiarata “Prefettura dello sport” con l’obiettivo di rivitalizzare la regione attraverso la costruzione di comunità e città attraverso il potere dello sport, e il lavoro per promuovere lo sport permanente e gli sport agonistici è stato completato con successo ” Attualmente, una delle questioni principali è la transizione delle attività dei club dall’istruzione scolastica alle aree locali, e il problema più grande è come garantire gli allenatori. Sarei grato se le università potessero svolgere un ruolo attivo nel processo di transizione da adesso. In questo senso, nutro grandi speranze per l’organizzazione no-profit che l’Università di Scienze di Okayama creerà.

Il Visiting Professor Miyashita: “Lo sport è una grande opportunità per gli studenti di mostrare il proprio carattere e il proprio potenziale all’interno della comunità locale. Penso che sarebbe divertente e fantastico se potessimo dimostrarlo attraverso un candidato.”

Direttore Generale Goto: ‘Quando abbiamo lanciato il Waseda Club, speravamo che si diffondesse ad altre università, ma anche dopo 20 anni, non si è diffuso facilmente. Questa volta l’Università delle Scienze di Okayama fa sul serio. Sono davvero felice di sapere che lo inizieranno. Non importa quanto sia grande o piccolo. Penso che sia positivo che duri 10 o 20 anni.

READ  L'Unione Europea vuole relazioni più profonde: MP

Rep. Maijima: “Penso che fare sport insieme e insegnare sport possa aiutare a creare un flusso in cui le persone sviluppano un legame con Okayama attraverso lo sport, vanno all’università a Okayama e lavorano a Okayama.” Penso che questa sia l’organizzazione no-profit organizzazione. “

Presidente Hirano: “Quando insegni sport, potresti essere insegnato dai bambini a cui insegni, quindi penso che sia importante avere la sensibilità e l’intuizione per notare queste cose. Quando insegni sport, acquisisci un senso di autoaffermazione al di fuori del college. Credo che questo porterà alla crescita per gli studenti stessi. Voglio che sperimentino cose che non sarebbero in grado di fare durante le lezioni universitarie e crescano.


Sito ufficiale dell’Università delle Scienze di Okayama. Questa università ha 8 facoltà, 20 dipartimenti, 1 corso e 2 scuole di specializzazione in due campus: Okayama City, Prefettura di Okayama e Imbari City, Prefettura di Ehime. Fornire informazioni sull’Università delle Scienze di Okayama, comprese le scuole universitarie e di specializzazione, informazioni sugli esami di ammissione e sulla vita studentesca.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply